Vincenzo Albanese passa alla Bardiani © Bardiani CSF
Vincenzo Albanese passa alla Bardiani © Bardiani CSF

Vincenzo Albanese passa professionista con la Bardiani CSF

Uno delle rivelazioni del panorama under 23 passa professionista: come previsto la destinazione di Vincenzo Albanese è la Bardiani CSF. Il ventenne campano di nascita e toscano d’adozione milita quest’anno con la Hopplà-Petroli Firenze per la quale ha vinto cinque prove come il Gp di Liberazione. Ad esse si aggiunge il Trofeo Matteotti vinto tra i professionisti con la maglia azzurra.

Le sue parole sono state: «L’opportunità che mi sta offrendo la Bardiani CSF è di quelle imperdibili e l’ho accettata con entusiasmo. L’idea di fare il salto di categoria dopo solo due stagioni da under non mi spaventa perché so di compierlo con una squadra a misura di giovane. Sto vivendo un’annata super e l’attenzione è inevitabilmente cresciuta. Ho corso e vinto tra i professionisti e questo mi ha dato la consapevolezza di essere pronto. Metto in conto che non sarà facile e, seppur finora mi sia abituato bene, dovrò rimettermi in discussione, imparare, migliorare. Se poi avrò la chance di ritagliarmi qualche spazio, non mi farò trovare impreparato. rima di pensare alla nuova stagione punto però a finire alla grande il 2016. Spero di ricevere presto una chiamata azzurra per il Tour de l’Avenir, per il Mondiale a magari per qualche altra gara tra i professionisti. Un altro successo sarebbe il modo migliore per congedarmi dal team Hopplà e dal presidente Lastrucci che tanto ha fatto per me quest’anno».

Il patron del team Bruno Reverberi ha aggiunto: «Aggiungere un corridore di talento come Albanese alla nostra formazione 2017 è sicuramente un bel colpo. Quest’anno sta dimostrando una costanza di rendimento notevole, ma noi non lo scopriamo solo ora. Già da juniores ne avevamo riconosciuto le potenzialità e aspettavamo solo il momento giusto per offrigli un contratto da  prof. Come ogni talento va tutelato e aiutato a crescere. Talvolta le aspettative possono diventare un peso e un ostacolo alla crescita. Siamo convinti che Vincenzo possa diventare un buon corridore e lavoreremo affinché questo accada»,

Archivio

La vignetta di Pellegrini