Rinaldo Nocentini (Sporting-Tavira) © SuperSporting.net
Rinaldo Nocentini (Sporting-Tavira) © SuperSporting.net

Debutta in Portogallo il GP Beiras: al via Rinaldo Nocentini, Luca Wackermann e l’Amore & Vita – Preview e startlist

Ogni nascita di una nuova corsa è una buona notizia, soprattutto se avviene in un paese dalla buona tradizione ma che nelle ultime stagioni ha parecchio faticato per problemi di varia natura. Parte oggi in Portogallo il Grande Prémio Internacional Beiras e Serra da Estrela, prova che per tre giorni nella zona centrale del paese, zona brulla, scarsamente abitata e particolarmente montagnosa.

Quindici le formazioni iscritte, solo due delle quali Professional: la parte del leone la farà verosimilmente la Caja Rural-Seguros RGA, particolarmente in forma nelle ultime uscite. Nella compagine spagnola i padroni di casa Domingos e José Gonçalves e Ricardo Vilela verranno accompagnati dagli esperti David ArroyoSergio Pardilla e da Ángel Madrazo. Più modesta la ONE Pro Cycling con la meteora John Kronborg Ebsen a cercare di ritornare quello visto negli anni asiatici. Per il resto la folta schiera delle Continental portoghesi che si daranno battaglia, a cui questa volta si aggiunge anche la nazionale di casa con José Mendes e Sérgio Sousa. Occhio inoltre ai sempre temibili russi della Lokosphinx.

Ben rappresentato anche il ciclismo italiano: per l’Amore & Vita-Selle SMP saranno di scena Eugenio Bani, Danilo Celano, Pierpaolo Ficara, Paolo Lunardon e Marco Zamparella. Tra i papabili per il successo finale c’è Rinaldo Nocentini che guida la Sporting-Tavira mente l’azzurro plurivittorioso della stagione, il lombardo Luca Wackermann, punta ai traguardi parziali con la sua Al Nasr-Dubai.

 

A questo link la startlist ufficiale 

 

Il percorso
Venerdì 13 – 1a tappa: Pinhel – V Formoso (145 km), con tre gpm ma un probabile arrivo allo sprint
Sabato 14 – 2a tappa: Sabugal – Fundão (198 km), tappa mossa e con arrivo in quota
Domenica 15 – 3a tappa: Guarda – Penhas Saúde (194 km), frazione decisiva con il primo gpm a metà gara che porta il gruppo a 2000 metri slm e mentre l’arrivo giunge al termine di 20 km di salita

 

Come seguire la corsa
Non è prevista alcuna trasmissione né in diretta né in differita.

Archivio

La vignetta di Pellegrini