Abderrahmane Mansoure © Algeria Press Service
Abderrahmane Mansoure © Algeria Press Service

Il Tour de Tunisie va all’algerino Abderrahmane Mansouri

Non si disputava dal lontano 2004, quando vinse il sudafricano Jeremy Maartens davanti agli azzurri Alfonso Falzarano e Simone Biasci. Il Tour de Tunisie è finalmente tornato in ballo in questo 2016, conquistando tuttavia il poco invidiabile primato di gara più oscura della stagione: i risultati delle quattro tappe disputate tra sabato e martedì sono stati resi noti solamente quest’oggi.

La prima frazione di 116 km ad Hammamet si è risolta con uno sprint di gruppo: a prevalere è stato Yousuf Mirza (Nazionale emiratina) che ha avuto la meglio sul marocchino Essaïd Abelouache (Nazionale marocchina) e sugli algerini Abderrahmane Bechlagheme (Sharjah Team), Nassim Saidi e Yacine Hamza, questi ultimi in gara con la maglia della propria nazionale. Grazie agli abbuoni incontrati lungo il percorso la maglia di leader è andata al francese Justin Jules (Veranclassic-AGO)

Anche la seconda tappa da Hammamet a Sousse di 112 km ha visto una volata a ranghi compatti: ad imporsi è stato il capoclassifica Justin Jules che ha battuto nell’ordine i già citati Abelouache, Saidi, Hamza e l’algerino Abderrahmane Mansouri (Sharjah Team). Il transalpino ha conservato la maglia gialla con 1″ su Abelouache e 3″ su Hamza.

Più movimentata è stata la terza giornata da Sousse a Nabeul di 154 km: il successo è andato al francese Thomas Vaubourzeix (Comitie Côte d’Azur) che in un minisprint a tre ha regolato Mansouri e il marocchino Reda Aadel (Al Marakeb). A 13″ è giunto un plotoncino di otto unità nel quale Saidi ha preceduto Mirza. Le insegne del primato sono andate a Mansouri con il medesimo tempo di Aadel e Vaubourzeix.

L’ultimo appuntamento si è tenuto tra Hammamet e Zaghouan di 173 km: lo sprint a due è andato al belga Matthias Legley (Veranclassic-AGO) che ha avuto la meglio sul marocchino Mouhssine Lahsaini (Nazionale marocchina) mentre la prima parte del gruppo è giunta a 18″, regolata da Abelouache sul belga Niels De Rooze (Veranclassic-AGO) e su Mirza,

La classifica è dunque andata all’algerino Abderrahmane Mansouri (Sharjah Team) con 1″ di vantaggio sul marocchino Reda Aadel (Al Marakeb) e sul francese Thomas Vaubourzeix (Comitie Côte d’Azur), 10″ sull’emiratino Yousef Mirza (Nazionale emiratina), 13″ sul Niels De Rooze (Veranclassic-AGO), sull’eritreo Elyas Aferweki (Sharjah Team) e sul marocchino Soufiane Sahbaoui (Nazionale marocchina), 14″ sul tunisino Hassen Ben Nasser (Nazionale tunisina), 38″ sul marocchino Mouhssine Lahsaini (Nazionale marocchina) e 56″ sul marocchino Abdellah Hida (Al Marakeb).

Archivio

La vignetta di Pellegrini