Ed Clancy in azione a Manchester © Revolution Champions League
Ed Clancy in azione a Manchester © Revolution Champions League

Revolution Champions League, a Manchester trionfa la JLT Condor

Gli squadroni del World Tour sono usciti con le ossa rotte dalla prima delle due prove della Revolution Champions League: nella due giorni al velodromo di Manchester ad imporsi è stata la JLT Condor con Ed Clancy e Jon Mould che ha totalizzato 199 punti, 27 in più del Team Pedalsure di Andy Tennant e Iljo Keisse; terzo posto con 127 per la Maloja Pushbikers che schierava in gara Maximilian Beyer e Nick Stöpler.

In classifica la migliore delle squadre World Tour è stata, come prevedibile, la Sky che si è affidata a Peter Kennaugh ed al campione olimpico Elia Viviani: i neroazzurri si sono piazzati in quarta posizione con 107 punti con il veronese che è riuscito a strappare un buon 3° terzo posto nello Scratch di venerdì sera. Dodicesimo e ultimo posto per la Lampre-Merida che a Manchester ha schierato Roberto Ferrari e Davide Cimolai.

La classifica
1. JLT Condor (Clancy-Mould) 199 p.
2. Team Pedalsure (Keisse-Tennant) 172 p.
3. Maloja Pushbikers (Beyer-Stöpler) 127 p.
4. Team Sky (Kennaugh-Viviani) 107 p.
5. Cannondale-Drapac (Bevin-Mullen) 89 p.
6. Team Wiggins (Dibben-Doull) 83 p.
7. Team Giant-Alpecin (Sinkeldam-Waeytens) 72 p.
8. Team LottoNL-Jumbo (Groenewegen-Van Winden) 70 p.
9. France-Alé (Bacon-Semon) 58 p.
10. Trek-Segafredo (Coledan-Theuns) 53 p.
11. Orica-BikeExchange (Bewley-Meier) 42 p.
12. Lampre-Merida (Cimolai-Ferrari) 25 p.

Archivio

La vignetta di Pellegrini