Luke Durbridge e Svein Tuft, qui ritratti nel 2013 © Twitter
Luke Durbridge e Svein Tuft, qui ritratti nel 2013 © Twitter

Duo Normand, vittoria alla coppia Orica. Nella prova amatoriale morto un britannico

A Marigny, nel Nord della Francia, si è disputato il classico Duo Normand, una prova contro il tempo a coppie, nata nel 1982 traendo ispirazione dal Trofeo Baracchi. A vincere la gara riservata agli élite sono stati Luke Durbridge e Svein Tuft: il duo della Orica-BikeExchange ha fatto registrare un parziale di 1h04’12” e ripetendo i successi del 2012 e del 2013. L’australiano e il canadese diventano così i plurititolati della manifestazione a parimerito con Chris Boardman e Thierry Marie, anch’essi a tre affermazioni ma non in coppia fra loro.

Sul podio sono saliti i danesi Lars Carstensen e Martin Toft Madsen (Team Almeborg-Bornholm) distanziati di 1’31” e il francesi Johan Le Bon e Marc Fournier (FDJ) a 1’47”. Completano la top 10 i britannico Jonathan Dibben e Scott Davies (Team Wiggins) a 1’47”, gli australiani Callum Scotson e Miles Scotson (Nazionale australiana) a 2’27”, i norvegesi detentori del titolo Truls Korsaeth e Reidar Borgersen (Team Joker) a 2’34”, i francesi Rémi Cavagna e Corentin Ermenault (Nazionale francese) a 2’43”, i francesi Anthony Delaplace e Arnaud Gérard (Fortuneo-Vital Concept) a 2’46”, i belgi Christophe Prémont e Elias Van Breussegem (Verandas Willems) a 3’55” e i belgi Sander Cordeel e Brecht Dhaene (Verandas Willems) a 4’12”.

La giornata è stata però funestata da un grave fatto di cronaca: nella mattinata, in occasione della prova riservata agli amatori, il sessantunenne britannico Ian Bashford è deceduto. Il londinese, che gareggiava con l’amico Peter Gray, è stato colpito da una vettura al seguito della corsa quando mancavano 200 metri al termine per cause ancora da chiarire. Lo sfortunato inglese è morto sul colpo mentre il compagno di squadra non è stato colpito dal veicolo. L’organizzazione aveva valutato di annullare la manifestazione ma i membri del medesimo club del defunto hanno chiesto di continuare la giornata di gara per onorare la memoria dell’amico scomparso.

Archivio

La vignetta di Pellegrini