Il podio finale del Gp de Saguenay © Gp de Saguenay
Il podio finale del Gp de Saguenay © Gp de Saguenay

Gp de Saguenay, ultima tappa a Eric Young. La classifica a Ryan Roth

L’ultima frazione del Grand Prix de Saguenay, disputata a Chicoutimi sulla distanza di 150 km, ha visto il successo dello statunitense Eric Young (Rally Cycling) il quale ha preceduto di 1″ i canadesi Ryan Roth (Silber Pro Cycling) e Edward Walsh (Team RaceClean), di 5″ Alexis Cartier (Garneau Québecor) e di 8″ lo statunitense Jacob Rathe (Jelly Belly p/b Maxxis) e il francese Thomas Vaubourzeix (Lupus Racing Team). Il gruppo, giunto a 34″, è stato regolato dall’estone Mikhel Räim (Cycling Academy Team) sul canadese Benjamin Perry (Silber Pro Cycling), sullo statunitense Sam Bassetti (Ride with Rendall) e sull’australiano Michael Rice (Garneau Québecor).

La classifica generale ha visto un ribaltone tutto interno alla Silber Pro Cycling: il leader alla partenza Perry è stato scalzato dal più esperto compagno di squadra Ryan Roth, che migliora il secondo posto ottenuto un anno fa. Il margine che separa i due è di 6″, mentre è di 10″ il ritardo pagato dal terzo, l’estone Räim. Completano la top 10 finale Vaubourzeix a 38″, i canadesi Alexander Cataford (Silber Pro Cycling) a 47″ e Matteo Dal Cin (Silber Pro Cycling) a 52″, quest’ultimo vincitore nel 2015; settimo è lo statunitense Joshua Berry (Jelly Belly p/b Maxxis) a 52″, ottavo il ceco Daniel Turek (Cycling Academy Team) a 54″, nono il canadese Pierrick Naud (Rally Cycling) a 1’03” e decimo l’altro padrone di casa Nicolas Masbourian (Silber Pro Cycling) a 5’55”.

Archivio

La vignetta di Pellegrini