Abderrahman Zahiri sul podio di giornata © Sport-Ivoire.ci
Abderrahman Zahiri sul podio di giornata © Sport-Ivoire.ci

Il Tour de Côte d’Ivoire si apre nel segno del Marocco: vince Zahiri davanti a El Kouraji

Con una frazione di 97.2 km si è aperto ieri il Tour de Côte d’Ivoire-Tour de la Réconciliation. Questa è la quarta edizione di fila della prova africana che però può vantare un passato glorioso tra anni cinquanta e anni sessanta (fino al 1960 la Costa d’Avorio era ancora territorio francese) con la vittoria finale nel 1957 di Raphaël Geminiani.

Un anno fa la corsa venne conquistata da Mouhssine Lahsaini, ma in quest’edizione il marocchino non è presente. Vi è, invece, la selezione del paese maghrebino che ha fatto il bello e il cattivo tempo: a prevalere è stato Abderrahim Zahiri che ha preceduto di 3″ il connazionale Mohcine El Kouraji. A 2’13” è giunto l’ivoriano Abou Sanogo marcato stretto dal marocchino El Mehdi Chokri; il gruppo principale ha tagliato il traguardo a 2’16”, regolato dal ruandese Joseph Biziyaremye sull’altro marocchino Soufiane Haddi, sul ruandese Gasore Hategeka, sul camerunese Robert Fosing, sul burkinese Harouna Ilboudo e sul marocchino Salah Eddine Mraouni. Nel corso della giornata la seconda tappa di 133.8 km da Bouaké a Dabakala.

Archivio

La vignetta di Pellegrini