James Shaw passa professionista con la Lotto Soudal © Lotto Soudal
James Shaw passa professionista con la Lotto Soudal © Lotto Soudal

Tre neopro’ per la Lotto Soudal: arrivano Mertz, Shaw e Wouters

La Lotto Soudal continua anche in questa sessione di mercato la propria politica in favore dei giovani: la squadra belga ha infatti annunciato l’ingaggio, tutti con un contratto biennale, di tre giovani corridori alla prima esperienza tra i professionisti. Si tratta dei belgi Rémy Mertz e Enzo Wouters e del britannico James Shaw.

Il ventunenne Mertz, che proviene dalla Color Code-Arden Beef, ha dichiarato: «Sono fortunato a raggiungere un team simile in così giovane età. È quanto di meglio possa esserci per la mia crescita: basti pensare come sono migliorati Tiesj Benoot, Louis Vervaeke e Tim Wellens. Il primo anno tutto sarà nuovo e dovrò imparare molto. Sono specialista nelle prove vallonate ma voglio crescere anche in quelle del pavé».

Il ventenne Shaw arriva dal vivaio della Lotto Soudal ed ha aggiunto: «Sono onorato di poter restare con il team; da stagista ho potuto correre il Tour of Britain ed è stata un’esperienza emozionante. Sono un passista ma avendo vent’anni non ho ancora ben capito che tipo di corridore potrò diventare».

Anche l’altro ventenne Wouters arriva dalla formazione di sviluppo. Queste le sue parole: «Fino a metà stagione non pensavo di poter essere promosso ma da allora ho migliorato i risultati. È una bella sensazione sapere che un team come questo creda in me. Il ds della Lotto Soudal Under 23 Kurt Van der Wouver mi ha insegnato molto e che bisogna sempre imparare dai propri errori. Come velocista ovviamente prediligo le gare pianeggianti ma nel 2014 sono giunto terzo alla Paris-Roubaix juniores e mi piacerebbe migliorare sulle pietre».

Il team manager Marc Sergeant ha riassunto: «Diamo sempre l’opportunità ai giovani di crescere perché sappiamo che i risultati arrivano col tempo. Con l’arrivo di Shaw e Wouters stimoliamo gli altri appartenenti al team under 23 a dare il massimo. La storia di James mostra che non cerchiamo solo i belgi, ma diamo opportunità a tutti. Credo che Rémy possa andare bene su tutti i terreni mentre abbiamo voluto Enzo perché ci sono pochi sprinter belgi tra i professionisti e crediamo che possa mettersi subito in mostra».

Archivio

La vignetta di Pellegrini