La volata vincente di Xandro Meurisse (Crelan-Vastgoedservice) alla 4 Jours de Dunkerque © Ouest-France.fr
La volata vincente di Xandro Meurisse (Crelan-Vastgoedservice) alla 4 Jours de Dunkerque © Ouest-France.fr

Il belga Xandro Meurisse nega a Bryan Coquard il poker alla Quattro Giorni di Dunkerque, ottimo terzo posto di Marco Frapporti

Nella quarta tappa della 4 Jours de Dunkerque la vittoria è andata a Xandro Meurisse della Crelan-Vastgoedservice. Il ciclista belga ha colto la sua prima vittoria stagionale beffando negli ultimi metri il leader Bryan Coquard (Direct Energie), che cercava la quarta vittoria consecutiva. Al terzo posto un ottimo Marco Frapporti (Androni Giocattoli-Sidermec) che, già protagonista di un attacco nella penultima salita a -10 km dal traguardo insieme a Laurent Pichon (FDJ), negli ultimi 700 metri, ha tentato di sorprendere tutti con un allungo che, però, è stato chiuso da uno scatenato Coquard, e si è dovuto accontentare del terzo gradino del podio di giornata. Al quarto posto si è piazzato Pierrick Fedrigo (Fortuneo-Vital Concept), seguito da Dion Smith (One Pro Cycling) in quinta posizione. La top ten è completata da Damien Gaudin (Ag2r La Mondiale) sesto e Delio Fernández (Delko Marseille Provence KTM) settimo a 3″dal vincitore, Yoann Offredo (FDJ) ottavo e Rasmus Quaade (Stölting Service Group) nono a 11″, infine Mirko Selvaggi (Androni) che chiude decimo a 16″, precedendo Niki Terpstra (Etixx-Quick Step). Grazie al grandissimo lavoro della sua squadra, la Direct Energie, in particolare di Sylvain Chavanel che lo ha assistito e trascinato nella parte più impegnativa del percorso, Bryan Coquard resta in testa alla classifica generale con un vantaggio di 24″ su Frapporti, 25″ su Meurisse, 36″ su Dion Smith e Fedrigo e 39″ su Delio Fernández e Gaudin. Domani nella quinta e ultima tappa della 4 Jours de Dunkerque (159 km con partenza da Hondschoote e arrivo a Dunkerque) gli uomini di classifica tenteranno il tutto per tutto per scalzare Coquard dalla testa della classifica.

Archivio

La vignetta di Pellegrini