- Cicloweb - http://www.cicloweb.it -

Tour de France 2017

  • Chiàmasi Tour de France, ovvero la corsa più importante del mondo, lèggesi “un’edizione particolarmente stramboide”, almeno dal punto di vista del percorso, che va a mettere in discussione alcuni degli assunti storici della Grande Boucle (le cronometro, ad esempio) con la stessa nonchalance con cui ne smentisce alcuni recenti (ci eravamo abituati volentieri a meno tappe pure da velocisti e a più finali mossi, quest’anno si fa dietrofront). Ma di sicuro la mano di Christian Prudhomme, direttore generale di ASO (e quindi del Tour stesso) si vede eccome.

    Si vede nella ricerca di salite nuove, alcune inedite, alcune viste raramente alla Boucle, altre proposte in veste insolita (l’Izoard arrivo di tappa!), ma soprattutto si nota nel gusto – che ormai abbiamo imparato a riconoscergli – di scompaginare le carte. Non arriva al livello della cronosquadre alla nona tappa (come due anni fa), ma riserva sorprese eccome. Moltiplica le catene montuose da affrontare (Vosgi, Giura e Massiccio Centrale oltre a Pirenei e Alpi), ma ne asciuga i contenuti: due sole frazioni pirenaiche, una che potrebbe essere una bomba, l’altra che sarà tutta da interpretare (100 km, le salite lontane dal traguardo); il compito di fungere da ultimo giudice in salita confermato alle Alpi, ma attenzione: l’ultima tappa di montagna arriva al giovedì, poi un venerdì da velocisti (o da fughe), una piccola crono al sabato, la classica passerella alla domenica. Il rischio che il Tour sia virtualmente chiuso a tre tappe dalla fine c’è eccome.

    E non mancano le brutture: si va a Liegi e non si affronta manco una salita da Doyenne; le frazioni per gli sprinter sono troppe (ne contiamo nove, forse dieci!), mentre i classicomani vengono abbastanza maltrattati (l’arrivo di Longwy, poi che altro?); nel finale di corsa forse manca una di quelle tappe di montagna alla “La Toussuire 2015”, ovvero quelle frazioni in cui si può attaccare da lontano per provare a ribaltare tutto; insomma, un Tour che come al solito fa discutere dal punto di vista del tracciato.

    Tutto il contrario per quel che riguarda la startlist: c’è quasi tutto il meglio da GT, manca giusto Vincenzo Nibali, per il resto da Chris Froome (che insegue la quaterna) agli eterni Alberto Contador e Alejandro Valverde, dal compassato Nairo Quintana allo speranzoso Richie Porte, dagli eroi di casa (Romain Bardet, Thibaut Pinot) a quelli d’Italia (Fabio Aru – e basta – per la classifica), senza contare i millanta outsider, i nomi per la generale sono come al solito tanti.

    E poi la crème della velocità (Marcel Kittel, André Greipel, Arnaud Démare, Michael Matthews, Mark Cavendish, Alexander Kristoff, Dylan Groenewegen, Nacer Bouhanni…) e delle classiche (tre nomi su tutti: Peter Sagan, Greg Van Avermaet, Philippe Gilbert), e tutta una serie di comprimari tra i quali, c’è da scommettere, come ogni anno verrà fuori qualche nuovo protagonista.

    Per l’Italia, in gara in 18, numero più altro delle ultime otto edizioni. A Fabio Aru abbiamo già accennato; andranno alla ricerca di tappe Sonny Colbrelli (in formissima) e Diego Ulissi, mentre cercheranno di ritagliarsi qualche spazio gli altrimenti gregari Matteo Trentin, Gianluca Brambilla, Fabio Felline, Alessandro De Marchi, Damiano Caruso, Dario Cataldo, Alberto Bettiol, Andrea Pasqualon, Matteo Bono, Marco Marcato, Manuele Mori, senza dimenticare i “trenisti” Davide Cimolai e Jacopo Guarnieri, Fabio Sabatini e Daniele Bennati.

  • TEAM SKY
    1 FROOME Christopher
    2 HENAO Sergio Luis
    3 KIRYIENKA Vasil
    4 KNEES Christian
    5 KWIATKOWSKI Michal
    6 LANDA Mikel
    7 NIEVE Mikel
    8 ROWE Luke
    9 THOMAS Geraint
    AG2R LA MONDIALE
    11 BARDET Romain
    12 BAKELANTS Jan
    13 DOMONT Axel
    14 FRANK Mathias
    15 GASTAUER Ben
    16 GAUTIER Cyril
    17 LATOUR Pierre
    18 NAESEN Oliver
    19 VUILLERMOZ Alexis
    MOVISTAR TEAM
    21 QUINTANA Nairo
    22 AMADOR Andrey
    23 BENNATI Daniele
    24 BETANCUR Carlos
    25 CASTROVIEJO Jonathan
    26 ERVITI Imanol
    27 HERRADA Jesús
    28 SÜTTERLIN Jasha
    29 VALVERDE Alejandro
    TREK-SEGAFREDO
    31 CONTADOR Alberto
    32 DE KORT Koen
    33 DEGENKOLB John
    34 FELLINE Fabio
    35 GOGL Michael
    36 IRIZAR Markel
    37 MOLLEMA Bauke
    38 PANTANO Jarlinson
    39 ZUBELDIA Haimar
    BMC RACING TEAM
    41 PORTE Richie
    42 CARUSO Damiano
    43 DE MARCHI Alessandro
    44 KÜNG Stefan
    45 MOINARD Amaël
    46 ROCHE Nicolas
    47 SCHAR Michael
    48 VAN AVERMAET Greg
    49 WYSS Danilo
    ASTANA
    PRO TEAM

    51 ARU Fabio
    52 CATALDO Dario
    53 FUGLSANG Jakob
    54 GRIVKO Andrei
    55 GRUZDEV Dmitriy
    56 KOZHATAYEV Bakhtiyar
    57 LUTSENKO Alexey
    58 VALGREN Michael
    59 ZEITS Andrey
    UAE TEAM EMIRATES
    61 MEINTJES Louis
    62 ATAPUMA John Darwin
    63 BONO Matteo
    64 DURASEK Kristijan
    65 LAENGEN Vegard Stake
    66 MARCATO Marco
    67 MORI Manuele
    68 SWIFT Ben
    69 ULISSI Diego
    FDJ
    71 DÉMARE Arnaud
    72 CIMOLAI Davide
    73 DELAGE Mickaël
    74 GUARNIERI Jacopo
    75 KONOVALOVAS Ignatas
    76 LE GAC Olivier
    77 MOLARD Rudy
    78 PINOT Thibaut
    79 VICHOT Arthur
    ORICA-SCOTT
    81 CHAVES Johan Esteban
    82 ALBASINI Michael
    83 DURBRIDGE Luke
    84 HAYMAN Mathew
    85 HOWSON Damien
    86 IMPEY Daryl
    87 KEUKELEIRE Jens
    88 KREUZIGER Roman
    89 YATES Simon
    TEAM DIMENSION DATA
    91 CAVENDISH Mark
    92 BOASSON HAGEN Edvald
    93 CUMMINGS Stephen
    94 EISEL Bernhard
    95 JANSE VAN RENSBURG Reinardt
    96 PAUWELS Serge
    97 RENSHAW Mark
    98 THWAITES Scott
    99 VENTER Jaco
    QUICK STEP FLOORS
    101 KITTEL Marcel
    102 BAUER Jack
    103 BRAMBILLA Gianluca
    104 GILBERT Philippe
    105 MARTIN Daniel
    106 SABATINI Fabio
    107 STYBAR Zdenek
    108 TRENTIN Matteo
    109 VERMOTE Julien
    BORA-HANSGROHE
    111 SAGAN Peter
    112 BODNAR Maciej
    113 BUCHMANN Emanuel
    114 BURGHARDT Marcus
    115 MAJKA Rafał
    116 MCCARTHY Jay
    117 POLJANSKI Pawel
    118 SAGAN Juraj
    119 SELIG Rüdiger
    TEAM KATUSHA-ALPECIN
    121 MARTIN Tony
    122 HALLER Marco
    123 HOLLENSTEIN Reto
    124 KIŠERLOVSKI Robert
    125 KRISTOFF Alexander
    126 LAMMERTINK Maurits
    127 MACHADO Tiago
    128 POLITT Nils
    129 ZABEL Rick
    LOTTO SOUDAL
    131 GREIPEL André
    132 BAK Lars Ytting
    133 BENOOT Tiesj
    134 DE GENDT Thomas
    135 GALLOPIN Tony
    136 HANSEN Adam
    137 ROELANDTS Jurgen
    138 SIEBERG Marcel
    139 WELLENS Tim
    TEAM SUNWEB
    141 MATTHEWS Michael
    142 ARNDT Nikias
    143 BARGUIL Warren
    144 CURVERS Roy
    145 GESCHKE Simon
    146 SINKELDAM Ramon
    147 TEN DAM Laurens
    148 TEUNISSEN Mike
    149 TIMMER Albert
    COFIDIS,
    SOLUTIONS CRÉDITS

    151 BOUHANNI Nacer
    152 CLAEYS Dimitri
    153 EDET Nicolas
    154 LAPORTE Christophe
    155 LEMOINE Cyril
    156 MATÉ Luis Ángel
    157 NAVARRO Daniel
    158 SÉNÉCHAL Florian
    159 SIMON Julien
    TEAM LOTTO NL-JUMBO
    161 GESINK Robert
    162 BENNETT George
    163 GROENEWEGEN Dylan
    164 LEEZER Tom
    165 MARTENS Paul
    166 ROGLIC Primoz
    167 ROOSEN Timo
    168 VAN EMDEN Jos
    169 WAGNER Robert
    DIRECT ÉNERGIE
    171 VOECKLER Thomas
    172 BOUDAT Thomas
    173 CALMEJANE Lilian
    174 CHAVANEL Sylvain
    175 GENE Yohann
    176 PETIT Adrien
    177 QUEMENEUR Perrig
    178 SICARD Romain
    179 TULIK Angélo
    CANNONDALE-DRAPAC
    181 ROLLAND Pierre
    182 BETTIOL Alberto
    183 BEVIN Patrick
    184 BROWN Nathan
    185 CLARKE Simon
    186 PHINNEY Taylor
    187 TALANSKY Andrew
    188 URAN Rigoberto
    189 VAN BAARLE Dylan
    BAHRAI MERIDA
    191 IZAGIRRE Ion
    192 ARASHIRO Yukiya
    193 BOLE Grega
    194 BOZIC Borut
    195 BRAJKOVIČ Janez
    196 CINK Ondrej
    197 COLBRELLI Sonny
    198 GRMAY Tsgabu
    199 MORENO Javier
    WANTY-GROUPE GOBERT
    201 MARTIN Guillaume
    202 BACKAERT Frederik
    203 DEGAND Thomas
    204 MINNAARD Marco
    205 OFFREDO Yoann
    206 PASQUALON Andrea
    207 SMITH Dion
    208 VAN KEIRSBULCK Guillaume
    209 VANSPEYBROUCK Pieter
    FORTUNEO-OSCARO
    211 MCLAY Daniel
    212 BOUET Maxime
    213 FEILLU Brice
    214 GESBERT Elie
    215 HARDY Romain
    216 PERICHON Pierre-Luc
    217 PICHON Laurent
    218 SEPÚLVEDA Eduardo
    219 VACHON Florian
  • 2016Chris Froome (GBR)Romain Bardet (FRA)Nairo Quintana (COL)
    2015Chris Froome (GBR)Nairo Quintana (COL)Alejandro Valverde (SPA)
    2014Vincenzo Nibali (ITA)Jean-Christophe Péraud (FRA)Thibaut Pinot (FRA)
    2013Chris Froome (GBR)Nairo Quintana (COL)Joaquim Rodríguez (SPA)
    2012Bradley Wiggins (GBR)Chris Froome (GBR)Vincenzo Nibali (ITA)
    2011Cadel Evans (AUS)Andy Schleck (LUS)Fränk Schleck (LUS)
    2010Andy Schleck (LUS)Samuel Sánchez (SPA)Jurgen Van Den Broeck (BEL)
    2009Alberto Contador (SPA)Andy Schleck (LUS)Revocato
    2008Carlos Sastre (SPA)Cadel Evans (AUS)Denis Men'šov (RUS)
    2007Alberto Contador (SPA)Cadel Evans (AUS)Carlos Sastre (SPA)
    2006Óscar Pereiro (SPA)Andreas Klöden (GER)Carlos Sastre (SPA)
    2005RevocatoIvan Basso (ITA)Revocato
    2004RevocatoAndreas Klöden (GER)Ivan Basso (ITA)
    2003RevocatoJan Ullrich (GER)Aleksandr Vinokurov (KAZ)
    2002RevocatoJoseba Beloki (SPA)Raimondas Rumšas (LIT)
    2001RevocatoJan Ullrich (GER)Joseba Beloki (SPA)
    2000RevocatoJan Ullrich (GER)Joseba Beloki (SPA)
    1999RevocatoAlex Zülle (SVI)Fernando Escartín (SPA)
    1998Marco Pantani (ITA)Jan Ullrich (GER)Bobby Julich (USA)
    1997Jan Ullrich (GER)Richard Virenque (FRA)Marco Pantani (ITA)
    1996Bjarne Riis (DAN)Jan Ullrich (GER)Richard Virenque (FRA)
    1995Miguel Indurain (SPA)Alex Zülle (SVI)Bjarne Riis (DAN)
    1994Miguel Indurain (SPA)Pëtr Ugrjumov (LET)Marco Pantani (ITA)
    1993Miguel Indurain (SPA)Tony Rominger (SVI)Zenon Jaskula (POL)
    1992Miguel Indurain (SPA)Claudio Chiappucci (ITA)Gianni Bugno (ITA)
    1991Miguel Indurain (SPA)Gianni Bugno (ITA)Claudio Chiappucci (ITA)
    1990Greg LeMond (USA)Claudio Chiappucci (ITA)Erik Breukink (OLA)
    1989Greg LeMond (USA)Laurent Fignon (FRA)Pedro Delgado (SPA)
    1988Pedro Delgado (SPA)Steven Rooks (OLA)Fabio Parra (COL)
    1987Stephen Roche (IRL)Pedro Delgado (SPA)Jean-François Bernard (FRA)
    1986Greg LeMond (USA)Bernard Hinault (FRA)Urs Zimmermann (SVI)
    1985Bernard Hinault (FRA)Greg LeMond (USA)Stephen Roche (IRL)
    1984Laurent Fignon (FRA)Bernard Hinault (FRA)Greg LeMond (USA)
    1983Laurent Fignon (FRA)Ángel Arroyo (SPA)Peter Winnen (OLA)
    1982Bernard Hinault (FRA)Joop Zoetemelk (OLA)Johan van der Velde (OLA)
    1981Bernard Hinault (FRA)Lucien Van Impe (BEL)Robert Alban (FRA)
    1980Joop Zoetemelk (OLA)Hennie Kuiper (OLA)Raymond Martin (FRA)
    1979Bernard Hinault (FRA)Joop Zoetemelk (OLA)Joaquim Agostinho (POR)
    1978Bernard Hinault (FRA)Joop Zoetemelk (OLA)Joaquim Agostinho (POR)
    1977Bernard Thévenet (FRA)Hennie Kuiper (OLA)Lucien Van Impe (BEL)
    1976Lucien Van Impe (BEL)Joop Zoetemelk (OLA)Raymond Poulidor (FRA)
    1975Bernard Thévenet (FRA)Eddy Merckx (BEL)Lucien Van Impe (BEL)
    1974Eddy Merckx (BEL)Raymond Poulidor (FRA)Vicente López Carril (SPA)
    1973Luis Ocaña (SPA)Bernard Thévenet (FRA)José Manuel Fuente (SPA)
    1972Eddy Merckx (BEL)Felice Gimondi (ITA)Raymond Poulidor (FRA)
    1971Eddy Merckx (BEL)Joop Zoetemelk (OLA)Lucien Van Impe (BEL)
    1970Eddy Merckx (BEL)Joop Zoetemelk (OLA)Gösta Pettersson (SVE)
    1969Eddy Merckx (BEL)Roger Pingeon (FRA)Raymond Poulidor (FRA)
    1968Jan Janssen (OLA)Herman Van Springel (BEL)Ferdinand Bracke (BEL)
    1967Roger Pingeon (FRA)Julio Jiménez (SPA)Franco Balmamion (ITA)
    1966Lucien Aimar (FRA)Jan Janssen (OLA)Raymond Poulidor (FRA)
    1965Felice Gimondi (ITA)Raymond Poulidor (FRA)Gianni Motta (ITA)
    1964Jacques Anquetil (FRA)Raymond Poulidor (FRA)Federico Bahamontes (SPA)
    1963Jacques Anquetil (FRA)Federico Bahamontes (SPA)José Pérez Francés (SPA)
    1962Jacques Anquetil (FRA)Joseph Planckaert (BEL)Raymond Poulidor (FRA)
    1961Jacques Anquetil (FRA)Guido Carlesi (ITA)Charly Gaul (LUS)
    1960Gastone Nencini (ITA)Graziano Battistini (ITA)Jan Adriaensens (BEL)
    1959Federico Bahamontes (SPA)Henry Anglade (FRA)Jacques Anquetil (FRA)
    1958Charly Gaul (LUS)Vito Favero (ITA)Raphaël Géminiani (FRA)
    1957Jacques Anquetil (FRA)Marcel Janssens (BEL)Adolf Christian (AUT)
    1956Roger Walkowiak (FRA)Gilbert Bauvin (FRA)Jan Adriaensens (BEL)
    1955Louison Bobet (FRA)Jean Brankart (BEL)Charly Gaul (LUS)
    1954Louison Bobet (FRA)Ferdi Kübler (SVI)Fritz Schär (SVI)
    1953Louison Bobet (FRA)Jean Malléjac (FRA)Giancarlo Astrua (ITA)
    1952Fausto Coppi (ITA)Stan Ockers (BEL)Bernardo Ruiz (SPA)
    1951Hugo Koblet (SVI)Raphaël Géminiani (FRA)Lucien Lazarides (FRA)
    1950Ferdi Kübler (SVI)Stan Ockers (BEL)Louison Bobet (FRA)
    1949Fausto Coppi (ITA)Gino Bartali (ITA)Jacques Marinelli (FRA)
    1948Gino Bartali (ITA)Briek Schotte (BEL)Guy Lapébie (FRA)
    1947Jean Robic (FRA)Edouard Fachleitner (FRA)Pierre Brambilla (ITA)
    1940-46Non disputato
    1939Sylvère Maes (BEL)René Vietto (FRA)Lucien Vlaemynck (BEL)
    1938Gino Bartali (ITA)Félicien Vervaecke (BEL)Victor Cosson (FRA)
    1937Roger Lapébie (FRA)Mario Vicini (ITA)Leo Amberg (SVI)
    1936Sylvère Maes (BEL)Antonin Magne (FRA)Félicien Vervaecke (BEL)
    1935Romain Maes (BEL)Ambrogio Morelli (ITA)Félicien Vervaecke (BEL)
    1934Antonin Magne (FRA)Giuseppe Martano (ITA)Roger Lapébie (FRA)
    1933Georges Speicher (FRA)Learco Guerra (ITA)Giuseppe Martano (ITA)
    1932André Leducq (FRA)Kurt Stöpel (GER)Francesco Camusso (ITA)
    1931Antonin Magne (FRA)Jef Demuysere (BEL)Antonio Pesenti (ITA)
    1930André Leducq (FRA)Learco Guerra (ITA)Antonin Magne (FRA)
    1929Maurice Dewaele (BEL)Giuseppe Pancera (ITA)Jef Demuysere (BEL)
    1928Nicolas Frantz (LUS)André Leducq (FRA)Maurice Dewaele (BEL)
    1927Nicolas Frantz (LUS)Maurice Dewaele (BEL)Julien Vervaecke (BEL)
    1926Lucien Buysse (BEL)Nicolas Frantz (LUS)Bartolomeo Aymo (ITA)
    1925Ottavio Bottecchia (ITA)Lucien Buysse (BEL)Bartolomeo Aymo (ITA)
    1924Ottavio Bottecchia (ITA)Nicolas Frantz (LUS)Lucien Buysse (BEL)
    1923Henri Pélissier (FRA)Ottavio Bottecchia (ITA)Romain Bellenger (FRA)
    1922Firmin Lambot (BEL)Jean Alavoine (FRA)Félix Sellier (BEL)
    1921Léon Scieur (BEL)Hector Heusghem (BEL)Honoré Barthélémy (FRA)
    1920Philippe Thys (BEL)Hector Heusghem (BEL)Firmin Lambot (BEL)
    1919Firmin Lambot (BEL)Jean Alavoine (FRA)Eugène Christophe (FRA)
    1915-18Non disputato
    1914Philippe Thys (BEL)Henri Pélissier (FRA)Jean Alavoine (FRA)
    1913Philippe Thys (BEL)Gustave Garrigou (FRA)Marcel Buysse (BEL)
    1912Odile Defraye (BEL)Eugène Christophe (FRA)Gustave Garrigou (FRA)
    1911Gustave Garrigou (FRA)Paul Duboc (FRA)Émile Georget (FRA)
    1910Octave Lapize (FRA)François Faber (LUS)Gustave Garrigou (FRA)
    1909François Faber (LUS)Gustave Garrigou (FRA)Jean Alavoine (FRA)
    1908Lucien Petit-Breton (FRA)François Faber (LUS)Georges Passerieu (FRA)
    1907Lucien Petit-Breton (FRA)Gustave Garrigou (FRA)Émile Georget (FRA)
    1906René Pottier (FRA)Georges Passerieu (FRA)Louis Trousselier (FRA)
    1905Louis Trousselier (FRA)Hippolyte Aucouturier (FRA)Jean-Baptiste Dortignacq (FRA)
    1904Henri Cornet (FRA)Jean-Baptiste Dortignacq (FRA)Aloïs Catteau (BEL)
    1903Maurice Garin (FRA)Lucien Pothier (FRA)Fernand Augereau (FRA)
  • Per la prima volta nella storia tutte le tappe del Tour de France saranno prodotte televisivamente in maniera integrale e verranno trasmesse su Eurosport. La corsa sarà visibile anche su Rai 3 e su Rai Sport. Per gli orari completi vi rimandiamo alla guida tv di Cicloweb [6].

Le tappe e i risultati

Sabato 1/7 - 1a tappa: Düsseldorf (Germania) - Düsseldorf (Germania) (Cronometro-14 km)

  • Partenza: Düsseldorf ore 15.15 (Partenza primo corridore)
    Arrivo: Düsseldorf ore 18.50 circa (Arrivo ultimo corridore)

    Sprint intermedi: Nessuno
    Gpm: Nessuno

  • 14 chilometri di piattone contro il tempo per aprire il Tour de France 2017: come ai “bei” tempi, dirà qualcuno, e invece proprio no, perché gli specialisti del cronometro dovranno fare più che potranno tesoro dell’occasione, visto che la successiva si presenterà loro solo alla penultima frazione. Crono da rapportoni sulle sponde del Reno, in quel di Düsseldorf, Grand Départ tedesco dell’edizione numero 104 della Boucle. Due sole increspature della pianissima altimetria, in corrispondenza dei due ponti da cui si transita per e dalla zona cittadina a ovest del fiume (km 4 e km 6); per il resto, da curare solo le curve, 11 in totale (4 a destra tra cui una lunga U dopo il primo ponte, 7 a sinistra), più qualche semicurva. E poi spingere, spingere, spingere, negli ultimi 4 chilometri di lungofiume, praticamente in rettilineo anche se leggermente e costantemente tiranti a sinistra.
Domenica 3/7 - 2a tappa: Düsseldorf (Germania) - Liège (Belgio) (203.5 km)
  • Partenza: Düsseldorf ore 12.30
    Arrivo: Liège ore 17-17.30

    Sprint intermedi: Mönchengladbach km 82.5
    Gpm: Côte de Grafenberg (113 m-4a cat.) km 6.5, Côte d’Olne (262 m-4a cat.) km 183

  • Si gareggia in linea, si gareggia subito sopra i 200 km, e soprattutto si abbandona già la Germania per guadagnare uno dei luoghi mitici del ciclismo: Liegi. Dice: allora ci aspettiamo un finale da una côte dietro l’altra? Macché. Se voleva fare uno sfregio alla storia, Christian Prudhomme ci è riuscito benissimo. Non parliamo di un piattone, ma siamo comunque lontanissimi dal profilo della Doyenne. All’ingresso in Belgio c’è una prima salitella interessante, e mancano 50 km al traguardo: la fuga del giorno sarà ancora in atto, il gruppo affronterà senza patemi la rampa; se ne trova un’altra 10 km più avanti, e lo spartito rischia di essere lo stesso. Per gli uomini da classiche non resta che aspettare allora il secondo Gpm di giornata (il primo è piazzato in apertura di frazione), la piccola Côte d’Olne, una strada nel bosco che si inerpica poco: un chilometro e mezzo a dire tanto, con due strappi di 400 metri all’inizio e alla fine, con pendenze toste, ma talmente brevi che servirebbero i retrorazzi per fare reale differenza. Dalla cima mancano 20 km al traguardo, quindi – dopo una discesa ripida nei primi 500 metri, poi solo un po’ tortuosa – grande spazio per il recupero dei team veloci. Ultima vera curva ai 3 km, ultima semicurva ai 2, poi rettilineo infinito. Volata, e uno.
Lunedì 3/7 - 3a tappa: Verviers (Belgio) - Longwy (212.5 km)

  • Partenza: Verviers ore 12.25
    Arrivo: Longwy ore 17.05-17.40

    Sprint intermedi: Wincrange km 89
    Gpm: Côte de Sart (543 m-4a cat.) km 18, Côte de Wiltz (467 m-4a cat.) km 105.5, Côte d’Eschdorf (499 m-3a cat.) km 120.5, Côte de Villers-la-Montagne (414 m-4a cat.) km 197, Côte des Religieuses (Arrivo-379 m-3a cat.) km 212.5

  • Si parte da Verviers, si taglia longitudinalmente tutto il Lussemburgo e si approda in Francia a Longwy, di nuovo attraverso più di 200 km di tappa. E il finale si presta a lotta tra finisseur. Vediamo come: il percorso è misto, ci sono salitelle (alcune – tre – marcate da traguardo Gpm) nella prima metà, poi a 100 km dalla fine il tutto diventa più scorrevole. Sia come sia, poca rilevanza, visto lo spazio che manca all’arrivo. Gli ultimi venti chilometri offrono spunti: la Côte de Villers-la-Montagne, quarto Gpm di giornata, è piazzata ai -15, ma è talmente breve (un chilometro) che è azzardato ipotizzare che qualcuno possa staccarsi. Però le strade si fanno strette, tutti vorranno prendere la salita davanti, ci sarà grande tensione. Dopo la cosiddetta vetta, gran volatona fino alla rampa d’arrivo, preceduta da una discesina (dai -6 ai -4), come dire: altro nervosismo. La rampa, dicevamo: un chilometro e mezzo in totale, primi 500 metri all’8%, secondi al 6, terzi al 4… un Poggio in mini-mini-miniatura. Volata in salita, diciamo, col rischio (per i vari Sagan, Van Avermaet, Gilbert) di ritrovarsi ancora tra i piedi un velocista puro in giornata di grazia, e in grado di superare bene, di potenza, la prima metà di strappetto; anche perché ai 600 metri un tornante secco farà calare l’andatura, ci saranno riappallamenti, qualcuno da dietro potrebbe clamorosamente rientrare in gioco. Si chiama Côte des Religieuses, ma non ci sarà tempo di pregare.
Martedì 4/7 - 4a tappa: Mondorf-les-Bains (Lussemburgo) - Vittel (207.5 km)
  • Partenza: Mondorf-les-Bains ore 12.20
    Arrivo: Vittel ore 16.55-17.25

    Sprint intermedi: Goviller km 157.5
    Gpm: Col des Trois Fontaines (475 m-4a cat.) km 170.5

  • Ballando sul confine francolussemburghese, si riparte dall’estero (terzo giorno over 200 km), e si guadagna l’interno di madre Francia, per un’altra frazione da ruote veloci, in questo caso velocissime. Un tempo si diceva “niente da segnalare”, siamo più o meno da quelle parti. L’unica rampetta degna di nota è anche il Gpm di giornata, lo chiamano “Col” ma resta una côte: 2 km di lunghezza al 7.5% di pendenza, preceduti da 2 km di falsopiano. Sarebbe anche interessante, se non svettasse a 37 km dalla fine, con davanti tanta strada facile per favorire i già di loro carichi (siamo a inizio Tour!) team dei velocisti. Volata, e due, quindi. Finale con doppia curva più strettoia ai 1500-1300 metri, e ultimo chilometro tagliato in due da una semicurva verso destra che però sarà superata in piena velocità, senza evidenti traumi.
Mercoledì 5/7 - 5a tappa: Vittel - La Planche des Belles Filles (160.5 km)

  • Partenza: Vittel ore 13.20
    Arrivo: La Planche des Belles Filles ore 16.50-17.15

    Sprint intermedi: Faucogney km 102.5
    Gpm: Côte d’Esmoulières (573 m-3a cat.) km 107.5, La Planche des Belles Filles (Arrivo-1035 m-1a cat.) km 160.5

  • Quinto giorno, primo arrivo in salita del Tour 2017, sui Vosgi. La location sta diventando classica, La Planche des Belles Filles, esordì nel 2012 con vittoria di Froome, si rivide nel 2014 con vittoria di Nibali, e rieccola per la terza volta in sei anni. Nei primi 100 km della tappa non succederà niente. Poi le cose si faranno interessanti, perché ad esempio la Côte d’Esmoulières è un bel salto, 2 km all’8%. Se qualcuno si facesse venire idee strane, dalla vetta mancano 53 km alla fine, ma più che altro dopo il Gpm ci sono 15 km di falsopiano tutti da identificare, e poi una picchiata verso Servance: roba da squadroni (ce ne viene in mente uno in particolare…) che alzano il livello dello scontro azzerando tutte le altrui velleità, o roba da tattiche con uomini-ponte sganciati alla bisogna dai primi chilometri di tappa? Conoscendo il Tour, eviteremmo troppe fantasie. A 20 km dalla fine, dopo un tratto in fondovalle, inizia il pre-finale, con un paio di strappetti e una discesina verso Plancher-les-Mines, che poi è la località – posta ai -8 – che prelude all’attesa ascesa conclusiva. Salita che ormai conosciamo più che bene, misura 6 km e la pendenza media (8%) non dice molto, perché in realtà i tratti in doppia cifra si sprecano, e soprattutto i due chilometri centrali, vicini al 10%, saranno percorsi in apnea. In cima avremo una maglia gialla già abbastanza solida (nel senso che il simbolo del primato non sarà presumibilmente vestito da un corridore di seconda schiera).
Giovedì 6/7 - 6a tappa: Vesoul - Troyes (216 km)
  • Partenza: Vesoul ore 12.25
    Arrivo: Troyes ore 17.15-17.50

    Sprint intermedi: Colombey-les-Deux-Églises km 135
    Gpm: Côte de Langres (458 m-4a cat.) km 69, Côte de la Colline Sainte-Germaine (309 m-4a cat.) km 154

  • Abbastanza incommentabile la sesta tappa, nel senso che davvero non c’è quasi nulla da dire: oltre 200 km che vedranno un epilogo allo sprint, di nuovo, nella località geograficamente più vicina a Parigi tra quelle attraversate dalla Boucle nei primi… 20 giorni. I piccoli Gpm non saranno neanche più rilevanti per la lotta a pois, già indirizzata dalla frazione precedente. Occhio al finale, curva pericolosa a sinistra ai 2 km, rotonda più semicurva alla flamme rouge, rotonda (che fungerà da chicane) a pochi metri dall’arrivo. Un rettilineo conclusivo che quindi sarà più insidioso dei precedenti, e nel quale sarà selvaggia la lotta per le posizioni, mentre resterà qualche spazio per improvvise rimonte. In ogni caso, come detto, volata: e tre!
Venerdì 7/7 - 7a tappa: Troyes - Nuits-Saint-Georges (213.5 km)

  • Partenza: Troyes ore 12.20
    Arrivo: Nuits-Saint-Georges ore 17.10-17.40

    Sprint intermedi: Chanceaux km 108
    Gpm: Côte d’Urcy (416 m-4a cat.) km 147.5

  • Praticamente una regola del Tour 2017: se si superano i 200 km, sarà volata: e quattro! Altra giornata da occasioni sprecate (per il tracciatore), il quarto sprint in sette tappe rischia di spazientire anche l’aficionado più acritico. Del resto, cosa potrebbe sparigliare le carte? La facile Côte d’Urcy a 66 km dal traguardo? Anche no. Il vento? In effetti questa zona si presterebbe a qualche colpo di mano nelle correnti. Staremo a vedere. In caso di calma piatta, invece, bisogna dire che anche la planimetria del finale non favorisce altro che la battaglia dei treni prima del volatone: gli ultimi 5 km (abbondanti) sono praticamente tutti rettilinei. Hai voglia, in certi giorni, a dire che la corsa la fanno i corridori…
Sabato 8/7 - 8a tappa: Dole - Station des Rousses (187.5 km)
  • Partenza: Dole ore 12.25
    Arrivo: Station des Rousses ore 16.55-17.30

    Sprint intermedi: Montrond km 45.5
    Gpm: Col de la Joux (1043 m-3a cat.) km 101.5, Côte de Viry (748 m-2a cat.) km 138.5, Montée de la Combe de Laisia Les Molunes (1202 m-1a cat.) km 175.5

  • Il secondo weekend di gara si presenta assai bene. Prudhomme, preso dalla positiva fregola di aggiungere catenelle montuose alle due/tre solite, porta la carovana sul Giura, dopo aver toccato i Vosgi. Siamo al confine con la Svizzera, e qui nell’unico precedente si impose Sylvain Chavanel nel 2010 (e prese pure la maglia). Quel risultato dice molto anche del possibile svolgimento della tappa quest’anno: probabile una fuga di uomini forti, interessanti, coi big della generale a evitare invece di far troppi colpi di testa, in attesa della più probante frazione dell’indomani. Primi 90 km di saliscendi abbastanza ordinari, le cose si faranno già interessanti sulle due côte di mezza tappa, Joux e Viry, 6-7 km intorno al 5% di pendenza per entrambe. Qui il gruppetto dei fuggitivi si spezzerà sicuramente, ma da Viry mancheranno ancora un paio di strappetti (e relative picchiate) prima della scalata verso l’arrivo. Capovolgimenti di fronte come piovesse. A L’Essard parte la scalata al Montée de la Combe de Laisia Les Molunes, la cui vetta anticipa di 12 km il traguardo. I chilometri di scalata sono pure quelli 12, con pendenza al 6.4% medio. Ci sono tratti al 7, qualcosina all’8, ma non pendenze da causare mal di testa agli uomini di classifica, anche se qualche para-favorito potrebbe pure tentare l’evasione. O qualcuno – se dovesse star male – potrebbe perdere un po’ di terreno. I 12 km finali sono sostanzialmente pianeggianti, in altopiano, con una rampetta ai 5 km che potrebbe fungere da trampolino per l’eroe solitario di turno che avesse la forza di emergere sui compagni di fuga. Nell’ipotesi (difficile) che l’attacco a lunga gittata non riesca, qui avremmo un drappello ancora piuttosto nutrito, e a questo punto il più brillante di giornata potrebbe involarsi verso la vittoria, con annesso un guadagno di una ventina di secondi (abbuono compreso).
Domenica 9/7 - 9a tappa: Nantua - Chambéry (181.5 km)

  • Partenza: Nantua ore 11.55
    Arrivo: Chambéry ore 16.45-17.25

    Sprint intermedi: Massignieu-de-Rives km 126.5
    Gpm: Côte des Neyrolles (825 m-2a cat.) km 3.5, Col de Bérentin (1144 m-3a cat.) km 11, Côte de Franclens (484 m-3a cat.) km 38, Col de la Biche (Croix de Famban) (1316 m-Hors cat.) km 67.5, Grand Colombier (1501 m-Hors cat.) km 91, Côte de Jongieux (414 m-4a cat.) km 134, Mont du Chat (1504 m-Hors cat.) km 155.5

  • Altra giornata da nasi storti, nel senso che la tappa poteva essere perfetta se ci fosse stata meno strada tra la penultima salita e l’ultima, o tra l’ultima salita e il traguardo. Però sarà un appuntamento che servirà molto a fare la classifica. E poi in questo caso il detto secondo cui la corsa la fanno i corridori non sarà citato a sproposito come un paio di giorni prima, perché nella frazione di Chambéry ci sarà davvero la possibilità di far(si) male, a patto di volerlo. Primi chilometri già in salita, la fuga partirà (se partirà qui) di forza, e qualcuno potrebbe subito perdere per strada buoni gregari. Una discesa dolce dal Col de Bérentin non rappresenta comunque una fase interlocutoria, perché ci sarà da spingere, e poi ci sono altri strappetti in agguato, e poi in men che non si dica si approda all’accoppiata Biche-Grand Colombier, in rapida sequenza, il primo durissimo per i canoni del Tour e non solo (10 km al 9% medio); il secondo – dopo una discesa con tanti tornanti, quindi da spingere pure questa, e qualche chilometro di fondovalle – molto più irregolare (8.5 km al 10% medio) ma con tre chilometri centrali costantemente in doppia cifra. Se qualcuno vorrà dare battaglia, in questi frangenti potrebbe terremotare la corsa. Ma non sarebbe finita, perché dopo la discesa verso Anglefort (moderata nella prima metà, ben più veloce nella seconda parte), e un fondovalle infinito di 20 km (e qui potrebbe succedere di tutto – se la corsa sarà stata accesa sulle precedenti salite – o di niente), la rampetta della Côte de Jongieux anticipa il piatto forte della giornata, il Mont du Chat, già visto al recente Delfinato, altra salita durissima, la più tosta della tappa (qualcuno dice: la più tosta di Francia). Nel contesto di questa durissima frazione, i 9 km del Monte del Gatto potrebbero metterne uno per angolo. Pendenza al 9% nei primi 4 km, all’11% negli altri 5… e punte del 15%, e barometro delle percentuali spessissimo in doppia cifra. Qui o si scala o si esce di classifica. La discesa, tecnica e veloce, con semicurve da pennellare, conduce a Le Bourget-du-Lac, da cui mancheranno ancora 13 km di pianura prima di Chambéry. Tappa che potrebbe partorire qualsiasi risultato, anche il più incredibile, così come potrebbe dar luogo a sprazzi limitati di battaglia. Nel dubbio, i popcorn li prepareremmo comunque… o piuttosto i mojito, in fondo parliamo di una bella domenica di luglio!
Martedì 11/7 - 10a tappa: Périgueux - Bergerac (178 km)
  • Partenza: Périgueux ore 13.25
    Arrivo: Bergerac ore 17.15-17.40

    Sprint intermedi: Saint-Cyprien km 121
    Gpm: Côte de Domme (184 m-4a cat.) km 100.5, Côte du Buisson-de-Cadouin (196 m-4a cat.) km 138.5

  • Dopo le montagne del weekend, e dopo il riposo (con trasferimento aereo da est a ovest) del lunedì, è impossibile che i velocisti si lascino sfuggire questa biliardata in cui qualche birillino c’è pure, ma troppo insignificante e comunque lontano dal traguardo (la Côte du Buisson-de-Cadouin dista 40 km dalla linea d’arrivo). Due curve secche a sinistra nell’ultimo chilometro, ai 900 e ai 600 metri (occhio soprattutto alla seconda), poi si sprinterà: volata, e cinque.
Mercoledì 12/7 - 11a tappa: Eymet - Pau (203.5 km)

  • Partenza: Eymet ore 13.05
    Arrivo: Pau ore 17.35-18.05

    Sprint intermedi: Aire-sur-l’Adour km 142.5
    Gpm: Côte d’Aire-sur-l’Adour (143 m-4a cat.) km 145.5

  • Il TDF ci ha fatto odiare Pau, sede della tipica ultima tappa pseudopirenaica, con le grandi montagne all’inizio e poi il nulla da metà frazione all’arrivo (appunto, il sin troppo proverbiale arrivo di Pau). Le Pauisme… quanta poesia maledetta! (Ma quando mai! Quante contumelie indirizzate agli organizzatori, semmai!). Ora con Prudhomme le cose sono cambiate, e bisogna dire che se – come quest’anno – a Pau ci si arriva dall’altra parte, non c’è nessun fastidio da provare, e va bene così. Al massimo, al termine di un’ennesima frazione praticamente tutta pianeggiante, si assisterà a una volata: e sei! Da segnalare: una discesina dopo Morlaas, a 10 km dalla fine; e quattro rotonde negli ultimi 5 km, l’ultima delle quali subito dopo la flamme rouge, seguita ancora da una semicurva a sinistra. Il rettilineo finale, 600 metri, garantirà comunque velocità di tutto rispetto.
Giovedì 13/7 - 12a tappa: Pau - Peyragudes (214.5 km)
  • Partenza: Pau ore 11.10
    Arrivo: Peyragudes ore 16.40-17.25

    Sprint intermedi: Loures-Barousse km 94
    Gpm: Côte de Capvern (594 m-4a cat.) km 64, Col des Ares (797 m-2a cat.) km 111.5, Col de Menté (1349 m-1a cat.) km 139.5, Port de Balès (1755 m-Hors cat.) km 184, Col de Peyresourde (1569 m-1a cat.) km 209.5, Peyragudes (Arrivo-1580 m-2a cat.) km 214.5

  • Forse la tappa disegnata meglio dell’intero Tour, anzi lo possiamo definire “il” tappone pirenaico. Si va sopra i 200 km, e già questo rappresenta un evento sempre più raro per questa tipologia di percorsi. Poi non mancano le scalate importanti: non nella prima metà della frazione (Capvern e Ares sono facili), ma già dal Col de Menté le cose si mettono in un certo modo: 7 km di ascesa, primi 2 molto duri (al 10%), anche l’ultimo è impegnativo, mentre nel mezzo la strada è appena più docile. La discesa verso Saint-Béat è ripida e – soprattutto nella prima parte – piuttosto “ricciolosa”. Una quindicina di chilometri di fondovalle fino a Mauléon-Barousse, e poi sarà Port de Balès: 12 km di scalata esposta, sole e pendenze interessanti, qualche spianata qua e là tiene la percentuale media sotto l’8%, ma anche qui – come in tante altre salite di questo Tour – non mancano le doppie cifre. La discesa è divisa in due, prima 7 km (più ripidi nella prima metà) fino a Caubous, poi 4 km praticamente piani, quindi altri 4 di picchiata fino a Saint-Aventin, dove si è già nei primi metri del Peyresourde, storica ascesa tra le più dure della zona, coi suoi 10 km all’8%, terribilmente regolari. Se qualcuno ha fatto la differenza sul Balès, il “Peyre” sarà doloroso per tanti. La tappa non finisce al Gpm, da cui si scende per due chilometri per poi affrontare ancora un ultimo, sadico muro fino a Peyragudes, 2.5 km che partono forte (primo chilometro al 9%), poi spianano (secondo al 6%), quindi si inerpicano (ultimi 500 metri al 13). Unico precedente al Tour, nel 2012, nella tappa rimasta famosa per la scena di Froome che si volta a incitare – sullo scazzatello andante – il suo capitano Wiggins che andava più piano di lui in salita.
Venerdì 14/7 - 13a tappa: Saint-Girons - Foix (101 km)

  • Partenza: Saint-Girons ore 14.45
    Arrivo: Foix ore 17.15-17.35

    Sprint intermedi: Seix km 13.5
    Gpm: Col de Latrape (1110 m-1a cat.) km 31, Col d’Agnes (1570 m-1a cat.) km 46.5, Mur de Péguère (1375 m-1a cat.) km 74

  • Frazione che ha fatto ululare in tanti, per tutto un complesso di cose: in primo luogo, la lunghezza, appena 101 km, “non degna di un’ultima frazione pirenaica” (e poi ci lamentavamo di Pau…). Poi, la distribuzione delle salite, un tantino bizzarra. Ma ciò rientra nell’interpretazione personale che il direttore Prudhomme ha spesso dato dei suoi tracciati, per cui non ci stupiamo. E in fondo, se negli anni abbiamo visto santi tapponi disonorati dal greggiare pallido assorto del gruppo, ci sta pure che l’organizzatore tenti in qualche modo di sparigliare, di far vacillare troppe certezze. Vediamo il dettaglio: la partenza è in falsopiano, primi 25 km tendenti a salire, ma piano. Poi la strada s’inerpica verso il Col de Latrape, 5.5 km un po’ sopra il 7% di pendenza media (il chilometro centrale arriva al 10); 5 km di discesa scorrevole su Aulus-les-Bains, e si risale subito per il Col d’Agnes, lungo 10 km, e sempre tra l’8 e il 9% nei primi 7. Poi si addolcisce un po’ per un paio di chilometri, e in cima torna più tosto, in vista del Gpm posto a 55 km dal traguardo. La picchiata verso Massat è la più lunga della giornata (17 km), presenta diversi tratti in contropendenza e nella prima metà ci sono anche una quindicina di tornanti. Poi bisognerà spesso spingere forte, perché il resto della discesa non sarà sempre ripido. L’ultima scalata del giorno è il Mur de Péguère, e qui dipenderà da come verranno interpretati i primi 6 km (dei 9 totali), quelli grossomodo facili (se può essere considerata facile una salita tra il 5 e il 6% di pendenza). Se fatti a tutta, in cima ne resteranno davvero pochi (di corridori), visto che i tre chilometri conclusivi dell’ascesa sono tremendi, sempre sopra l’11%, con punte che sfiorano il 20; bella salita davvero, in parte da rapporto, in parte da garage: interpretarla sarà tanto difficile quanto fondamentale. Dalla vetta 27 km al traguardo, i primi 17 sarebbero di discesa, se solo la strada verso La Mouline fosse… in discesa. E sì, perché per quasi tutta la sua lunghezza digrada, ma scende appena. Un falsopiano. Chi scollina con le gambe in croce e spera di recuperare in quel tratto si sbaglia di grosso, perché bisognerà andare di rapportone su strada spesso dritta, senza curve su cui rifiatare, senza pendii eccessivi (se non in un paio di tratti). Ergo: scordiamoci che ci sia tanto terreno per recuperare, dopo il muro. Semmai, qualcuno vedrà ulteriormente dilatarsi i distacchi segnati al Gpm. Qualcun altro sputerà l’anima per non imbarcare acqua. E qualcuno, saggiamente guidato dall’ammiraglia, potrebbe avere la ventura di avere dei gregari a disposizione: anche un solo compagno sarebbe preziosissimo per qualsiasi capitano. Dopo La Mouline restano 10 km comunque in falsopiano discendente. Forse a Foix non arriveranno uno alla volta; ma non più di due-tre per gruppetto.
Sabato 15/7 - 14a tappa: Blagnac - Rodez (181.5 km)
  • Partenza: Blagnac ore 13.20
    Arrivo: Rodez ore 17.25-17.55

    Sprint intermedi: Rabastens km 55.5
    Gpm: Côte du Viaduc du Viaur (468 m-3a cat.) km 131, Côte de Centrès (526 m-3a cat.) km 145

  • E dopo i Pirenei, bimbi in fuga! Non toccherà – per una volta – ai velocisti raccogliere il testimone dagli scalatori, perché nel finale della frazione numero 14 – precisamente a 15 km dal termine – c’è una salitella che in sé non è che sia chissacché, ma che dissuaderà (unitamente a un paio di altri strappetti piazzati negli ultimi 50 km) diversi team di sprinter dallo spremersi per tenere la corsa chiusa. Anche perché – altro elemento da valutare – l’arrivo non è proprio pianeggiante, ma tira all’insù negli ultimi 500 metri. Chi si arrischierebbe a inseguire la fuga del giorno? Non le squadre degli uomini di classifica, non quelle delle ruote veloci. Quanto a quelle dei classicomani, faranno prima a inserire i loro alfieri direttamente nella fuga. Sulla carta la lotta per una frazione del genere sarebbe un pronostico chiuso a tre nomi, forse quattro (i soliti: Sagan, GVA, Gilbert, EBH); nella realtà bisognerà invece vedere chi di loro sarà appunto nella fuga buona.
Domenica 16/7 - 15a tappa: Laissac-Sévérac L'Église - Le Puy-en-Velay (189.5 km)

  • Partenza: Laissac-Sévérac L’Église ore 13.10
    Arrivo: Le Puy-en-Velay ore 17.45-18.20

    Sprint intermedi: Saint-Alban-sur-Limagnole
    Gpm: Montée de Naves d’Aubrac (1058 m-1a cat.) km 28.5, Côte de Vieurals (1358 m-3a cat.) km 43.5, Col de Peyra Taillade (1190 m-1a cat.) km 158, Côte de Saint-Vidal (856 m-4a cat.) km 176.5

  • Dopo Vosgi, Giura, Alpi e Pirenei (e prima di altre Alpi), cosa mancava? Bravi, avete indovinato: il Massiccio Centrale. E ci sarà anche lui alla festa del Tour numero 104. In versione non eccessivamente barbara, con una tappa che potrebbe risultare interlocutoria (già ce la vediamo arrivare, la fuga), ma che potrebbe spostare anche qualcosina in classifica. Le salite dei primi 50 km serviranno per l’appunto a promuovere l’attacco a lunga gittata, che andrà a comporsi tra Montée de Naves d’Aubrac (9 km al 6.5%) e Côte de Vieurals (solo 3 km al 6%); seguirà una lunga fase disegnata apposta per far prendere il largo alla fuga, 50 km di strada leggermente digradante, seguiti da un lungo falsopiano verso L’Hospitalet du Sauvage (che comunque comporterà qualche defezione tra gli uomini all’attacco). Questo lungo tratto centrale interlocutorio prevede ancora 30 km misti (un po’ discesa, un po’ pianura), prima di una più accentuata picchiata verso Prades (che verrà raggiunta dopo un breve fondovalle successivo alla discesa). E finalmente qui, a 40 km dalla fine, possiamo dire che inizierà la tappa dei big, perché ci sarà da scalare il Col de Peyra Taillade, 8 km che per metà sono fissi sul 6% abbondante, quindi s’impennano per un paio di chilometri tra il 10 e il 12%. Poi si addolciscono nuovamente fino alla vetta, posta a poco più di 30 km dal traguardo. Le quote sono bassine, come del resto quelle di gran parte delle tappe montane del Tour 2017, ma chi volesse fare il matto troverebbe anche qui un po’ di strada favorevole. Anche qui, come nella frazione di Foix, la strada successiva all’ultimo picco non è del tutto una discesa, quanto un falsopiano; ma la differenza è che qui sarà più facile per i vari capitani conservare qualche rinforzo al proprio fianco. In ogni caso il dolce digradare fino a Le Puy-en-Velay sarà contrastato da due interessanti contraccolpi, ovvero la Côte de Saint-Vidal ai -13 (e son pur sempre due chilometri di salita), e lo strappetto dopo Polignac ai -5. Come dire che se qualche uomo di classifica sentisse per un giorno una gamba da finisseur, potrebbe anche provare (e riuscire) a guadagnare qualche secondo sui rivali con un’azione di rottura.
Martedì 18/7 - 16a tappa: Le Puy-en-Velay - Romans-sur-Isère (165 km)
  • Partenza: Le Puy-en-Velay ore 13.40
    Arrivo: Romans-sur-Isère ore 17.10-17.30

    Sprint intermedi: Chantemerle-les-Blés km 121.5
    Gpm: Côte de Boussoulet (1204 m-3a cat.) km 20.5, Col du Rouvey (1250 m-4a cat.) km 65

  • Volata, e sette? Può essere. O può essere che no: tutto dipenderà dai primi 20 km di tappa. Ovvero il tratto di strada in salita su cui si formerà la fuga. Se al suo interno ci saranno uomini abbastanza forti da guadagnare subito moltissimo (visto che le squadre dei velocisti andranno pianino, al ritmo dei loro sprinter), se ne potrebbe parlare. Viceversa, il terreno risulta poi molto favorevole per chi insegue: non ci saranno altre salite di vaglia, anzi addirittura un lungo tratto di circa 50 km tendenti alla discesa, a metà frazione, su cui gli staccati della prima ora potranno recuperare alla grandissima. Il finale è tortuosetto: dal triangolo rosso dell’ultimo chilometro, superate un paio di rotonde, la strada prende a salire, in un tratto diviso in due da un ampio curvone a sinistra. Ai 500 metri altra rotonda, e si entra nel rettilineo finale, sempre tirante all’insù, ma meno rispetto al mezzo chilometro precedente; in gruppo non mancheranno sprinter (et similia) in grado di bersi questo strappetto come un bicchiere d’acqua fresca. In generale, un rientro piuttosto soft dopo il secondo giorno di riposo e prima del redde rationem alpino.
Mercoledì 19/7 - 17a tappa: La Mure - Serre Chevalier (183 km)

  • Partenza: La Mure ore 12.20
    Arrivo: Serre Chevalier ore 17.15-18

    Sprint intermedi: Allemont km 47.5
    Gpm: Col d’Ornon (1371 m-2a cat.) km 30, Col de la Croix de Fer (2067 m-Hors cat.) km 78.5, Col du Télégraphe (1566 m-1a cat.) km 132.5, Col du Galibier (2642 m-Hors cat.-Souvenir Henri Desgrange) km 155

  • Tappone alpino, eccoti qui! Non si scherza, non si scherza per nulla nei 183 km che porteranno la carovana gialla a transitare per la vetta del Tour, il Galibier, Souvenir Henri Desgrange coi suoi 2642 metri s.l.m.; avvio interlocutorio, con il Col d’Ornon (5 km al 6.7%) che svetta al km 30, e relativa discesa verso Allemont. Qui il disegno altimetrico si descrive da sé, visto che si tratta di mettere in fila un terzetto di salite mitiche o forse addirittura magiche. La Croix-de-Fer, scalata irregolare se mai ce n’è stata una, consta di 24 km che alternano muri in doppia cifra a pezzetti di discesa, e tra i due estremi ovviamente anche tratti di salita più o meno pedalabili. La pendenza media (5.2%) è quanto di più inaffidabile possa esserci, in questo caso. Ma la notizia principale è che, dopo ben 44 Gpm in tutta la Boucle, al 45esimo finalmente si scavalca quota 2000. Era ora! La discesa verso Saint-Jean-de-Maurienne è più o meno come la salita, irregolare quanto basta. I primi 5 km sono un ottovolante, poi la strada si fa più semplice (sia come pendenze che come percorso), quindi a metà picchiata si risale addirittura per 2-3 km (ma è il solito falsopiano), quindi di nuovo giù a rotta di collo per 5 km, prima della spianata di fondovalle, che prelude a una quindicina di chilometri più o meno piatti fino a Saint-Michel-de-Maurienne. Qui si prende il Télégraphe, e mancano 63 km al traguardo. 12 km di salita, questi sì molto regolari, tutti al 7%, quindi 5 km digradanti verso Valloire, e si riprende ad andar su, ma questo si chiama già Galibier. Questo versante misura quasi 18 km, e la pendenza generale è di quasi il 7%; ma c’è una prima parte (diciamo i primi 5 km) abbastanza morbida, mentre il tratto centrale balla tra il 7 e l’8%; quindi breve spianatina, ed ecco che – a quota 2000 – lo scenario cambia di botto, la strada si indurisce, e ad arrivare in cima mancano ancora 8 km che si faranno via via sempre più tosti. Una montagna assassina (sportivamente parlando). Il si salvi chi può culmina sulla vetta, a 28 km dal traguardo, poi in discesa chi sarà davanti cercherà di difendere il proprio margine: primi 5 km più ripidi e tortuosi, poi più giù, a 19 dalla conclusione, ci si immette sullo stradone del Lautaret, e saranno inseguimenti col coltello tra i denti con le residue forze fino a Serre Chevalier.
Giovedì 20/7 - 18a tappa: Briançon - Izoard (179.5 km)
  • Partenza: Briançon ore 12.55
    Arrivo: Izoard ore 17.15-17.50

    Sprint intermedi: Les Thuiles km 91.5
    Gpm: Côte des Demoiselles Coiffées (1024 m-3a cat.) km 60, Col de Vars (2109 m-1a cat.) km 129.5, Col d’Izoard (Arrivo-2360 m-Hors cat.) km 179.5

  • Ultime montagne, ultime Alpi, ultimi due over 2000 (sui 4 totali della Boucle), e gran finale per gli scalatori sulla Casse Deserte, la pietraia in cima a una delle salite più significative della storia del ciclismo. Gli ingredienti ci sono quasi tutti, quello che manca è forse una terza grande salita, e il fatto che una tappa del genere arrivi ancora troppo presto rispetto alla deadline del Tour. E va bene, non si può avere tutto dalla vita. 120 km di quasi nulla, da Briançon ai piedi del Col de Vars, salita di 9 km abbordabile nella prima metà, molto meno nella seconda, laddove si vola da pendenze tra il 10 e l’8% in cima. Al Gpm mancano 50 km tondi all’arrivo, la discesa verso Guillestre è il versante più lungo ma anche più morbido del Vars. 20 km circa, prima parte più dolce, poi in fondo la strada si inasprisce sia come pendenze che come curve e curvette. Il problema per eventuali attaccanti coraggiosi risiede nel fatto che da Guillestre almeno fino a La Chapelue ci sono 15 km di falsopiano anche ventoso, e questo potrebbe tagliare le gambe di chi si fosse mosso in anticipo. A 14 km dall’arrivo iniziano le rampe dell’Izoard: nei primi 5 km la salita non morde, poi in località La Chalp l’altimetria s’increspa, e poi ancor più su, ai -7, inizia l’inferno: rampe al 10%, poi al 9, poi la breve contropendenza della Casse Deserte, quindi l’ultimo muro ancora al 10% nei due chilometri finali. Sarà uno contro uno senza più tentennamento alcuno, perché poi di salite non ce ne saranno più, e ci sarà anche una giornata di “riposo attivo” per recuperare prima della crono. Per come è piazzata questa tappa, e per come è disegnata, gli ingredienti per uno scontro epico sull’ascesa conclusiva ci sono tutti. Per la messa in pratica delle idee, ci rifacciamo ai corridori in gara.
Venerdì 21/7 - 19a tappa: Embrun - Salon-de-Provence (222.5 km)

  • Partenza: Embrun ore 12.30
    Arrivo: Salon-de-Provence ore 17.30-18.05

    Sprint intermedi: Banon km 136.5
    Gpm: Col Lebraut (1110 m-3a cat.) km 26, Côte de Bréziers (842 m-3a cat.) km 43, Col du Pointu (499 m-3a cat.) km 177.5

  • Scarico scarico scarico. Chiaro quale sia la parola d’ordine di questa terz’ultima, strana tappa del Tour 2017? Potrebbe essere volata (e 8!), così come potrebbe essere fuga. Quel che conta, è che gli uomini di classifica la percorreranno con la gamba in freezer dopo le fatiche alpine e prima del tutto per tutto contro il tempo. Il caso vuole però che si tratti della frazione più lunga della Boucle, quindi ci sarà da sudare lo stesso, e per non poche ore. Il percorso è di quel misto che fa tanto Tour, sbucano qua e là tre côte (due in apertura, una a 50 km dalla fine) che però non lasceranno segni grossi sulla corsa. Proprio il fatto che, dopo tanto mangia&bevi, proprio gli ultimi 50 km (anzi, diciamo 45, al netto della discesa dal Col du Pointu) verso Salon-de-Provence diventino totalmente piatti, ci fa sospettare che, ancora una volta, i velocisti vorranno provare a non lasciarsi sfuggire l’ennesima occasione buona. Che ci riescano, è poi da vedere.
Sabato 22/7 - 20a tappa: Marseille - Marseille (Cronometro-22.5 km)
  • Partenza: Marseille (Orange Vélodrome) ore 13.45 circa (Partenza primo corridore)
    Arrivo: Marseille (Orange Vélodrome) ore 17.30 circa (Arrivo ultimo corridore)

    Sprint intermedi:Nessuno
    Gpm: Nessuno

  • Fuori tutto, siamo all’atto conclusivo, dopo Marsiglia non resta che la passerella. E Marsiglia vuol dire mare, col Mediterraneo incrociato per la prima volta dopo 20 giorni di entroterra (tutto il contrario del Giro, che quest’anno si è svolto in buona parte sui litorali); ma soprattutto vuol dire cronometro: la seconda prova contro il tempo del Tour de France 2017 arriva quando per qualcuno sarà già troppo tardi, perché le montagne avranno in un modo o nell’altro disegnato una classifica già piuttosto strutturata. Cosa potranno cambiare questi 22 chilometri e mezzo nella città portuale? Tutto o niente, questo di sicuro non possiamo scriverlo con tre settimane d’anticipo. Si tratterebbe di una crono piatta, per specialisti, se non fosse… Partenza e arrivo nell’Orange Vélodrome, per la gioia del pubblico di fortunati che potranno accedere all’anello. Poi lunghi rettilinei e sbocco sul lungomare, e ancora lunghi rettilinei accanto all’acqua, ma è quando si guadagna il Porto Vecchio, a circa metà percorso, che le cose cambiano. E cambiano perché (ecco il “se non fosse”) al km 14 si lascia il mare e si entra e si sale, verso Notre-Dame de la Garde, la basilica che domina appunto la Città Vecchia. 1.2 chilometri di scalata, un cambio di scenario tanto repentino quanto violento, perché le pendenze si attestano sul 9% nei primi 300 metri, e poi – dopo 300 metri più dolci – sul 12% nella seconda metà di scalata. Uno sforzo (supplementare) breve, ma sarà una scarica di acido lattico non indifferente nelle gambe dei corridori, e il tutto andrà gestito con la massima sapienza, perché il rischio di non ritrovare più il ritmo, dopo, è molto alto. La discesa misura un paio di chilometri, le pendenze sono quindi più diluite, fino a riguadagnare il lungomare a 5 km dalla fine, riprendendo la via del ritorno verso il velodromo. Elementi ulteriori a poter incidere: il caldo, di sicuro. Il vento, forse, nel senso che se spirerà forte potrà favorire ulteriormente le grosse cilindrate. Sarà orrendo dirlo, ma all’arrivo ci aspettiamo la bava sulla bocca di tanti corridori, dopo uno sforzo che per gli uomini di classifica sarà più o meno sovrumano, da apnea totale per la mezz’ora di durata della prova.
Domenica 23/7 - 21a tappa: Montgeron - Paris Champs-Élysées (103 km)

  • (Circuito finale di circa 7 km da ripetere 8 volte)

    Partenza: Montgeron ore 16.50
    Arrivo: Paris Champs-Élysées ore 19.10-19.25

    Sprint intermedi: Haut des Champs-Élysées km 63.5
    Gpm: Nessuno

  • E dopo tante fatiche, e dopo il supertrasferimento da Marsiglia in aereo, la classicissima passerella finale di cui nulla resta ormai da dire dopo tanti anni sempre uguali. Partenza da Montgeron, un centinaio di chilometri da coprire in totale, di cui più della metà nell’arcinoto circuito dei Campi Elisi. A differenza di altre edizioni, ci viene risparmiata la ridicolata dell’ultimo simbolico Gpm su qualche cavalcavia dell’hinterland parigino; in compenso, c’è una bella novità, rappresentata dal passaggio all’interno di un palazzo (il Grand Palais), proprio prima di accedere al circuito finale: sarà una simpatica curiosità. Circuito finale sempre uguale, 7 chilometri tra le Tuileries, Place de la Concorde, l’Arco di Trionfo e ritorno giù per lo scenografico vialone, a riprendere il giro. Ultimo doppio curvone in Place de la Concorde, a 600 metri dalla linea d’arrivo, prima del mezzo chilometro di rettilineo finale dove i velocisti ancora in gara si disputeranno l’ultimo successo (e 9!), a meno di qualche magata da finisseur, mentre gli uomini di classifica faranno passerella tra gli applausi della folla.