La vittoria di Daniel Jaramillo (UnitedHealthCare) a Pinos Altos © UHCProCycling.com
La vittoria di Daniel Jaramillo (UnitedHealthCare) a Pinos Altos © UHCProCycling.com

Tour of the Gila, l’ultima tappa è di Daniel Jaramillo, corsa a Lachlan Morton. Tra le donne doppio successo per Mara Abbott

Frazione conclusiva con arrivo in salita per il Tour of the Gila. Nella Silver City-Pinos Altos di 162 km è stato Daniel Jaramillo a cogliere il primo successo stagionale: il colombiano della UnitedHealthcare ha avuto la meglio per 3″ sul connazionale Janier Acevedo mentre a 14″ si sono classificati il britannico Tao Geoghegan Hart (Axeon Hagens Berman), il canadese Rob Britton (Rally Cycling), gli australiani Jonathan Clarke (UnitedHealthcare) e Lachlan Morton (Jelly Belly), lo statunitense Chad Beyer (Lupus Racing Team), il canadese Alexander Cataford (Silber Pro Cycling) e lo sloveno Janez Brajkovic (UnitedHealthcare). Il podio della classifica generale non conosce modifiche rispetto alla partenza della quinta tappa: sul gradino più alto sale Morton che vince con 1’06” su Cataford e 1’10” su Britton. In quarta posizione chiude Acevedo a 1’42”, a seguire Jaramillo a 1’59”, Geoghegan Hart a 2’03”, lo statunitense Matthew Busche (UnitedHealthcare) a 2’41”, Brajkovic a 2’42”, l’eterno Chris Horner (Lupus Racing Team) a 4’25” e Clarke a 4’30”.

Nella prova femminile il dominio di Mara Abbott giunge sino al termine: la forte scalatrice, qui impegnata con la maglia della Amy D. Foundation, ha distanziato nei 106 km di gara di 21″ Scotti Lechuga (Hagens Berman), di 23″ Mindy McCutcheon (Canyon Bicycles-Shimano) e la canadese Jasmin Glaesser (Rally Cycling), di 27″ l’altra canadese Sara Poidevin (Rally Cycling) e Katie Hall (UnitedHealthcare). La vincitrice del Giro Rosa 2010 e 2013 conquista per la sesta volta in carriera, la quarta di fila, la corsa del New Mexico: a 3′ tondi di distacco coglie la seconda piazza l’esperta Kristin Armstrong (TWENTY16) mentre terza a 3’3″ è la Glaesser. Completano la top 10 Brianna Walle (Team TIBCO)a 3’39”, la neozelandese Linda Villumsen (UnitedHealthcare) a 4’11”, Hall a 5’06”, Lauren Stephens (Team TIBCO) a 5’52”, Lechuga a 6’03”, la giapponese Eri Yonamine (Hagens Berman) a 6’25” e Abigail Mickey (UnitedHealthcare) a 6’37”.

Archivio

La vignetta di Pellegrini