Il Team Giant-Alpecin in posa dopo il successo di Walscheid © Twitter
Il Team Giant-Alpecin in posa dopo il successo di Walscheid © Twitter

Hainan, Pasqualon sfiora il successo: Walscheid lo batte e si prende la maglia

La terza frazione del Tour of Hainan, disputata tra Haikou e Chengmai sulla distanza di 208 km, ha visto otto atleti arrivare quasi in contemporanea, grazie ad una larga sede stradale che ha permesso loro di disputare uno sprint così caotico (tra primo e ottavo la differenza è inferiore ad una bicicletta).

A prevalere è stato Max Walscheid (Team Giant-Alpecin), alla prima vittoria da pro’: il ventitreenne tedesco ha preceduto il vicentino Andrea Pasqualon (Team Roth), alla quinta piazza d’onore stagionale e ancora alla ricerca di un contratto per il 2017. Terzo posto per il tedesco Tino Thömel (RTS-Monton Racing).

L’alternanza tedesco-italiana continua con il quarto posto di Roberto Ferrari (Lampre-Merida). La top ten vede poi nell’ordine il franco-colombiano Leonardo Duque (Delko Marseille Provence KTM), il brasiliano Rafael Andriato (Wilier Triestina-Southeast), l’australiano Brenton Jones (Drapac), lo svizzero Dylan Page (Team Roth), il kazako Andrey Lutsenko (Astana Pro Team) e l’ucraino Andriy Kulyk (Kolss BDC Team).

Complice l’abbuono Walscheid conquista anche la maglia gialla di capoclassifica, che ora guida con 6″ su Andriato e sul kazako Roman Tleubayev (Astana Pro Team). Domani appuntamento con la Chengmai-Danzhou di 159.4 km, altra occasione per le ruote veloci.

Archivio

La vignetta di Pellegrini