X
    Categories: CorseUnder 23

Giro della Valle d’Aosta 2017

  • Petit Tour, così lo chiamano i padroni di casa. E la definizione pare azzeccata, perché il Giro della Valle d’Aosta è il perfetto contraltare giovanile, assieme al più noto (all’estero) Tour de l’Avenir, del Tour de France. Albo d’oro prestigioso, per una corsa giunta alla cinquantaquattresima edizione; da Gianni Motta a Gilberto Simoni, da Ivan Gotti a Yaroslav Popovych, fino ai più recenti Fabio Aru e Thibaut Pinot.

    Cinque le frazioni in programma, caratterizzate, e non poteva essere altrimenti, dalle difficoltà altimetriche. È questa la caratteristica che ha fatto del Giro del VdA l’occasione di mettersi in mostra per i giovanissimi talenti internazionali. Come d’abitudine, una tappa viene disputata all’estero, in questo caso il complicato prologo d’apertura. E un’ulteriore giornata viene passata, per così dire, “oltre confine”; la seconda vedrà gli atleti impegnati nel Canavese, con la salita finale veramente ardua.

    Le ultime tre giornate sono tutte ospitate dalla Vallée. Interessante la frazione centrale, con un continuo saliscendi, con tanto di tratto in sterrato, prima dell’asperità conclusiva. Il tappone di sabato si staglia nella tradizione: Champremier, Saint Panthaléon e Cervinia, per 70 km da correre in apnea. Mini frazione per la chiusura, ma tutt’altro che agevole; chi vorrà succedere a Kilian Frankiny dovrà sudare fino all’ultimo metro.

    Sono ventisette le formazioni al via, ciascuna composta da cinque elementi. Molto difficile dunque tenere chiusa la corsa, anche per gli squadroni; meglio, forse un po’ meno semplice per loro. Perché il BMC Development Team si presenta in gran spolvero: a guidarlo è il russo Pavel Sivakov, vincitore del Giro d’Italia under 23 e grande favorito per il successo. Steff Cras e Marc Hirschi sono più che semplici pretoriani. Che dire degli australiani Mitchelton-Scott che ha occupato i restati due posti del podio del GiroBaby? C’è Lucas Hamilton, con Robert Stannard (forfait in extremis per Jai Hindley), oltre agli altri nomi di tutto rispetto.

    Chi, invece, al Giro non ha partecipato con i big, è la Lotto Soudal. Stavolta i belgi schierano le due perle Bjorg Lambrecht e Harm Vanhoucke, prossime speranze fiamminghe per le corse a tappe. Sempre interessante la coppia britannica Scott Davies e James Knox del Team Wiggins, così come i russi Nikolay Cherkasov e Artem Nych, qui con la nazionale. Dopo l’eccellente Giro punta a ripetersi la Dimension Data for Qhubeka di Joseph Areruya e Nicholas Dlamini.

    Sono in gara le tre migliori formazioni giovanili spagnole: nel Lizarte Jaime Castrillo e Sergio Samitier rappresentano un duo dal futuro assicurato, così come Fernando Barceló della Fundación Euskadi. Completa il quadro la Polartec Fundación Contador; nel team promosso dal campione della Trek anche l’azzurro Daniele Cantoni. Altri nomi sparsi da tener d’occhio sono quelli di Scott Auld (Zappi Team), Jonathan Couanon (VC La Pomme Marseille), Niklas Eg (Nazionale danese), Patrick Gamper (Tirol Cycling Team), Vadim Pronskiy (Astana City), Brandon Vargas (UC Monaco) e Stephen Williams (SEG Racing Academy).

    Passando alle compagini italiane, e citando le mancate presenze di Delio Gallina, Viris e Zalf, il Team Colpack deve fare i conti con l’assenza dell’ultima ora di Mark Padun, terzo un anno fa. A fare le veci dell’ucraino saranno Giovanni Carboni e Marco Negrente. Leader straniero per il Team Palazzago Amarù; il bielorusso, e campione europeo, Alexandr Riabushenko. Il Cycling Team Friuli spera che Mattia Fabbro abbia definitivamente pagato il conto con la malasorte. Interessante la Hopplà Petroli Firenze con il neoarrivato (ma già vincente) Andrea Cacciotti e Massimo Rosa. Spazio infine, nella Gavardo Biesse, per Enrico Logica e Michel Piccot, beniamino dei tifosi della regione.

  • BMC DEVELOPMENT TEAM
    1 CRAS Steff
    2 SCHIAPPI Martin
    3 HIRSCHI Marc
    4 MULLER Patrick
    5 SIVAKOV Pavel
    TEAM COLPACK
    6 ZACCANTI Filippo
    7 BALDACCINI Davide
    8 NEGRENTE Marco
    9 FEDELI Alessandro
    10 CARBONI GiovannI
    LOTTO SOUDAL
    11 VANHOUCKE Harm
    12 HUYS Laurens
    13 INKELAAR Kevin
    14 LAMBRECHT Bjorg
    15 VEREECKEN Thomas
    TIROL CYCLING TEAM
    16 FREIBERGER Markus
    17 BRKIC Benjamin
    18 WILDAUER Markus
    19 GAMPER Patrick
    TEAM PALAZZAGO AMARU
    21 GRODZICKI Cezary
    22 COVILI Luca
    23 BRANCHINI Giulio
    24 COLOMBO Eros
    25 RIABUSHENKO Aleksandr
    HAUTE SAVOIE AUVERGE
    26 DIDIER Clément
    27 BRENANS Émile
    28 PETITJEAN Baptiste
    29 GUILLOT Jocelyn
    30 PERRISSIN Constantin
    VL TECHNICS-EXPERZA-ABUTRIEK
    31 MERTENS Julien
    32 VAN POUCKE Aaron
    33 VEROUGSTRAETE Nicolas
    34 VAN OUDEHOVE Johnny
    35 BECK Cedric
    UC MONACO
    36 LANGELLOTTI Victor
    37 FEELEY Daire
    38 RIVERA Brandon
    39 DELCÓ Lorenzo
    40 VENINGA Benjamin
    POLARTEC FUNDACION CONTADOR
    41 CANTONI Daniele
    42 CANTON Isaac
    43 LOPEZ Juan Pedro
    44 BOU Joan
    45 SEVILLA Diego
    ASTANA CITY
    46 SHTEIN Grigoriy
    47 KUZMIN Anton
    48 NATAROV Yuriy
    49 PRONSKIY Vadim
    50 SATLIKOV Maxim
    TEAM WIGGINS
    51 KNOX James
    52 DAVIES Scott
    53 THOMPSON Michael
    54 GEORGIE Etienne
    55 DENNIS Ashley
    EFC-L&r-VULSTEKE
    56 HOUTEMMAN Nico
    57 LEYMAN Celestin
    58 RELAES Jacob
    59 VANACKER Bjarne
    60 VERSCHAEVE Viktor
    HOPPLÀ PETROLI FIRENZE
    61 ROSA Massimo
    62 MONACO Alessandro
    63 MONTAGNOLI Andrea
    64 GIANNELLI Gabriele
    65 CACCIOTTI Andrea
    ZAPPI CYCLING TEAM
    66 DAVEY James
    67 BILLYARD Jack
    68 AULD Scott
    69 ROBINSON Fergus
    70 KIBBLE Peter
    RUSSIA
    71 CHERKASOV Nikolay
    72 NYCH Artem
    73 VLASOV Aleksandr
    74 KOBERNIAK Evgenii
    75 FATKULIN Valerii
    LIZARTE
    76 CASTRILLO Jaime
    77 SAMITIER Sergio
    78 MORENO Ivan
    79 PARRA José Felix
    80 BERRADE Urko
    DIMENSION
    DATA FOR QHUBEKA

    81 ARERUYA Joseph
    82 DLAMINI Nichloas
    83 MAIN Kent
    84 MUGISHA Samuel
    85 WELDU Hafetab
    TEAM VEJUS
    86 RUBIO Einer
    87 PILICANO Francesco
    88 NECCI Mirko
    89 COLLODORO Angelo
    90 CALABRESE Andrea
    GAVARDO BIESSE
    91 CALVI Davide
    92 NARDELLI Matteo
    93 LOGICA Enrico
    94 PICCOT Michel
    95 PIZZA Pierpaolo
    MITCHELTON SCOTT
    96 HAMILTON Lucas
    97 SWEENY Harrison
    98 JENNER Samuel
    99 STANNARD Robert
    100 STORER Michael
    SEG RACING ACADEMY
    101 WILLIAMS Stephen
    102 DE VRIES Harthijs
    103 ERIKSSON Lukas
    104 AFFINI Edoardo
    105 SCHELLING Ide
    FUNDACION EUSKADI
    106 BARCELO Fernando
    107 ORMAETXEA Paul
    108 AZURMENDI Ibai
    109 ALONSO Mikel
    110 ARAMENDI Dorian
    DANIMARCA
    111 EG Niklas
    112 SCHULTZ Jesper
    113 GREEGARD Jonas
    114 BAK KLARIS Magnus
    115 BENDIXEN Louis
    BOURGOGNE FRANCHE COMTÉ
    117 DUMAY Léon
    118 DEFAYE Jérémy
    119 DEGRANDCOURT Hadrien
    120 RICHARDOT Eugéne
    CYCLING TEAM FRIULI
    121 BAIS Mattia
    122 FABBRO Matteo
    123 ZANOTTO Thomas
    124 MELLONI Mattia
    125 GIURIATO Alberto
    VC LA POMME MARSEILLE
    126 ARNOULT Floryan
    127 COUANON Jonathan
    128 DE ROSSI Lucas
    129 DELETTRE Alexander
    130 MERIGNAT Sofiane
    GENERAL STORE BOTTOLI ZARDINI
    131 ZANDOMENEGHI Simone
    132 ZAMBON Simone
    133 HMOUDDAN Zakaria
    134 ABENANTE Pasquale
    135 CASAROTTO Davide
  • 2016Kilian Frankiny (SVI)Enric Mas (SPA)Mark Padun (UCR)
    2015Robert Power (AUS)Laurens De Plus (BEL)Simone Petilli (ITA)
    2014Bernardo Suaza (COL)Odd Christian Eiking (NOR)Manuel Senni (ITA)
    2013Davide Villella (ITA)Davide Formolo (ITA)Clément Chevrier (FRA)
    2012Fabio Aru (ITA)Sergej Cerneckij (RUS)Andrea Manfredi (ITA)
    2011Fabio Aru (ITA)Joseph Dombrowski (USA)Nikita Novikov (RUS)
    2010Pëtr Ignatenko (RUS)Jonathan Monsalve (VEN)Francesco Bongiorno (ITA)
    2009Thibaut Pinot (FRA)Angelo Pagani (ITA)Egor Silin (RUS)
    2008Michele Gaia (ITA)Enrico Zen (ITA)Anatolij Pachtusov (UCR)
    2007Alex Cano (COL)Vincenzo Iannello (ITA)Mauro Finetto (ITA)
    2006Alessandro Bisolti (ITA)Daniel Martin (IRL)Tom Criel (BEL)
    2005Morris Possoni (ITA)Luigi Sestili (ITA)Cristiano Salerno (ITA)
    2004Tomaz Nose (SLO)Domenico Pozzovivo (ITA)Morris Possoni (ITA)
    2003Marco Marzano (ITA)Emanuele Sella (ITA)Oliver Zaugg (SVI)
    2002Marco Marzano (ITA)Massimo Iannetti (ITA)Oliver Zaugg (SVI)
    2001Jaroslav Popovyc (UCR)Damiano Cunego (ITA)Maksim Smirnov (RUS)
    2000Jaroslav Popovyc (UCR)Damiano Giannini (ITA)Sylwester Szmyd (POL)
    1999Milan Kadlec (CEC)Paolo Tiralongo (ITA)Ramon Bianchi (ITA)
    1998Igor Pugaci (MOL)Leonardo Giordani (ITA)Paolo Tiralongo (ITA)
    1997Devis Miorin (ITA)Stefano Panetta (ITA)Angelo Lopeboselli (ITA)
    1996Claudio Vandelli (ITA)Mauro Zanetti (ITA)Gianluca Tonetti (ITA)
    1995Valentino Fois (ITA)Stefano Faustini (ITA)Marco Della Vedova (ITA)
    1994Roberto Pistore (ITA)Dario Frigo (ITA)Riccardo Faverio (ITA)
    1993Roberto Menegotto (ITA)Rosario Fina (ITA)Gilberto Simoni (ITA)
    1992Gilberto Simoni (ITA)Leonardo Piepoli (ITA)Vincenzo Galati (ITA)
    1991Wladimir Belli (ITA)Jacques Dufour (SVI)Andrea Noè (ITA)
    1990Ivan Gotti (ITA)Fabrizio Settembrini (ITA)Wladimir Belli (ITA)
    1989Ivan Gotti (ITA)Daniel Lanz (SVI)Stefano Cattai (ITA)
    1988Enrico Zaina (ITA)Gianluca Tonetti (ITA)Herbert Niederberger (SVI)
    1987Fabrice Philipot (FRA)Gianluca Tonetti (ITA)Marco Lanteri (ITA)
    1986Marco Lanteri (ITA)Stefano Tomasini (ITA)Marco Votolo (ITA)
    1985Stefan Brykt (SVE)Kjell Nilsson (SVE)Bruno Bulic (JUG)
    1984Flavio Giupponi (ITA)Jurghen Pedersen (DAN)Claudio Chiappucci (ITA)
    1983Luc Wallays (BEL)Alberto Volpi (ITA)Fabrizio Vannucci (ITA)
    1982Stefano Tomasini (ITA)Mario Bonzi (ITA)Luc Wallays (BEL)
    1981Maurizio Viotto (ITA)Franco Chioccioli (ITA)Paul Haghedooren (BEL)
    1980Fabrizio Verza (ITA)Giovanni Fedrigo (ITA)Giovanni Testolin (ITA)
    1979Alessandro Paganessi (ITA)Alberto Minetti (ITA)Giuseppe Faraca (ITA)
    1978Claudio Gosetto (ITA)Giovanni Fedrigo (ITA)Giovanni Testolin (ITA)
    1977Ennio Vanotti (ITA)Giuseppe Fatato (ITA)Silvano Contini (ITA)
    1976Francesco Masi (ITA)Leonardo Mazzantini (ITA)Giovanni Fedrigo (ITA)
    1975Leone Pizzini (ITA)Annunzio Colombo (ITA)Alfio Vandi (ITA)
    1974Giuseppe Rodella (ITA)Pasquale Pugliese (ITA)Fausto Stiz (ITA)
    1973Gabriele Mirri (ITA)Alfredo Chinetti (ITA)Leonardo Mazzantini (ITA)
    1972Efrem Dall'Anese (ITA)Alberto Bogo (ITA)Giovanbattista Baronchelli (ITA)
    1971Mario Corti (ITA)Germano Zangrandi (ITA)Franco Balduzzi (ITA)
    1970Franco Baroni (ITA)Antonio Tavola (ITA)Renato Martinazzo (ITA)
    1969Vittorio Urbani (ITA)Giuseppe Mereghetti (ITA)Franco Famà (ITA)
    1968Pierfranco Vianelli (ITA)Roberto Sorlini (ITA)Ottavio Crepaldi (ITA)
    1967Arturo Pecchielan (ITA)Antonio Fradusco (ITA)Leopoldo Cattelan (ITA)
    1965-66Non disputato
    1964Adriano Passuello (ITA)Franco Bodrero (ITA)Franco Parrini (ITA)
    1963Gianni Motta (ITA)Luciano Galbo (ITA)Adriano Passuello (ITA)
    1962Gilberto Vendemiati (ITA)Marcello Mugnaini (ITA)Italo Zilioli (ITA)
  • La corsa non sarà visibile in diretta. Sarà possibile vedere su Cicloweb.it gli highlights di ogni singola tappa, indicativamente attorno alle ore 21 di ogni giornata.

Le tappe e i risultati

Mercoledì 12/7 - Prologo: Saint Gervais Mont Blanc - Saint Nicolas de Véroce (Cronometro-8 km)

  • Partenza: Saint Gervais Mont Blanc ore 16 (Partenza primo atleta)
    Arrivo: Saint Nicolas de Véroce ore 17.25 (Arrivo ultimo atleta)

    Sprint intermedi: Nessuno
    Gpm: Nessuno

  • Il Giro della Valle d’Aosta parte dalla Francia, per la precisione da Saint-Gervais Mont-Blanc; un anno fa si impose Mark Padun, ma il percorso sarà parzialmente uguale a quello del 2016. Primo chilometro difficile nel centro cittadino, con alcuni strappi da scalatori puri; poi la strada diventa meno difficile e meno tortuosa, ma continuerà a salire fino al traguardo. Adatto sia agli scalatori che ai cronomen puri, abili a reggere in salita.
Giovedì 13/7 - 1a tappa: Quassolo - Quincinetto Scalaro (172.6 km)

  • Partenza: Quassolo ore 12
    Arrivo: Quincinetto Scalaro ore 16.30-17.15

    Sprint intermedi: Caluso km 60.1, Rivara km 102.8
    Gpm: Perloz (667 m-3a cat.) km 15.3, Forno Canavese (572 m-3a cat.) km 107.1, Castelnuovo Nigra (840 m-2a cat.) km 129.8, Quincinetto Scalaro (1441 m-1a cat.) km 172.6

  • Prima tappa in linea piemontese, fatta eccezione per un breve passaggio ad inizio tappa in Valle. Dopo 15 km è previsto il primo gpm; poi, dopo la discesa, si andrà verso 80 km di pianura intervallati dagli sprint di Caluso e Rivara. Il finale di giornata è mosso: in rapida successione le ascese di Forno Canavese e Castelnuovo Nigra (e la scalata di Pecco, non valida come gpm) prima di arrivare a Quincinetto. Qui inizia la scalata verso Scalaro, lunga 12 km e con pendenze molto esigenti. Punte del 15% ma quello che più impressiona è la media del 9.6%; arrivo per scalatori veri
Venerdì 14/7 - 2a tappa: Villeneuve - Les Combes d'Introd (138.4 km)

  • Partenza: Villeneuve ore 12.30
    Arrivo: Les Combes d’Introd ore 16.05-16.45

    Sprint intermedi: Pollein km 40.2, Pollein km 98.5
    Gpm: Col d’Introd (883 m-3a cat.) km 4.3, Charvensod (752 m-3a cat.) km 44.4, Col d’Introd (883 m-3a cat.) km 62.6, Gressan (758 m-3a cat.) km 105.7, Villeneuve Champlong (1017 m-2a cat.) km 121, Les Combes d’Introd (1323 m-2a cat.) km 138.4

  • La frazione centrale del Tour è anomala rispetto al passato. Tante piccole salite di 2/3 km e nessuna lunga ascensione, fatta eccezione per quella finale. Ma di pianura, nei 138 km, praticamente pochi metri. Inizialmente si affronterà per due volte un circuito di 58 km, con strade strette prima del muro di Charvensod, che nel secondo giro viene sostituito da Clappey di Gressan. Dopo il secondo passaggio dalla partenza il gruppo salirà a Champlong di Villeneuve; al termine della asperità un tratto di 4 km di sterrato prima della discesa verso Introd e la salita finale di Les Combes.
Sabato 15/7 - 3a tappa: Valtournenche - Breuil Cervinia (170.1 km)

  • Partenza: Valtournenche ore 11
    Arrivo: Breuil Cervinia ore 16.05-16.55

    Sprint intermedi: Nus km 31.5, Fénis km 98.2
    Gpm: Quart (706 m-3a cat.) km 37.5, Doues (1220 m-2a cat.) km 59.8, Champremier (1389 m-1a cat.) km 107.5, Col Saint Pantaléon (1675-1a cat.) km 142.2, Breuil Cervinia (1986-1a cat) km 168.8

  • La tappa regina del Petit Tour. 170 km molto impegnativi: dopo un tratto in falsopiano c’è il primo gpm di terza categoria a Séran prima di salire Doues. A metà corsa inizieranno le difficoltà più imponenti: in serie Champremier e Saint Panthaléon, che metteranno a dura prova il gruppo. Dalla vetta discesa verso Antey e salita finale ai 2000 metri di Breuil Cervinia.
  • .
Domenica 16/7 - 4a tappa: Aosta - Valgrisenche (103.7 km)

  • Partenza: Aosta ore 9.30
    Arrivo: Valgrisenche ore 12.20-12.55

    Sprint intermedi: Arvier km 13, Morgex km 53.6
    Gpm: La Palud (1352 m-3a cat.) km 39.9, Cérellaz (1253 m-2a cat.) km 69.3, Moulin de Rosset (1509 m-1a cat.) km 96.1

  • Finale complicato, con una tappa breve ma tosta. Dopo la partenza dal capoluogo e la lunga ma non difficile verso Courmayeur, si ritorna verso la partenza, svoltando però verso Cérellaz. Salita questa molto esigente, dove si potrà attaccare e fare la differenza; da qui discesa e, ai meno 18 km, inizia l’ultima asperità verso Valgrisenche. Ardua nella parte iniziale, ma poi più dolce. Un bella conclusione per il Petit Tour.
  • .

 

La redazione: