- Cicloweb - http://www.cicloweb.it -

Epic Marathon del Gargano, se lo spettacolo del ciclismo culmina… in spiaggia!

Vieste, Gargano… tutta la bianca città, sul suo lungomare, ha accolto i ciclisti che domenica 4 giugno sono stati impegnati nella “Epic Marathon del Gargano”, una quarta edizione ricca di nuovi dettagli e tappa del circuito nazionale FCI Marathon Tour.

In precedenza, qualche giorno prima, un nutrito gruppo di biker era partito alla volta della Foresta Umbra sia per testare il percorso di gara, appositamente segnalato e messo in sicurezza, sia per provare le E-Bike, biciclette con pedalata elettricamente assistita.

“Stiamo dando il massimo, curiamo ogni singolo dettaglio affinché questo evento sia memorabile per Vieste e per tutto il Gargano – questo era stato il commento di Maurizio Carrer, organizzatore del team Eurobike Corato – mai come questa volta avremo al via un parterre importante e tutti, anche gli ultimi, completeranno la gara con adrenalina e sorriso”.

E il parterre si è dimostrato davvero rilevante, a cominciare dal vincitore, il siciliano corridore della Baaria Giuseppe Di Salvo, ex professionista su strada e ora stella della mountain bike, che fino all’ultimo ha lottato con Elia Favilli (Bike Innovation Focus Pissei), contendendosi l’arrivo sulla spiaggia di Vieste tra due ali di pubblico.

È stata una gara che ha visto i due bikers protagonisti sin dalle prime battute, quando sono riusciti a distanziare da subito il gruppo degli inseguitori, formato da almeno 400 atleti, e che alla fine ha visto prevalere Di Salvo, che si è imposto per i 78 km del percorso, in 3h04’04” alla media di 25.10 km/h. Resterà particolarmente memorabile la volata finale fra i due “nemici”, in un insolito ultimo tratto di percorso in spiaggia, con tutta la suggestione e l’emozione del caso!

La risonanza dell’evento pugliese ha raggiunto anche regioni importanti per tradizione ciclistica nazionale, come Veneto e Toscana, quest’ultima salita sul podio con Leopoldo Rocchetti, della Bike Therapy. Per quanto riguarda la categoria degli under 23, si è classificato al primo posto il compagno di squadra di Rocchetti, il giovane Mirco Veroni, mentre la seconda posizione è toccata ad un atleta di casa, il pugliese Girolamo Ceci, sicura promessa del team Scott. Un po’ di delusione invece per il superfavorito della partenza, il beniamino di casa Paolo Colonna che, per una buona dose di sfortuna (tre forature in una sola gara sono davvero troppe!), si è piazzato soltanto al ventesimo posto.

Nella categoria femminile, grande prova di Maria Cristina Nisi (anche lei della Bike Innovation Focus Pissei), vera rivelazione della Marathon del Gargano, con un ritmo talmente elevato da risultare ostico anche per molti colleghi uomini: ha terminato alla ventiduesima posizione generale, nella classifica in promiscuità con i maschi, ma al primo posto fra le donne, davanti alla collega di squadra Nina Gulino e a Patrizia Tropiano, dell’UC Rionero Il Velocifero.

Grande soddisfazione è stata espressa dagli organizzatori Maurizio Carrer, già citato, del team Eurobike, e Stefano Martucci, titolare dell’Hotel I Melograni, che è stato sede della logistica: ottimo il riscontro raggiunto, nonostante qualche dettaglio ancora da perfezionare, che proietta il Gargano nel panorama nazionale e internazionale della mountain bike.

Per la prima volta, infatti, in Puglia si sono registrati tanti atleti professionisti, ben 15, oltre ai consueti cicloamatori e questo sogno realizzato è il preludio ad un progetto ancora più grande, poiché a questo punto può essere lecito pensare anche di portare a Vieste i Campionati Italiani nel 2018 o nel 2019!

Vogliamo concludere con una dichiarazione del vincitore, che racchiude in sé molti significati, dalla soddisfazione alla fatica, dalla gioia alla bellezza, dal rispetto alla competitività leale… “È andata bene, questa gara abbiamo cercato di renderla dura sin dalla prima salita. Una corsa davvero combattuta, ci siamo trovati presto in due e siamo andati di comune accordo sino al finale e poi ce la siamo giocata in volata. L’unica cosa che mi dispiace è che andando così di corsa non ci siamo goduti questo panorama, ci capita spesso solo di pregustarlo e vederlo di sfuggita”.

Non resta che dare appuntamento all’anno prossimo per la quinta edizione della Epic Marathon salvo imprevisti.

Potrà essere una bella occasione per trascorrere una bella vacanza (clicca qui per prenotare un hotel sul Gargano [1]).