Kristoff festeggia, Grosu sbatte il pugno © Tim De Waele
Kristoff festeggia, Grosu sbatte il pugno © Tim De Waele

Terzo giro di Alexander per tutti

Tris di Kristoff in Oman, sul podio Grosu e Modolo. A Ben Hermans la generale

Doveva essere tris e tris è stato: Alexander Kristoff vince la terza volata su tre e conquista l’ultima tappa del Tour of Oman 2017 e la maglia verde della classifica a punti. Buon terzo posto per Sacha Modolo (UAE Abu Dhabi), dietro a Grosu (Nippo – Vini Fantini). Ben Hermans vince la classifica generale.
Dopo la tappa regina di ieri, si riparte per la frazione finale con Ben Hermans (BMC Racing) in maglia rossa di leader con 22” su Rui Costa (UAE Abu Dhabi) e 35” su Fabio Aru (Astana Pro Team): la The Wave Muscat – Matrah Corniche di 130.5 km non dovrebbe mettere in pericolo le sorti della maglia rossa in quanto presenta solo due asperità molto brevi e lontane dal traguardo e si presta, molto presumibilmente, ad uno sprint di gruppo. Favoritissimo di giornata Alexander Kristoff dopo le vittorie della prima e della quarta tappa; il norvegese tenterà di riprendersi la maglia verde della classifica a punti e una vittoria glielo consentirebbe.

3 uomini in fuga, c’è Iljo Keisse
Solita partenza alle 11 locali e questa volta tre battistrada guadagnano subito vantaggio su un gruppo che non reagisce, gli uomini in questione sono: Aimè De Gendt (Sport Vlaanderen – Baloise), Benjamin Giraud (Delko Marseille Provence KTM) e Iljo Keisse (Quick Step Floors), già vincitore di tappa al Giro d’Italia e al Giro di Turchia.
Dopo un’ora di corsa la distanza percorsa è di 44.8 km e il vantaggio dei tre fuggitivi si è stabilizzato sui 2 minuti grazie al lavoro della Katusha Alpecin per Alexander Kristoff.

Lotta per la maglia di corridore più aggressivo, il gruppo rimonta
L’Aqua Blue Sport inizia ad inseguire, preoccupata che De Gendt possa insidiare la maglia di corridore più aggressivo (a pois verdi e rossi) detenuta da Mark Christian; sulla salita di Al Hamriyah (800 m al 9.8 %) si stacca Giraud e davanti rimangono in due: De Gendt conquista il traguardo volante davanti a Keisse e a Preben Van Hecke (Sport Vlaanderen – Baloise), nel frattempo scattato dal gruppo per conquistare punti per la maglia a pois.
Sull’ultimo GPM di giornata (Al Jissah, 1.4 km al 9%) è ancora De Gendt a passare per primo e a diventare il nuovo leader per la maglia a pois, davanti al suo compagno Van Hecke in classifica.

Fase finale, Bardet e Van Avermaet attaccano
L’inseguimento della Katusha si fa sempre più intenso e a 15 km dal traguardo, solo Iljo Keisse, ha la forza di resistere al gruppo, con circa 50” di vantaggio. Il suo tentativo si esaurisce ai meno 6 dall’arrivo e su un brevissimo strappo assistiamo all’attacco di Romain Bardet (AG2R La Mondiale) e Greg Van Avermaet (BMC Racing): i due arrivano ad avere un vantaggio di 10” ma la Katusha non molla e li raggiunge ai 2 km dal traguardo.
La volata rispetta le attese ed è ancora Alexander Kristoff a portarsi a casa la vittoria, su un ottimo Grosu e sull’italiano Sacha Modolo. Al quarto posto si piazza Van Lerberghe (Sport Vlaanderen – Baloise), davanti a Belletti (Wilier Triestina) e a Sinkeldam (Team Sunweb). Al settimo posto troviamo Sonny Colbrelli (Bahrain Merida) e a seguire Hansen (Aqua Blue Sport), Sbaragli (Team Dimension Data) e Roy (WB Veranclassic Aquality Protect).

Una bella corsa che meriterebbe una copertura
Classifica generale invariata con Ben Hermans che conquista il Tour of Oman 2017, Kristoff vince la classifica a punti grazie alle sue tre volate vincenti, Kudus (Team Dimension Data) si conferma maglia bianca di miglior giovane con 23” di vantaggio sul compagno di squadra Morton e Aimè De Gendt è maglia a pois di corridore più combattivo.
È stato un Tour of Oman molto combattuto e divertente, i partecipanti non si sono affatto risparmiati e hanno cercato di scalfire la superiorità di Ben Hermans, attaccando anche nelle tappe meno difficile. Speriamo che questa corsa possa disputarsi anche il prossimo anno e che soprattutto possa avere una copertura televisiva simile a quella del Dubai Tour o dell’Abu Dhabi Tour (dal 23 febbraio con Quintana, Contador, Nibali e Aru).

Visita lo store di Cicloweb!

Ciclismo in Tv

Non ci sono eventi imminenti.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile