Il podio del Trofej Umag © Facebook - Meridiana Kamen
Il podio del Trofej Umag © Facebook - Meridiana Kamen

Trofej Umag, la fuga del mattino resiste e il norvegese Hagen può esultare

Che modo migliore c’è di debuttare vincendo, per giunta al termine di una bella azione solitaria? Questo è quanto avrà pensato stamattina Krister Hagen, ventinovenne norvegese del Team Coop, quando ha deciso di far parte della fuga del mattino al Trofej Umag. Tra le strade assolate ma fredde della costa croata lo scandinavo è stato accompagnato in avanscoperta dal britannico Tom Baylis (ONE Pro Cycling) e dal tedesco Florian Obersteiner (Hermann Radteam).

Il terzetto è diventato coppia attorno ai meno 50 dei 144.4 km in programma a causa di una caduta, fortunatamente senza conseguenze, che ha fatto staccare Obersteiner. I due superstiti hanno così proseguito, entrando negli ultimi 10 km con ancora 1’15” sul gruppo. Sfruttando la sua maggiore potenza Hagen è riuscito a distanziare Baylis, andando così a tagliare il traguardo tutto solo con 19″ sul rivale britannico.

La prima parte del gruppo è giunta a 27″, con il serbo Dusan Rajovic (Adria Mobil) terzo. Completano la top 10 il tedesco Jonas Bokeloh (LKT Team Brandenburg), il danese Asbjørn Kragh Andersen (Team Virtu Cycling), il tedesco Max Kanter (Development Team Sunweb), l’austriaco Daniel Auer (WSA Pushbikers), lo svizzero Joab Schneiter (IAM Excelsior), il croato Josip Rumac (Meridiana Kamen Team) e il tedesco Timon Loderer (Hrinkow Advarics Cycleang).

Visita lo store di Cicloweb!

Dal nostro Store

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile