Cominelli a braccia alzate al Gp d'Abruzzo © Cicloweb
Cominelli a braccia alzate al Gp d'Abruzzo © Cicloweb

Cominelli e Casasola trionfano nel GP d’Abruzzo

Alla nazionale di ciclocross sfortunato Bertolini, così vola il bresciano

La prima edizione del Gran Premio d’Abruzzo di ciclocross, disputata quest’oggi a Chieti su un percorso spettacolare e molto esigente nei pressi del lago Teaterno (la gara, che inizialmente era stata designata come tappa del Giro d’Italia di ciclocross, era inserita nell’ambito della challenge “Adriatico Cross Tour), ha riportato nuovamente alla ribalta il bresciano Cristian Cominelli, vincitore con autorevolezza nel capoluogo teatino.

Dorigoni batte Bertolini per il secondo posto
La gara Open, scattata alle ore 14, ha visto partire subito molto forte l’alfiere del PRD Sport Factory Team, tallonato subito da Nadir Colledani, Gioele Bertolini e Jakub Dorigoni. Già nel corso della seconda tornata però Cominelli ha aumentato sostanzialmente il suo vantaggio, approfittando di una foratura di Bertolini, che ha perso così alcune posizioni. Quando il campione italiano ha cercato di rimontare è però incappato per ben due volte nella scollatura di un tubolare, venendo raggiunto anche dal compagno di team Jakub Dorigoni. Le sfortunate vicissitudini del valtellinese hanno così spianato la strada a Cominelli, che ha proseguito in perfetta solitudine andando a centrare la vittoria. A 1’30” esatto la volata per la seconda posizione ha visto prevalere Dorigoni davanti a Bertolini, con la coppia della Selle Italia Guerciotti che ha così completato il podio. Quarta posizione per Nadir Colledani a 2’17”, quinta per Stefano Capponi a 2’25”. Il sesto posto è stato appannaggio di Stefano Sala a 3’36”, quindi a completare la top ten ci hanno pensato Antonio Folcarelli (giunto a 3’57”), Stefano Valdrighi (a 4’46”), Luca Ursino (a 4’54”) e Mattia Marcelli (a 4’57”).

«Il percorso era molto divertente – spiega Cominelli – assai impegnativo nei pressi del lago e abbastanza tecnico nella parte centrale. Ho cercato di andare col mio ritmo, cercando di mantenere un certo gap tra me e gli inseguitori, poi Bertolini ha avuto un nuovo problema e così l’ultimo giro si è rivelato meno impegnativo. Comunque sia è stata una gara dura e sono molto contento. Ho iniziato molto presto, fin dal mese di agosto, con la preparazione dopo aver concluso la stagione in Mountain Bike. Le prime gare sono andate molto bene, speravo in un buon risultato ed è arrivata anche la vittoria. Ora probabilmente mi prenderò qualche giorno di pausa e poi inizierò a prepararmi per arrivare al massimo della forma al campionato italiano che sarà il mio principale obiettivo».

Casasola demolisce Teocchi al femminile
Grazie ad uno splendido assolo invece la giovanissima Sara Casasola ha conquistato il successo nella gara riservata alle Donne Open, andando via fin dalle prime battute e riuscendo a distanziare tutte le altre avversarie fino a giungere in solitaria sul traguardo. A 1’08” ha chiuso in seconda posizione la campionessa europea Under 23 Chiara Teocchi mentre al terzo posto ha completato il podio la campionessa italiana juniores Francesca Baroni, terza a 1’50”, con Alessia Bulleri e Allegra Arzuffi a completare la top 5.

Vittoria in solitaria anche per Lorenzo Calloni, alfiere della Selle Italia Guerciotti, che ha avuto la meglio tra gli juniores su Giulio Galli, Patrick Favaro, Alberto Brancati e Loris Conca. Tra gli Allievi vittorie per Emanuele Huez tra i ragazzi e Giulia Bertoni tra le ragazze mentre nella categoria Esordienti i successi sono andati rispettivamente a Ettore Loconsolo e Asia Ranucci.

Archivio

La vignetta di Pellegrini