Iltjan Nika impegnato nella cronometro iridata a Firenze nel 2013 © Janimal Photography
Iltjan Nika impegnato nella cronometro iridata a Firenze nel 2013 © Janimal Photography

Nel 2017 la Mastromarco pedala su bici Merida. E arriva anche Iltjan Nika

È appena terminata la stagione ma per il GS Mastromarco è già tempo di pensare al 2017: la formazione toscana, che chiude il 2016 con nove vittorie, può già contare su dodici elementi per la prossima annata, a cui se ne aggiungeranno altri prossimamente. I confermati cono Paolo Baccio, Michele Corradini, Tommaso Fiaschi, Davide Masi, Mirco Sartori e Emanuele Scardigli a cui si aggiungono quattro atleti provenienti dagli juniores come Niccolò Ferri, Nikolas Huber, Leonardo Marchiori e Federico Rosati.

Tra i nuovi innesti anche Gabriele Vigilante, che arriva dalla Hopplà Petroli Firenze, e l’albanese Iltjan Nika che è reduce da due stagioni in maglia D’Amico-Bottecchia. Il direttore sportivo Gabriele Balducci spiega: «Nika rappresenta una bella sfida, non dimentichiamoci che questo ragazzo nel 2013, ai Mondiali di Firenze, vinse la medaglia di bronzo nella prova in linea su strada degli junior, e la passata stagione ha vinto i titoli nazionali di Albania strada e crono tra gli under 23».

Un’altra novità riguarda la fornitura di biciclette, che nel 2017 sarà targata Merida grazie al legame con Vincenzo Nibali, che nella formazione pistoiese è cresciuto e a cui è rimasto legato. Il presidente del GS Mastromarco Carlo Franceschi dichiara: «In virtù di questo nuovo progetto costruito attorno alla figura di Vincenzo, che come sempre ci da una grande mano in tutto, ricordando le sue origini qui a Mastromarco, nel 2017 i nostri giovani squali avranno a loro disposizione biciclette Merida. Il brand Merida inoltre sarà presente come sponsor anche sulle divise della squadra. Per noi questo è davvero un grosso aiuto. La partnership con Vincenzo e il suo entourage non si ferma qui. Stiamo lavorando per fare le cose fatte bene, ma le altre novità verranno presentate un po’ alla volta nelle prossime settimane».

Archivio

La vignetta di Pellegrini