Il podio del Trophée de la Maison Royale in Marocco © CyclismActu.net
Il podio del Trophée de la Maison Royale in Marocco © CyclismActu.net

Negli ultimi giorni si è corso anche in Marocco: le vittorie a Vaubourzeix, Sahbaoui e Lahsaini

Fra giovedì, sabato e domenica il ciclismo marocchino ha visto la presenza nel suo territorio di un trittico di gare. Ad aprile le fila lo scorso 5 maggio è stato il Trophée Princier, disputato sulla distanza di 145 km tra Ouazzane e Martil: la vittoria è andata al francese Thomas Vaubourzeix (qui con la maglia del Comitie Côte d’Azur), capace di anticipare di 12″ un gruppetto di una dozzina di unità. La lotta per la piazza d’onore è stata fatta sua da Said Bdadou (Maroc Régional Nord) su Abdellah Hida (Al Marakeb), sul tedesco Jonas Hellmann (Team EmbraceTheWorld), su Ilyas Rabhi (Maroc Régional Nord), Soufiane Sahbaoui (Maroc Régional Centre), Adnane Aarbia (Maroc Régional Nord), sul tedeso Lorenz Fiege (Team EmbraceTheWorld), su Hatim Karmouchi (Al Marakeb) e su Mohcine El Kouraji (Nazionale marocchina).

Sabato 7 la carovana ha affrontato, in occasione del Trophée de l’Anniversaire, la M’diq-Tangeri di 170 km: in questo caso sono stati sei i corridori, tutti marocchini a giocarsi il successo. Ha prevalso Soufiane Sahbaoui su Mounir Makchoun (Nazionale marocchina), su Mohcine El Kouraji, su Mouhssine Lahsaini (Nazionale marocchina), su Hicham Benouzza (Maroc Régional Centre) e su Mohamed Er Rafai (Nazionale marocchina). A 26″ la coppia formata da Abdelatif Saadoune (Nazionale marocchina) e Ahmed Galdoune (Nazionale marocchina) mentre a 34″ sono giunti Hassan Amahzoune (Équipe du Sahel) e Abdellah Hida.

Terzo e non ultimo appuntamento il Trophée de la Maison Royale di domenica 8 tra Tangeri e Souk Arbaa du Ghrab per complessivi 154 km. Stavolta la partita si è ridotta ad uno sprint a due nel quale Mouhssine Lahsaini ha avuto la meglio su Thoma Vaubourzeix. Rispetto alle altre due giornate i distacchi sono stati più dilatati: il terzo, Mohcine El Kouraji, è arrivato a 1’10” mentre per il resto della top 10 il gap aumenta sempre più. Nell’ordine hanno terminato Bader Iferd (Maroc Régional Nord), Julian Hellmann e Abdelatif Saadoune a 2’33”, Mohamed Er Rafai a 3’11”, Lorenz Fiege, Aziz Chaqri (Équipe du Sahel) e Abdellah Hida a 10’53”.

Archivio

La vignetta di Pellegrini