Tuscany Gravel Road Race 2016
Tuscany Gravel Road Race 2016

Archiviata la prima Gravel Race della Toscana

Un grande successo per la tre giorni di Radicondoli: tanti partecipanti alle gare, molti gli appassionati che hanno provato per la prima volta le Gravel Bike. Appuntamento al prossimo anno

È ormai consegnata ai racconti la prima edizione della Tuscany Gravel Road Race che si è corsa domenica 19 giugno tra Radicondoli e Belforte, passando per Anqua e Cornocchia, in Provincia di Siena, ai confini con quelle di Pisa e Grosseto.

Una centuria di appassionati della bici provenienti da tutta Italia, dalla California dalla Germania e dall’Ungheria, non si sono fatti spaventare dal meteo per niente promettente e si sono presentati alla partenza dei tre percorsi previsti, quello per bici Gravel di 89 km e i due per cicloturisti di 57 e 28 km.

Tuscany Gravel Road Race 2016

La festa era cominciata ben prima, già venerdì 17 con la musica del DJ Viagra e sabato 18 con quella della banda cittadina e il concerto “THE SHAKERS – FIFTIES ROCK & ROLL MUSIC”.

Nella giornata di sabato in molti hanno potuto provare vere bici da Gravel messe a disposizione nei vari stands delle case

costruttrici presenti nella piazza di Radicondoli per esporre le loro novità.

Si poteva anche visitare la mostra “Ciclofumetti” di Davide Berrettini, allestita nell’atrio del Comune dall’Associazione Culturale “Il Veliero delle Arti” o solo fare due passi lungo le vie del Borgo dell’Alta Valdelsa già pronto ad accogliere i partecipanti e le loro famiglie.

Tuscany Gravel Road Race 2016

La bici da Gravel, breccia per gli americani, è nata in California da pochissimi anni e sembra inventata proprio per percorrere le strade bianche che sono caratteristiche delle Terre di Siena in sicurezza e con divertimento. Sembra infatti una bici da strada, avendo lo stesso tipo di manubrio, ma ha la possibilità di montare ruote di dimensioni più generose proprio per poter affrontare le strade bianche in sicurezza ed anche in velocità, garantendo tenuta e confort allo stesso tempo.

La formula della manifestazione radicondolese, organizzata dalla 100Miglia ASD, prevedeva 4 prove speciali cronometrate intervallate da trasferimenti ad andatura molto rilassata che ha consentito ai concorrenti di godere dei panorami e della natura, facendo foto e apprezzando anche i prodotti gastronomici del territorio nei ristori lungo il percorso e presso il Circolo di Belforte.

Passando alla cronaca della gara, da segnalare il miglior tempo fatto registrare nella prima speciale dal marchigiano Davide Foresto, poi ritiratosi per foratura, il quale ha dato poco più di un secondo di distacco all’ungherese del Balaton Bence Kuntár.

Tuscany Gravel Road Race 2016

Alla fine è stato proprio Bence Kuntár, su 3T Exploro, a vincere questa prima edizione della Tuscany Gravel Road Race di Radicondoli con il tempo totale di 32’14”, relegando a meno di 1′ Gioacchino Sforza di Acquapendente e ad oltre 3′ Federico Fuligni di Medicina (BO).

Tra le donne ha prevalso  una autentica star delle due ruote, la pavese Ausilia Vistarini, che ha pedalato su una Cannondale messa a disposizione dal Team Scavezzon.

Ha messo dietro Angela Zizza di Modena, ma tesserata per la Bulletta Bike di Castenuovo Berardenga e Francesca Luzzana, bergamasca del Team Cinelli.

Nei percorsi cicloturistici hanno prevalso i ciclisti del Gruppo Ciclistico Arbia sul G.C. Val di Merse.

Alla fine della ricca premiazione a base di prodotti gastronomici locali, gli organizzatori hanno dato appuntamento a tutti per il 2017.

Radicondoli e Belforte saranno pronte a ricevere i partecipanti alla seconda edizione.

Archivio

La vignetta di Pellegrini