Il podio del Grand Prix de Wallonie © Twitter
Il podio del Grand Prix de Wallonie © Twitter

Al GP de Wallonie Gallopin rompe il lungo digiuno: battuto un rimontante Vakoc

Non vinceva dal lontano marzo 2015, quando fece sua una tappa della Paris-Nice con uno splendido attacco da lontano. Oggi Tony Gallopin è tornato al successo al Grand Prix de Wallonie: il francese della Lotto Soudal, iniziatore di un tentativo attorno ai meno 18 km dal termine ma annullato dal plotone, è stato bravo a scattare nel momento giusto nella salitella che porta alla cittadella fortificata di Namur.

Attorno ai 1200 metri dal traguardo Gallopin ha accelerato e nessuno ha saputo riprenderlo, riuscendo così a tagliare il traguardo per primo. Alle sue spalle, autore di una superba ma tardiva rimonta, Petr Vakoc: il ceco della Etixx-Quick Step si è mosso troppo tardi e, scattando nell’ultimo km, è riuscito solo a prendere la coda del rivale proprio sulla linea del traguardo.

Sul terzo gradino del podio sale Jérôme Baugnies (Wanty-Groupe Gobert); completano la top ten l’olandese Huub Duyn (Roompot-Oranje Peloton), il francese Nicolas Edet (Cofidis, Solutions Crédits), i belgi Aimé De Gent (Topsport Vlaanderen-Baloise) e Baptiste Planckaert (Wallonie Bruxelles), il danese Rasmus Guldhammer (Stölting Service Group), il francese Jonathan Hivert (Fortuneo-Vital Concept) e il tedesco Fabian Wegmann (Stölting Service Group).

Archivio

La vignetta di Pellegrini