Bryan Coquard (Direct Énergie) vince la seconda tappa della 4 Jours de Dunkerque 2016 © AFP
Bryan Coquard (Direct Énergie) vince la seconda tappa della 4 Jours de Dunkerque 2016 © AFP

4 Giorni di Dunkerque, ancora uno squillo per Bryan Coquard: il capoclassifca precede Bouhanni e Jans

La seconda frazione della 4 Giorni di Dunkerque si è risolta come nelle previsioni allo sprint: nei 188 km disputati attorno ad Aniche come ieri ha prevalso Bryan Coquard, partito bene ai meno 200 metri dal traguardo. Il corridore della Direct Énergie, giunto al sesto successo stagionale, ha superato Nacer Bouhanni (Cofidis, Solutions Crédits) partito anche oggi in ritardo; sul terzo gradino del podio sale il belga Roy Jans (Wanty-Groupe Gobert). La top 10 viene completata da Rudy Barbier (Roubaix Lille Métropole), dall’argentino Maximiliano Richeze (Etixx-Quick Step), dal belga Kenny Dehaes (Wanty-Groupe Gobert), dall’olandese Raymond Kreder (Roompot-Oranje Peloton), dal belga Boris Vallée (Fortuneo-Vital Concept), dal colombiano Leonardo Duque (Delko Marseille Provence KTM) e dal francese Benjamin Giraud (Delko Marseille Provence KTM).

In classifica Coquard incrementa: ora il forte pistard ha 10″ su Bouhanni, 12″ su Marco Frapporti (Androni Giocattoli-Sidermec) che ieri aveva conquistato secondi di abbuoni negli sprint intermedi, a 12″ anche il lituano Gediminias Bagdonas (AG2R La Mondiale) mentre a 14″ si trovano gli olandesi della Roompot-Oranje Peloton Raymond Kreder e Kai Reus.

Ci aveva provato come suo solito Alexis Gougeard ma il talento dell’AG2R La Mondiale, partito ai meno 10 km, è stato ripreso quando mancavano 4.5 km; poco dopo anche Yoann Offredo (FDJ) aveva cercato l’evasione, senza però esito positivo. Domani tocca alla Béthune-Saint Pol sur Ternoise di 174 km, tappa assai ondulata.

Archivio

La vignetta di Pellegrini