Elia Viviani vince alla Route du Sud nella tappa di Saramon © Route du Sud
Elia Viviani vince alla Route du Sud nella tappa di Saramon © Route du Sud

Route du Sud, Viviani centra la seconda stagionale!

Elia Viviani vince di prepotenza la seconda tappa della Route du Sud, imponendosi nettamente in volata sul traguardo di Saramon davanti a Carlos Barbero (Movistar Team) e Lorrenzo Manzin (FDJ). E’ la seconda vittoria stagionale per l’azzurro, dopo quella conquistata al Romandie.

Il campione australiano all’attacco
Dopo la splendida vittoria di ieri, Julien Loubet (Armée de Terre) riparte in maglia rossa di leader della generale. Il gruppo dovrà affrontare la Sor et Agout-Saramon di 173.8 km, tappa senza particolari difficoltà, nella quale verranno scalati due GPM di 3ª categoria e che presenta l’ultimo chilometro in leggera ascesa.

Come di consueto il via ufficiale viene dato alle 12:00 ma quest’oggi la fuga deve aspettare il chilometro 25 per diventare tale: Pello Olaberria (Euskadi Basque Country-Murias), David Menut (HP BTP-Auber 93) e Miles Scotson (BMC Racing Team), che ha vinto il campionato nazionale australiano in linea davanti a Gerrans e Haas, riescono ad evadere e a guadagnare oltre 6 minuti di vantaggio a 120 km dall’arrivo.

Scotson si porta a casa il primo traguardo volante di giornata, in località Montastruc-la-Conseillère, traguardo fissato in cima ad una salitella.

Armée de Terre e Sky collaborano, il vantaggio cala, Scotson non molla
La squadra di Loubet si mette in testa per contenere il vantaggio dei fuggitivi e viene coadiuvata dal Team Sky, che lavora per Elia Viviani e anche dalla Fortuneo, che proverà ad ottenere il risultato pieno con Daniel McLay, che un anno fa centrò addirittura un terzo posto di tappa al Tour de France.

A 30 km dal traguardo, all’imbocco dell’ultimo GPM di giornata, il distacco dei battistrada è sceso a 2′ 30″ e Miles Scotson decide di andarsene da solo, forte delle sue doti da pistard, e passa primo sul GPM.

Scotson fantastico ma sarà volata, Viviani non delude
Il gruppo si mette pancia a terra ma fatica nettamente a guadagnare sul solo Scotson, che sfodera una grande prestazione individuale, a 12 km dal traguardo il vantaggio è ancora ottimo, 1 minuto e mezzo.

Solo la collaborazione di 5 diverse squadre, permette al gruppo di avvicinarsi sempre più all’australiano, scendendo sotto i 30″ a 5,5 km dal traguardo e annullando la fuga 4 km dopo.

La Sky è in testa al gruppo per guidare Viviani, affiancata dal treno Movistar; Moscon porta Viviani ai 400 metri, il veronese si mette a ruota di José Joaquín Rojas Rojas (Movistar Team), parte piuttosto lungo e domina la volata, è vittoria per lui!

Al secondo posto Carlos Barbero (Movistar Team) e al terzo Lorrenzo Manzin (FDJ); completano la top-5 Jempy Drucker (BMC Racing) e Bryan Coquard (Direct Énergie). Ancora leader della classifica generale Julien Loubet (Armée de Terre).

Domani verrà presumibilmente deciso il vincitore della classifica generale: la Saint-Gaudens-Gavarnie Gèdre di 167 km sarà il vero tappone di questa edizione. A circa 100 km dal traguardo verrà scalato il Tourmalet da Bagnères de Bigorre, cui faranno seguito il RF de Gaborisse, con una pendenza media attorno al 7%, e la salita finale verso la località sciistica di Gavarnie Gèdre, all’estremo sud della Francia.

Ciclismo in Tv

Non ci sono eventi imminenti.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile