Francisco Mancebo taglia il traguardo ad Edmonton © Tour of Alberta
Francisco Mancebo taglia il traguardo ad Edmonton © Tour of Alberta

Tour of Alberta, ultima tappa a nonno Mancebo. Carpenter vince la generale per 1″

A Edmonton si è disputata la quinta ed ultima frazione del Tour of Alberta: in un circuito da ripetere più volte per complessivi 124 km a spuntarla è stato uno dei vecchietti del ciclismo internazionale come Francisco Mancebo. Lo scalatore spagnolo della SkyDive Dubai, in fuga con altri elementi, è stato bravo a resistere da solo all’incedere del plotone conquistando, a quarant’anni suonati, una gran bella vittoria.

Il gruppo, giunto a 4″, è stato regolato dal norvegese Kristoffer Skjerping (Cannondale-Drapac) che ha preceduto lo statunitense Colin Joyce (Axeon Hagens Berman), il canadese Peter Di Sera (H&R Block Pro Cycling), lo statunitense John Murphy (UnitedHealthcare), il canadese Kris Dahl (Silber Pro Cycling), lo statunitense Alex Howes (Cannondale-Drapac), lo svizzero Grégory Rast (Trek-Segafredo), lo statunitense Robin Carpenter (Holowesko-Citadel) e il canadese Ben Perry (Silber Pro Cycling).

Nessun cambiamento in classifica per cui a salire sul gradino più alto del podio è lo statunitense Robin Carpenter. L’interessante ventiquattrenne supera per un solo secondo l’olandese Bauke Mollema (Trek-Segafredo). Terzo a 7″ è lo statunitense Evan Huffman (Rally Cycling).

Nella top ten si sono poi classificati Joyce a 18″, il canadese Alexander Cataford (Silber Pro Cycling) a 32″, lo statunitense Daniel Eaton (UnitedHealthcare) a 35″, i canadesi Niger Ellsay (Silber Pro Cycling) a 52″ e Antoine Duchesne (Nazionale canadese) a 53″, Howes a 1’01” e l’australiano Angus Morton (Jelly Belly p/b Maxxis) a 1’03”.

Archivio

La vignetta di Pellegrini