Giro d’Italia 2018

[restabs alignment=”osc-tabs-center” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”Presentazione” active=”active”]Dunque, dove eravamo rimasti? Giusto, ad una palpitante cronometro finale con quattro corridori a giocarsi il Giro d’Italia fino all’ultima pedalata e con la storica prima affermazione di una nazione faro del ciclismo. Tom Dumoulin, già entrato nei libri di storia, vuole rendersi protagonista di un’impresa rara, ossia la doppietta. Negli ultimi 40 anni solo Miguel Indurain è stato capace di portarsi a casa due edizioni consecutive e il grande obiettivo del neerlandese è quello di raggiungere il suo idolo.

Ma la Farfalla di Maastricht deve fare i conti con un osso duro, probabilmente il peggiore che potesse auspicare. Dopo le vittorie di Tour e Vuelta e in attesa che venga presa una decisione sul caso che lo riguarda, Christopher Froome si precipita con armi e bagagli alla ricerca del filotto, capolavoro riuscito solo a Merckx e Hinault. Il britannico guida un Team Sky formidabile e che aspira a condurre la corsa a suo modo: lo squadrone di Brailsford vuole finalmente sfatare il tabù Giro, che li ha visti sempre sconfitti.

Punta a essere il terzo incomodo quel Thibaut Pinot già splendido protagonista nel 2017 e che si augura quantomeno di salire sul podio nella corsa che più ama. Il francese avrà una squadra molto solida a sua disposizione e che potrà supportarlo al meglio in salita. Gregari di livello anche per un giovane talento quale Miguel Ángel López, leader di un’Astana in gran spolvero e che ambisce alle posizioni di avanguardia.

Le speranze italiane di vittoria al Giro d’Italia 2018 sono tutte riposte in Fabio Aru: reduce da due assenze di fila, il sardo si presenta alla corsa di casa con un cammino non scintillante e caratterizzato da alcuni contrattempi evitabili. Puntano a far classifica anche Davide Formolo, alla ricerca del salto di qualità definitivo, e Domenico Pozzovivo, forse all’ultima chance di ambire a quel podio a lungo inseguito.

L’accoppiata della Mitchelton-Scott promette scintille: Esteban Chaves e Simon Yates hanno la sfrontatezza per provare a far danni anche da lunga distanza, sfruttando anche la superiorità numerica che potrebbe crearsi nei momenti decisivi. Altri nomi quali George Bennett, Richard Carapaz, Alexandre Geniez, Ben Hermans, Louis Meintjes, Nicolas Roche e Michael Woods sono candidati per un piazzamento con i migliori.

Capitolo velocisti, tutti gli occhi sono puntati su Elia Viviani. Il veronese è fermo a una sola affermazione alla Corsa Rosa e ha l’obiettivo di incrementare il palmarès. Proveranno a complicargli l’opera Andrea Guardini, Jakub Mareczko, Sacha Modolo e gli stranieri Sam Bennett e Danny van Poppel.

A questo Giro d’Italia non mancano i classicomani, a partire da quel Tim Wellens in gran spolvero e che non si lascia certo pregare nel provare a realizzare azioni d’altri tempi. Robert Gesink, Tony Martin e Zdenek Stybar sono nomi buoni per le tappe intermedie e, nel caso del tedesco, anche nelle cronometro. Avrebbe dovuto essere l’ultimo Giro della lunga carriera per Filippo Pozzato ma il vicentino ha dovuto rinunciare in extremis a causa di gravi problemi familiari.[/restab] [restab title=”Startlist”]

TEAM SUNWEB
1 DUMOULIN Tom
2 CURVERS Roy
3 HAGA Chad
4 HAMILTON Chris
5 HOFSTEDE Lennard
6 OOMEN Sam
7 TEN DAM Laurens
8 VERVAEKE Louis (DNF 19)
AG2R LA MONDIALE
11 GENIEZ Alexandre
12 BIDARD François
13 CHÉREL Mickaël (DNF 19)
14 DENZ Nico
15 DUPONT Hubert
16 JAUREGUI Quentin
17 MONTAGUTI Matteo
18 VENTURINI Clément
ANDRONI GIOCATTOLI-SIDERMEC
21 GAVAZZI Francesco
22 BALLERINI Davide
23 BELLETTI Manuel
24 CATTANEO Mattia
25 FRAPPORTI Marco
26 MASNADA Fausto
27 TORRES Rodolfo Andres
28 VENDRAME Andrea
ASTANA PRO TEAM
31 LOPEZ Miguel Angel
32 BILBAO Pello
33 HIRT Jan
34 KANGERT Tanel (DNS 13)
35 LUTSENKO Alexey
36 SANCHEZ Luis Leon
37 VILLELLA Davide
38 ZEITS Andrey
BAHRAIN MERIDA
41 POZZOVIVO Domenico
42 BOARO Manuele
43 BONIFAZIO Niccolo
44 MOHORIC Matej
45 NIBALI Antonio
46 NOVAK Domen
47 SIUTSOU Kanstantsin (DNS 1)
48 VISCONTI Giovanni
BARDIANI CSF
51 CICCONE Giulio
52 ANDREETTA Simone
53 BARBIN Enrico
54 GUARDINI Andrea (DNF 4)
55 MAESTRI Mirco (DNF 19)
56 SENNI Manuel (DNF 15)
57 SIMION Paolo
58 TONELLI Alessandro (DNS 15)
BMC RACING TEAM
61 DENNIS Rohan
62 DE MARCHI Alessandro
63 DRUCKER Jean-Pierre
64 FRANKINY Kilian
65 ROCHE Nicolas (DNF 15)
66 ROELANDTS Jurgen
67 VENTOSO Francisco
68 VLIEGEN Loïc (DNF 15)
BORA HANSGROHE
71 FORMOLO Davide
72 BENEDETTI Cesare
73 BENNETT Sam
74 GROSSSCHARTNER Felix
75 KONRAD Patrick
76 PFINGSTEN Christoph
77 SCHILLINGER Andreas
78 SELIG Rüdiger (DNS 6)
GROUPAMA-FDJ
81 PINOT Thibaut (DNS 21)
82 BONNET William (DNF 19)
83 LADAGNOUS Matthieu (DNF 21)
84 MORABITO Steve
85 PREIDLER Georg
86 REICHENBACH Sébastien
87 ROUX Anthony
88 ROY Jérémy
ISRAEL CYCLING ACADEMY
91 HERMANS Ben
92 BOIVIN Guillaume
93 DEMPSTER Zakkari
94 NEILANDS Krists
95 NIV Guy (DNF 5)
96 PLAZA Rubén
97 SBARAGLI Kristian
98 SAGIV Guy
LOTTO FIXALL
101 WELLENS Tim (DNS 14)
102 ARMÉE Sander
103 BAK Lars Ytting
104 CAMPENAERTS Victor (DNS 17)
105 DEBUSSCHERE Jens
106 HANSEN Adam
107 VAN DER SANDE Tosh (DNF 17)
109 FRISON Frederik
MITCHELTON-SCOTT
111 CHAVES Esteban
112 BEWLEY Sam
113 HAIG Jack
114 JUUL-JENSEN Christopher
115 KREUZIGER Roman
116 NIEVE Mikel
117 TUFT Svein
118 YATES Simon
MOVISTAR TEAM
121 BETANCUR Carlos
122 CARAPAZ Richard
123 DE LA PARTE Víctor
124 FERNANDEZ Rubén
125 PEDRERO Antonio
126 QUINTANA Dayer
127 SEPÚLVEDA Eduardo
128 VALLS Rafael (DNF 10)
QUICK STEP FLOORS
131 VIVIANI Elia
132 CAPECCHI Eros
133 CAVAGNA Rémi
134 MØRKØV Michael
135 SABATINI Fabio
136 SCHACHMANN Maximilian
137 SÉNÉCHAL Florian
138 STYBAR Zdenek
TEAM DIMENSION DATA
141 MEINTJES Louis (DNS 17)
142 ANTON Igor (DNF 15)
143 BERHANE Natnael
144 GIBBONS Ryan
145 KING Benjamin
146 O'CONNOR Ben (DNF 19)
147 JANSE VAN RENSBURG Jacques
148 VENTER Jaco
TEAM EF EDUCATION FIRST-DRAPAC
151 WOODS Michael
152 SCULLY Thomas (DNS 14)
153 CARTHY Hugh
154 DOCKER Mitchell
155 DOMBROWSKI Joe
156 MODOLO Sacha
157 VAN ASBROECK Tom
158 BROWN Nathan
TEAM KATUSHA-ALPECIN
161 BELKOV Maxim
162 DOWSETT Alex
163 GONÇALVES José
164 KUZNETSOV Viacheslav
165 LAMMERTINK Maurits
166 MARTIN Tony
167 PLANCKAERT Baptiste
168 WÜRTZ SCHMIDT Mads
TEAM LOTTONL-JUMBO
171 BATTAGLIN Enrico
172 BENNETT George
173 BOUWMAN Koen
174 VAN EMDEN Jos
175 GESINK Robert
176 VAN HOECKE Gijs
177 LINDEMAN Bert-Jan
178 VAN POPPEL Danny
TEAM SKY
181 FROOME Christopher
182 DE LA CRUZ David
183 ELISSONDE Kenny
184 HENAO Sergio Luis
185 KIRYIENKA Vasil (DNF 19)
186 KNEES Christian
187 POELS Wout
188 PUCCIO Salvatore
TREK-SEGAFREDO
191 BRAMBILLA Gianluca
192 DIDIER Laurent
193 EG Niklas
194 IRIZAR Markel
195 MULLEN Ryan
196 PANTANO Jarlinson
197 VAN POPPEL Boy
198 PEDERSEN Mads
UAE TEAM EMIRATES
201 ARU Fabio (DNF 19)
202 ATAPUMA Darwin
203 CONTI Valerio
204 LAENGEN Vegard Stake
205 MARCATO Marco
206 MORI Manuele
207 POLANC Jan
208 ULISSI Diego
WILIER TRIESTINA-SELLE ITALIA
211 MARECZKO Jakub (DNF 9)
212 BERTAZZO Liam
213 COLEDAN Marco
214 FONZI Giuseppe
215 MOSCA Jacopo
216 TURRIN Alex
217 ZARDINI Edoardo (DNS 7)
218 ZHUPA Eugert
[/restab] [restab title=”Albo d’oro”]
2018Chris Froome (GBR)Tom Dumoulin (OLA)Miguel Ángel López (COL)
2017Tom Dumoulin (OLA)Nairo Quintana (COL)Vincenzo Nibali (ITA)
2016Vincenzo Nibali (ITA)Esteban Chaves (COL)Alejandro Valverde (SPA)
2015Alberto Contador (SPA)Fabio Aru (ITA)Mikel Landa (SPA)
2014Nairo Quintana (COL)Rigoberto Urán (COL)Fabio Aru (ITA)
2013Vincenzo Nibali (ITA)Rigoberto Urán (COL)Cadel Evans (AUS)
2012Ryder Hesjedal (CAN)Joaquim Rodríguez (SPA)Thomas De Gendt (BEL)
2011Michele Scarponi (ITA)Vincenzo Nibali (ITA)John Gadret (FRA)
2010Ivan Basso (ITA)David Arroyo (SPA)Vincenzo Nibali (ITA)
2009Denis Menchov (RUS)Carlos Sastre (SPA)Ivan Basso (ITA)
2008Alberto Contador (SPA)Riccardo Riccò (ITA)Marzio Bruseghin (ITA)
2007Danilo Di Luca (ITA)Andy Schleck (LUS)Eddy Mazzoleni (ITA)
2006Ivan Basso (ITA)José Enrique Gutiérrez (SPA)Gilberto Simoni (ITA)
2005Paolo Savoldelli (ITA)Gilberto Simoni (ITA)José Rujano (VEN)
2004Damiano Cunego (ITA)Serhij Honcar (UCR)Gilberto Simoni (ITA)
2003Gilberto Simoni (ITA)Stefano Garzelli (ITA)Jaroslav Popovyc (UCR)
2002Paolo Savoldelli (ITA)Tyler Hamilton (USA)Pietro Caucchioli (ITA)
2001Gilberto Simoni (ITA)Abraham Olano (SPA)Unai Osa (SPA)
2000Stefano Garzelli (ITA)Francesco Casagrande (ITA)Gilberto Simoni (ITA)
1999Ivan Gotti (ITA)Paolo Savoldelli (ITA)Gilberto Simoni (ITA)
1998Marco Pantani (ITA)Pavel Tonkov (RUS)Giuseppe Guerini (ITA)
1997Ivan Gotti (ITA)Pavel Tonkov (RUS)Giuseppe Guerini (ITA)
1996Pavel Tonkov (RUS)Enrico Zaina (ITA)Abraham Olano (SPA)
1995Tony Rominger (SVI)Evgenij Berzin (RUS)Pëtr Ugrumov (LET)
1994Evgenij Berzin (RUS)Marco Pantani (ITA)Miguel Indurain (SPA)
1993Miguel Indurain (SPA)Pëtr Ugrumov (LET)Claudio Chiappucci (ITA)
1992Miguel Indurain (SPA)Claudio Chiappucci (ITA)Franco Chioccioli (ITA)
1991Franco Chioccioli (ITA)Claudio Chiappucci (ITA)Massimiliano Lelli (ITA)
1990Gianni Bugno (ITA)Charly Mottet (FRA)Marco Giovannetti (ITA)
1989Laurent Fignon (FRA)Flavio Giupponi (ITA)Andrew Hampsten (USA)
1988Andrew Hampsten (USA)Erik Breukink (OLA)Urs Zimmermann (SVI)
1987Stephen Roche (IRL)Robert Millar (GBR)Erik Breukink (OLA)
1986Roberto Visentini (ITA)Giuseppe Saronni (ITA)Francesco Moser (ITA)
1985Bernard Hinault (FRA)Francesco Moser (ITA)Greg LeMond (USA)
1984Francesco Moser (ITA)Laurent Fignon (FRA)Moreno Argentin (ITA)
1983Giuseppe Saronni (ITA)Roberto Visentini (ITA)Alberto Fernández (SPA)
1982Bernard Hinault (FRA)Tommy Prim (SVE)Silvano Contini (ITA)
1981Giovanni Battaglin (ITA)Tommy Prim (SVE)Giuseppe Saronni (ITA)
1980Bernard Hinault (FRA)Wladimiro Panizza (ITA)Giovanni Battaglin (ITA)
1979Giuseppe Saronni (ITA)Francesco Moser (ITA)Bernt Johansson (SVE)
1978Johan De Muynck (BEL)Gianbattista Baronchelli (ITA)Francesco Moser (ITA)
1977Michel Pollentier (BEL)Francesco Moser (ITA)Gianbattista Baronchelli (ITA)
1976Felice Gimondi (ITA)Johan De Muynck (BEL)Fausto Bertoglio (ITA)
1975Fausto Bertoglio (ITA)Francisco Galdós (SPA)Felice Gimondi (ITA)
1974Eddy Merckx (BEL)Gianbattista Baronchelli (ITA)Felice Gimondi (ITA)
1973Eddy Merckx (BEL)Felice Gimondi (ITA)Giovanni Battaglin (ITA)
1972Eddy Merckx (BEL)José Manuel Fuente (SPA)Francisco Galdós (SPA)
1971Gösta Pettersson (SVE)Herman Van Springel (BEL)Ugo Colombo (ITA)
1970Eddy Merckx (BEL)Felice Gimondi (ITA)Martin Van Den Bossche (BEL)
1969Felice Gimondi (ITA)Claudio Michelotto (ITA)Italo Zilioli (ITA)
1968Eddy Merckx (BEL)Vittorio Adorni (ITA)Felice Gimondi (ITA)
1967Felice Gimondi (ITA)Franco Balmamion (ITA)Jacques Anquetil (FRA)
1966Gianni Motta (ITA)Italo Zilioli (ITA)Jacques Anquetil (FRA)
1965Vittorio Adorni (ITA)Italo Zilioli (ITA)Felice Gimondi (ITA)
1964Jacques Anquetil (FRA)Italo Zilioli (ITA)Guido De Rosso (ITA)
1963Franco Balmamion (ITA)Vittorio Adorni (ITA)Giorgio Zancanaro (ITA)
1962Franco Balmamion (ITA)Imerio Massignan (ITA)Nino Defilippis (ITA)
1961Arnaldo Pambianco (ITA)Jacques Anquetil (FRA)Antonio Suárez (SPA)
1960Jacques Anquetil (FRA)Gastone Nencini (ITA)Charly Gaul (LUS)
1959Charly Gaul (LUS)Jacques Anquetil (FRA)Diego Ronchini (ITA)
1958Ercole Baldini (ITA)Jean Brankart (BEL)Charly Gaul (LUS)
1957Gastone Nencini (ITA)Louison Bobet (FRA)Ercole Baldini (ITA)
1956Charly Gaul (LUS)Fiorenzo Magni (ITA)Agostino Coletto (ITA)
1955Fiorenzo Magni (ITA)Fausto Coppi (ITA)Gastone Nencini (ITA)
1954Carlo Clerici (SVI)Hugo Koblet (SVI)Nino Assirelli (ITA)
1953Fausto Coppi (ITA)Hugo Koblet (SVI)Pasquale Fornara (ITA)
1952Fausto Coppi (ITA)Fiorenzo Magni (ITA)Ferdi Kübler (SVI)
1951Fiorenzo Magni (ITA)Rik Van Steenbergen (BEL)Ferdi Kübler (SVI)
1950Hugo Koblet (SVI)Gino Bartali (ITA)Alfredo Martini (ITA)
1949Fausto Coppi (ITA)Gino Bartali (ITA)Giordano Cottur (ITA)
1948Fiorenzo Magni (ITA)Ezio Cecchi (ITA)Giordano Cottur (ITA)
1947Fausto Coppi (ITA)Gino Bartali (ITA)Giulio Bresci (ITA)
1946Gino Bartali (ITA)Fausto Coppi (ITA)Vito Ortelli (ITA)
1941-45Non disputato
1940Fausto Coppi (ITA)Enrico Mollo (ITA)Giordano Cottur (ITA)
1939Giovanni Valetti (ITA)Gino Bartali (ITA)Mario Vicini (ITA)
1938Giovanni Valetti (ITA)Ezio Cecchi (ITA)Severino Canavesi (ITA)
1937Gino Bartali (ITA)Giovanni Valetti (ITA)Enrico Mollo (ITA)
1936Gino Bartali (ITA)Giuseppe Olmo (ITA)Severino Canavesi (ITA)
1935Vasco Bergamaschi (ITA)Giuseppe Martano (ITA)Giuseppe Olmo (ITA)
1934Learco Guerra (ITA)Francesco Camusso (ITA)Giovanni Cazzulani (ITA)
1933Alfredo Binda (ITA)Jef Demuysere (BEL)Domenico Piemontesi (ITA)
1932Antonio Pesenti (ITA)Jef Demuysere (BEL)Remo Bertoni (ITA)
1931Francesco Camusso (ITA)Luigi Giacobbe (ITA)Luigi Marchisio (ITA)
1930Luigi Marchisio (ITA)Luigi Giacobbe (ITA)Allegro Grandi (ITA)
1929Alfredo Binda (ITA)Domenico Piemontesi (ITA)Leonida Frascarelli (ITA)
1928Alfredo Binda (ITA)Giuseppe Pancera (ITA)Bartolomeo Aymo (ITA)
1927Alfredo Binda (ITA)Giovanni Brunero (ITA)Antonio Negrini (ITA)
1926Giovanni Brunero (ITA)Alfredo Binda (ITA)Arturo Bresciani (ITA)
1925Alfredo Binda (ITA)Costante Girardengo (ITA)Giovanni Brunero (ITA)
1924Giuseppe Enrici (ITA)Federico Gay (ITA)Angiolo Gabrielli (ITA)
1923Costante Girardengo (ITA)Giovanni Brunero (ITA)Bartolomeo Aymo (ITA)
1922Giovanni Brunero (ITA)Bartolomeo Aymo (ITA)Giuseppe Enrici (ITA)
1921Giovanni Brunero (ITA)Gaetano Belloni (ITA)Bartolomeo Aymo (ITA)
1920Gaetano Belloni (ITA)Angelo Gremo (ITA)Jean Alavoine (FRA)
1919Costante Girardengo (ITA)Gaetano Belloni (ITA)Marcel Buysse (BEL)
1915-18Non disputato
1914Alfonso Calzolari (ITA)Pierino Albini (ITA)Luigi Lucotti (ITA)
1913Carlo Oriani (ITA)Eberardo Pavesi (ITA)Giuseppe Azzini (ITA)
1912Atala (ITA)Peugeot (FRA)Gerbi (ITA)
1911Carlo Galetti (ITA)Giovanni Rossignoli (ITA)Giovanni Gerbi (ITA)
1910Carlo Galetti (ITA)Eberardo Pavesi (ITA)Luigi Ganna (ITA)
1909Luigi Ganna (ITA)Carlo Galetti (ITA)Giovanni Rossignoli (ITA)
[/restab] [restab title=”La corsa in tv”]La corsa verrà trasmessa tutti i giorni da Rai2RaiSportEurosport. Gli orari ed i canali di trasmissione sono rintracciabili nella guida tv di Cicloweb[/restab] [restab title=”News e articoli”][lptw_recentposts layout=”thumbnail” post_type=”post” link_target=”new” tags_id=”286″ space_hor=”5″ space_ver=”10″ columns=”2″ order=”DESC” orderby=”date” posts_per_page=”4″ post_offset=”0″ reverse_post_order=”false” exclude_current_post=”false” override_colors=”false” background_color=”#4CAF50″ text_color=”#ffffff” show_date_before_title=”true” show_date=”true” show_time=”false” show_time_before=”true” show_subtitle=”true” date_format=”d.m.Y” time_format=”H:i” no_thumbnails=”show”][/restab][/restabs]

Le tappe nel dettaglio

Venerdì 4/5 - 1a tappa: Gerusalemme - Gerusalemme (Cronometro-9.7 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Gerusalemme ore 13.50 circa primo corridore (12.50 ora italiana)
Arrivo: Gerusalemme ore 17.00 circa ultimo corridore (16.00 ora italiana)

Sprint intermedi: Nessuno
Gpm: Nessuno[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”].[/restab][/restabs]

Sabato 5/5 - 2a tappa: Haifa - Tel Aviv (167 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Haifa ore 13.50 (12.50 ora italiana)
Arrivo: Tel Aviv ore 17.45-18.10 (16.45-17.10 ora italiana)

Sprint intermedi: Acres km 22.3, Caesarea km 105.3
Gpm: Zikhron Ya’aqov (162 m-2.6 km-5.3%-4a cat.) km 91[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Prima tappa per velocisti e, prevedibilmente, primo capitolo dello scontro Quick Step contro resto del mondo. Il percorso, prevalentemente costiero, non è particolarmente tecnico – con alcuni tratti da percorrere addirittura in autostrada- ed il primo GPM del Giro, a 75 chilometri dal traguardo, non avrà altro scopo che l’assegnazione della prima maglia azzurra. Finale in leggera discesa e sprint reso agevole e veloce dal rettilineo di 600 metri che porterà al traguardo.[/restab][/restabs]

Domenica 6/5 - 3a tappa: Be'er Sheva - Eilat (229 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Be’er Sheva ore 12.30 (11.30 ora italiana)
Arrivo: Eilat 17.45-18.15 (16.45-17.15 ora italiana)

Sprint intermedi: Sde Boker km 45.2, Mitzpe Ramon km 77
Gpm: Faran River (322 m-1.2 km-6.5%-4a cat.) km 127.8[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Profilo leggermente pù ondulato del precedente ma comunque adatto ai velocisti puri. Principale elemento di interesse paesaggistico è l’attraversamento in senso nord-sud del deserto del Negev, il “deserto scolpito”, con tutte le incertezze tecniche del caso. Una su tutte il vento, che dovrebbe però spirare in senso favorevole rispetto alla marcia degli atleti, sfavorendo così tentativi di ventaglio. Finale mediamente tortuoso con varie rotatorie negli ultimi chilometri e ultima curva a 90 gradi a 350 metri dal traguardo. Questa è, abbastanza ovviamente, la tappa più meridionale nella storia del Giro.[/restab][/restabs]

Martedì 8/5 - 4a tappa: Catania - Caltagirone (198 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Catania ore 12.15
Arrivo: Caltagirone ore 17.00-17.30

Sprint intermedi: Palazzolo Acreide km 112.3, Monterosso Almo km 133.7
Gpm: Pietre Calde (779 m-9.3 km-2.8%-4a cat.) km 82.4, Vizzini (595 m-4.8 km-4.4%-4a cat.) km 150.5[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Il ritorno della carovana nel Belpaese viene celebrato con un trittico estremamente frizzante e ben disegnato, come una sorta di seconda Grande Partenza. La prima tappa dopo il riposo, nonostante i soli due GPM previsti, prevede un disegno estremamente ondulato, reso particolarmente stressante dall’assenza di lunghi rettilinei, dallo stato non ottimale delle strade percorse e dai tratti di pavé urbano presenti negli attraversamenti cittadini. Il dislivello accumulato sarà notevole e palpabile prima della salita finale, divisa in un tratto di 8 km al 4% circa e, dopo un tratto urbano di 5 km, il dentello finale di 900 metri al 10% di pendenza media. Una sorta di mini muro di Huy nascosto dall’altimetria ufficiale che può fare più danni del previsto.[/restab] [/restabs]

Mercoledì 9/5 - 5a tappa: Agrigento - Santa Ninfa (153 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Agrigento ore 13.20
Arrivo: Santa Ninfa ore 17.00-17.25

Sprint intermedi: Montevago km 94.1, Poggioreale km 128.4
Gpm: Santa Margherita del Belice (430 m-2.8 km-4.3%-4a cat.) km 90.7, Partanna (405 m-9.2 km-3.7%-4a cat.) km 111.8, Poggioreale Vecchia (380 m-4.7 km-5.4%-4a cat.) km 132.3[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Altra tappa mossa, specialmente nella seconda metà, animata da tre lunghi GPM di quarta categoria e da altre due salite non classificate nel finale: se la prima è lunga e pedalabile l’ultima è particolarmente interessante, 700 metri al 7% circa, con punte del 12% e scollinamento in corrispondenza della flamme rouge con ultimo chilometro mosso e traguardo in leggera ascesa. Una frazione dal disegno non troppo dissimile a quella di Peschici dello scorso anno, forse più adatta ad uno sprint ristretto tra i non molti velocisti resistenti della carovana. Il probabile esito, comunque, dovrebbe veder battagliare per il successo la fuga.[/restab][/restabs]

Giovedì 10/5 - 6a tappa: Caltanissetta - Etna (169 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Caltanissetta ore 12.55
Arrivo: Etna ore 16.55-17.30

Sprint intermedi: Enna km 29.4, Piazza Armerina km 60.9
Gpm: Etna (1736 m-15 km-6.5%-1a cat.-Arrivo) km 169[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Il primo vero rendez-vous per gli uomini di classifica dopo la cronometro di Gerusalemme. Dopo un nuovo avvio estremamente mosso e ricco di curve, ideale per la creazione di una fuga di uomini forti, la Corsa Rosa visita l’Etna con un versante ancora una volta inedito: l’arrivo è circa 200 metri più in basso rispetto al Rifugio Sapienza ed è raggiunto, dopo una ventina di chilometri in falsopiano a salire, utilizzando da Ragalna in poi una strada più stretta ed irregolare della classica SP92, che attraversa direttamente boschi e colate laviche. Un versante che, si spera, sarà più riparato dal vento che ha trasformato la scalata dello scorso anno in un sostanziale no contest tra i big.[/restab][/restabs]

Venerdì 11/5 - 7a tappa: Pizzo - Praia a Mare (159 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Pizzo ore 13.25
Arrivo: Praia a Mare ore 17.00-17.25

Sprint intermedi: Guardia Piemontese Marina km 96.2, Santa Maria del Cedro km 133.3
Gpm: Nessuno[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Dopo l’ennesimo, e non ultimo, maxi trasferimento – uno dei punti dolenti del percorso di quest’anno – il Giro ripropone una tappa corsa sulla Tirrenica Inferiore con arrivo a Praia a Mare dopo la positiva esperienza del 2016. Assente d’eccezione sarà però lo strappo del Fortino – per gli amici Praienberg – rendendo così la tappa probabile preda delle ruote veloci: saggia decisione in una settimana già estremamente densa. Unica salita di giornata i 4 km al 6.5% che portano da Scalea a San Nicola Arcella: i 15 km che seguono, divisi tra discesa per nulla tecnica, falsopiano e finale in piano – identico a quello del 2016 – favoriscono il ritorno del gruppo in un finale che comunque si preannuncia divertente.[/restab][/restabs]

Sabato 12/5 - 8a tappa: Praia a Mare - Montevergine di Mercogliano (209 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Praia a Mare ore 11.55
Arrivo: Montevergine di Mercogliano ore 16.55-17.35

Sprint intermedi: Agropoli km 110.1, Salerno km 154.6
Gpm: Montevergine di Mercogliano (1260 m-17.1 km-5%-2a cat.-Arrivo) km 209[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]La tappa del sabato prevede il secondo arrivo in quota della Corsa Rosa, sicuramente il più facile, in una delle salite che non gode propriamente dell’unanime favore degli appassionati “da divano”, ma che nonostante tutto è diventata un classico di questo millennio con ben cinque partecipazioni: il Santuario di Montevergine di Mercogliano, poco a nordovest di Avellino. È una salita regolare dalle pendenze medio-basse, con strada abbastanza larga e parecchi tornanti. In teoria non è semplice fare selezione ed un arrivo di gruppetto è l’ipotesi più accreditata (con Ulissi come nome particolarmente adatto), ma chissà che il copione possa cambiare dopo una settimana di corsa estremamente tesa e dopo una tappa, sebbene non durissima, tutto sommato lunga (209 km) e con una prima parte abbastanza vallonata.[/restab][/restabs]

Domenica 13/5 - 9a tappa: Pesco Sannita - Gran Sasso d'Italia (225 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Pesco Sannita ore 11.00
Arrivo: Gran Sasso d’Italia ore 16.50-17.40

Sprint intermedi: Popoli km 161.2, Bussi sul Tirino km 167.6
Gpm: Roccaraso (1252 m-6.9 km-6.5%-2a cat.) km 108.1, Calascio (1190 m-13.5 km-6%-1a cat.) km 192.9, Gran Sasso d’Italia/Campo Imperatore (2135 m-26.5 km-3.9%-1a cat.-Arrivo) km 225[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Un grande ritorno per la tappa della domenica: dopo quasi vent’anni dall’impresa solitaria del Pirata torna la salita di Campo Imperatore, ma con un versante inedito e veramente interminabile. Quasi 45 km di salita complessiva e 1800 metri di dislivello positivo in una scalata che i francesi definiscono “en paliers” per i numerosi gradoni che la contraddistinguono: il primo e più lungo contrassegnato come ulteriore GPM in corrispondenza di Calascio, ridente località presente nell’immaginario collettivo per l’omonima Rocca (protagonista del francobollo più utilizzato per ogni tipo di corrispondenza per un decennio abbondante), salita ammirevole nella sua regolarità attorno al 6% di pendenza. Di qui, inframmezzati da numerosi mangia-e-bevi su asfalto non sempre impeccabile, si alternano altri due gradoni: uno di 10 km al 4% e, soprattutto, l’ultimo di 4 km e mezzo all’8% abbondante. Verosimilmente i big si muoveranno solamente nell’ultimo settore, ma le fatiche della lunga (225 km) e densa tappa (che prevede, tra l’altro, le scalate anche a Roccaraso e allo svincolo di Rionero) amplificheranno sicuramente i distacchi in cima alla seconda salita più alta di questo Giro d’Italia.[/restab][/restabs]

Martedì 15/5 - 10a tappa: Penne - Gualdo Tadino (244 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Penne ore 10.55
Arrivo: Gualdo Tadino ore 16.50-17.35

Sprint intermedi: Teramo km 68.8, Sarnano km 154
Gpm: Fonte della Creta (1254 m-15.7 km-5.8%-2a cat.) km 21.8, Bruzzolana (523 m-6.2 km-5.7%-3a cat.) km 61.2, Annifo (895 m-14 km-2%-4a cat.) km 213.5[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Questo Giro sembra non cambiare copione neanche dopo il giorno di riposo: la settimana non inizia in dolcezza con una facile tappa per velocisti ma con una lunga – la più lunga con i suoi 244 chilometri – frazione adatta alle fughe da lontano. L’andatura sulla prima salita di giornata, che inizia praticamente subito, sarà estremamente elevata per i numerosi tentativi di evasione ed il gruppo rischia di arrivare estremamente sfilacciato in cima al GPM di Fonte della Creta (commosso ricordo della tragedia di Rigopiano avvenuta a gennaio 2017): c’è il rischio che qualche nome importante che abbia male approcciato il giorno di riposo possa trovarsi in seria difficoltà – remember Landa 2016?. Dopo il km 100 la tappa si fa più lineare con pendenze meno marcate e qualità del manto stradale sensibilmente migliore, ma il tracciato rimane sempre vallonato ed abbastanza difficile da controllare per le poche squadre dei velocisti. L’ultima salita, quella breve verso Annifo, arriva ai 30 dal traguardo. Ultimo kmmolto tecnico con quattro curve ad angolo retto e una ulteriore semicurva prima del rettilineo finale.[/restab][/restabs]

Mercoledì 16/5 - 11a tappa: Assisi - Osimo (156 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Assisi ore 13.05
Arrivo: Osimo ore 17.00-17.30

Sprint intermedi: Castelraimondo km 69.6, Filottrano km 126.7
Gpm: Passo Cornello (814 m-8.4 km-4.4%-3a cat.) km 41.7, Valico di Pietro Rossa (674 m-9.6 km-3.7%) km 97.5, Osimo (265 m-1.8 km-6.4%-4a cat.-Arrivo) km 156[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Non sarà un tappone appenninico ma è comunque una tappa estremamente nervosa che chiamerà a raccolta i big nelle fasi finali. L’inizio in falsopiano a salire favorirà alte andature ed una bella battaglia per la fuga di giornata, che avrà anche qualche chance di giocarsi la vittoria di tappa. Nella lunga fase di trasferimento che precede i muri c’è purtroppo da segnalare la sostituzione del Passo del Termine con il ben più semplice Passo del Cornello, probabilmente per questioni di sicurezza della discesa. Scenario che si farà ben più nervoso negli ultimi trenta km con l’attraversamento di alcuni muri marchigiani: dapprima l’omaggio a Michele Scarponi col “suo” Muro di Filottrano, già affrontato alla Tirreno, in seguito una successione di brevi strappi che portano all’interessante finale, con il breve Muro di Via Olimpia (300 m in ciottolato al 16% di pendenza, una breve discesa e la salita verso il centro di Osimo, lunga poco meno di 2 km e con punte al 16% nella prima metà. Molto frequenti saranno passaggi in porfido, pavé e strade a carreggiata stretta in un finale che si preannuncia impegnativo dal punto di vista fisico e mentale per gli uomini di classifica.[/restab][/restabs]

Giovedì 17/5 - 12a tappa: Osimo - Imola (214 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Osimo ore 12.05
Arrivo: Imola ore 17.00-17.30

Sprint intermedi: Pesaro km 75.8, Forlì km 162
Gpm: Tre Monti (252 m-4.4 km-4.1%-4a cat,) km 206.6[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Una due giorni di relativa quiete dopo una prima dieci giorni altimetricamente tempestosa. Non sarà comunque uno sprint regalato, caratteristica costante di questo Giro, dato che andrà affrontato il non semplice Circuito dei Tre Monti prima del traguardo, posto ancora una volta nell’Autodromo a circa 8 km dallo scollinamento: l’esito della tappa sarà dunque estremamente incerto. Non bisogna comunque aspettarsi uno svolgimento simile al 2015, con una tappa resa campale dal difficile percorso e dal tempo da lupi.[/restab][/restabs]

Venerdì 18/5 - 13a tappa: Ferrara - Nervesa della Battaglia (180 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Ferrara ore 12.55
Arrivo: Nervesa della Battaglia ore 17.00-17.25

Sprint intermedi: Piove di Sacco km 70, Villorba km 127.1
Gpm: Montello (242 m-2.9 km-3.9%-4a cat.) km 160.7[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Una delle pochissime tappe per velocisti sul suolo italico: primi 150 km assolutamente pianeggianti prima del circuito finale di 30 chilometri, divisi tra i primi 10 in leggerissima salita verso il versante più facile del Montello (due tronconi al 3 e 4%) e gli ultimi 20 dolcemente digradanti verso il traguardo, posto dopo un rettilineo pianeggiante di 5 km punteggiato solo da leggere semicurve. Simile al disegno della tappa precedente, ma molto più semplice.[/restab][/restabs]

Sabato 19/5 - 14a tappa: San Vito al Tagliamento - Monte Zoncolan (186 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: San Vito al Tagliamento ore 11.50
Arrivo: Monte Zoncolan ore 16.55-17.40

Sprint intermedi: Folgaria nel Friuli km 57.8, Paularo km 138.1
Gpm: Monte di Ragogna (494 m-2.8 km-10.2%-3a cat.) km 43.3, Avaglio (738 m-4.6 km-7%-3a cat.) km 106, Passo Duron (1069 m-4.4 km-9.6%-2a cat.) km 142.5, Sella Valcalda-Ravascletto (958 m-7.6 km-5.6%-3a cat.) km 165.8, Monte Zoncolan (1730 m-10.1 km-11.9%-1a cat.-Arrivo) km 186[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]So it begins. Di qui in poi ogni singolo giorno di gara, eccettuate la tappa di Iseo e la passerella finale di Roma, sarà determinante ai fini della generale. Il secondo weekend di corsa inizia con il quarto arrivo in salita, quello più duro del Giro e, probabilmente, dell’intera Europa. Il profilo può non sembrare quello di un tappone di alta montagna ma l’avvicinamento al Kaiser è ugualmente reso molto duro con l’inserimento di quattro salite, brevi ma tutte con prolungati tratti in doppia cifra. Gli ultimi 50 km sono identici a quelli del 2010 con l’accoppiata Duron-Valcalda che non offre respiro prima del Mostro: 10 km al 12% di media che nascondono un cuore di 6 chilometri al 14.5% prima del più facile tratto finale, reso estremamente iconico dalla sequenza di tre brevi gallerie e dalla suggestione delle migliaia di tifosi assiepati sullo spalto naturale in corrispondenza del traguardo.[/restab][/restabs]

Domenica 20/5 - 15a tappa: Tolmezzo - Sappada (176 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Tolmezzo ore 12.15
Arrivo: Sappada ore 16.55-17.35

Sprint intermedi: Valle di Cadore kn 75.9, Cortina d’Ampezzo km 102.7
Gpm: Passo della Mauria (1301 m-8.8 km-4.4%-3a cat.) km 48.4, Passo Tre Croci (1805 m-7.9 km-7.3%-2a cat.) km 110.6, Passo di Sant’Antonio (1470 m-8.3 km-7.5%-2a cat.) km 146.9, Costalissoio (1300 m-3.8 km-8.8%-2a cat.) km 160.6[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Sappada, terra di intrighi. Trentuno anni fa il celebre attacco fratricida che proiettò Stephen Roche verso una incredibile tripletta Giro-Tour-Mondiale, lo scorso anno il paradossale episodio di Dumoulin, che quasi naufragò per un momento di disattenzione in fondo al gruppo. Quest’anno sia Dumoulin che Roche (…figlio) saranno presenti a Sappada, per la prima volta friulana nel Giro, nella tappa probabilmente meglio disegnata dell’intero Giro: una giornata che, pur non avendo vette di prima categoria nel percorso, presenta un finale estremamente adatto ad imboscate. La frazione inizia con la lunga ascesa che porta, tramite vari tronconi inframmezzati da falsopiani e discese, al Passo della Mauria. Entrati in territorio veneto si risale il Cadore fino a Cortina d’Ampezzo, inizio della fase calda della tappa: dopo il Passo Tre Croci – 8 km regolari al 7% – ed un lungo fondovalle i corridori affronteranno l’accoppiata Sant’Antonio-Costalissoio. Il primo presenta 5 km tutti in doppia cifra e rappresenta il trampolino ideale per un coraggioso che vuol fare saltare il banco. Dopo lo scollinamento ai -30 una discesa ricca di tornanti porta direttamente alla breve ma puntuta e inedita salita finale di Costalissoio. Dalla vetta ancora 16 km fino al traguardo: sebbene non sia classificato come GPM gli ultimi chilometri sono in più o meno marcata ascesa, tra brevi punte al 10% e gli ultimi 2000 metri pianeggianti. Un finale perfetto per amplificare esponenzialmente le tossine lasciate dallo Zoncolan il giorno precedente.[/restab][/restabs]

Martedì 22/5 - 16a tappa: Trento - Rovereto (Cronometro-34.2 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Trento ore 13.20 circa primo corridore
Arrivo: Rovereto ore 17.15 circa ultimo corridore

Sprint intermedi: Nessuno
Gpm: Nessuno[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Cronometro individuale dopo il giorno di riposo. Non si vedeva una “crono lunga” così breve dal Giro 2012 (Milano), ma i distacchi dovrebbero essere ugualmente importanti tra gli uomini di classifica dato che il percorso è quasi totalmente pianeggiante. La gara è divisa in due sezioni: la prima è estremamente filante con lunghi rettilinei e strade larghe mentre la seconda si fa più tecnica con lievi ondulazioni altimetriche, curve ed attraversamenti urbani. L’arrivo è nel centro di Rovereto, differentemente dalle indiscrezioni precedenti che ipotizzavano un arrivo in salita nei pressi della Campana dei Caduti.[/restab][/restabs]

Mercoledì 23/5 - 17a tappa: Riva del Garda - Iseo (155 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Riva del Garda ore 13.20
Arrivo: Iseo ore 17.00-17.25

Sprint intermedi: Vestone km 56.4, Erbusco km 119.4
Gpm: Lodrino (736 m-8.1 km-4%-3a cat.) km 71.5[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Dopo quattro prove a cronometro, la Wine Stage quest’anno è per la prima volta una tappa in linea. Il tracciato è misto e difficile da controllare per i velocisti: la partenza è in salita verso Molina di Ledro e Bezzecca, probabile teatro di una ulteriore battaglia tra fugaioli a 152 anni di distanza dallo scontro tra garibaldini ed austriaci. Il tracciato rimane impegnativo per il resto della tappa: altimetricamente nei primi 100 km con altre due importanti salite e planimetricamente nel circuito pianeggiante nei dintorni di Iseo, ricco di curve e strade strette. Un disegno simile alla tappa vinta da De Gendt all’ultimo Romandia in cui i fuggitivi non sono sfavoriti e le squadre dei velocisti devono lavorare con estrema convinzione per tenere il distacco sempre sotto controllo.
[/restab][/restabs]

Giovedì 24/5 - 18a tappa: Abbiategrasso - Pratonevoso (196 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Abbiategrasso ore 12.00
Arrivo: Pratonevoso ore 16.55-17.30

Sprint intermedi: Grinzane Cavour km 130.7, Mondovì km 169.9
Gpm: Novello (458 m-5.4 km-4.6%-4a cat.) km 140, Pratonevoso (1607 m-13.9 km-6.9%-1a cat.-Arrivo) km 196[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Prima tappa del decisivo trittico alpino, ancora una volta localizzato tra Piemonte e Valle d’Aosta. Tappa più da prima settimana che da rush finale nella sua struttura di lunghissimo e veloce piattone (180 km fino a Frabosa) e salita secca di una quindicina di chilometri. Pratonevoso torna dopo un digiuno di dieci anni dall’ultima apparizione, paradossalmente al Tour de France (ultima alla Corsa Rosa nel 2000). La scalata sarà però quella tipica del Giro fino alla Colla del Prel, più lunga di un paio di chilometri rispetto a quella utilizzata nella Boucle. La salita è lunga (15 km) ma regolare al 7% senza grandi scossoni: una sezione poco più dura all’8% di media che termina a 7 km dal traguardo e un tratto finale in falsopiano a salire sono i principali cambi di pendenza della scalata. Quinto arrivo in salita.[/restab][/restabs]

Venerdì 25/5 - 19a tappa: Venaria Reale - Bardonecchia/Jafferau (184 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Venaria Reale ore 11.40
Arrivo: Bardonecchia/Jafferau ore 16.55-17.40

Sprint intermedi: Sant’Antonino di Susa km 74.6, Pragelato km 127.7
Gpm: Colle del Lys (1311 m-13.8 km-4.3%-2a cat.) km 48.9, Colle delle Finestre (2178 m-18.5 km-9.2%-Cima Coppi) km 110.7, Sestrière (2035 m-16.2 km-3.8%-3a cat.) km 138.4, Jafferau (1908 m-7.2 km-9.1%-1a cat.-Arrivo) km 184[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Ci vuole tanto coraggio e sana incoscienza per ritoccare la coppia Finestre-Sestriere, una delle più affidabili nel ciclismo moderno se si è in cerca di sicuro spettacolo in finale di Giro: per la prima volta quest’anno il Finestre, infatti, perde il suo ruolo di trampolino principale per essere relegato a terzultima salita con scollinamento a quasi 75 km dal traguardo. Lo scenario ottimista è quello di una gara da tregenda, con scatti già sullo sterrato – fangoso? – del Finestre e l’arrivo alla spicciolata sulle dure rampe dello Jafferau; quello decisamente più pessimista, e forse più realistico, prevede che i big salvino la gamba fino a Bardonecchia per dare tutto nell’erta finale. Sarà comunque un avvicinamento estremamente duro: dopo la partenza dalla Reggia di Venaria si affronterà il versante meno nobile dell’inedito Col del Lys e il suddetto Finestre poco dopo metà tappa. Salita durissima, che non ha bisogno di presentazioni: 18 regolarissimi km al 9% di pendenza media, costellati di tornanti (se ne contano una quarantina, concentrati nella prima metà) e con la seconda metà su sterrato. Con i suoi 2178 metri sarà la Cima Coppi del Giro 2018 scalzando di una sola quarantina di metri Campo Imperatore. Come da copione seguirà la breve ma difficile discesa verso Pourrieres e la più facile salita verso Sestriere. Da qui la corsa subisce una deviazione per evitare la larga discesa della SR23, che poi riprende nel lungo fondovalle che porta prima ad Oulx e poi a Bardonecchia, luogo di inizio della dura scalata finale: 7 km di pendenza media prossima al 10% con i tratti più duri all’inizio e alla fine. Sesto arrivo in salita.[/restab][/restabs]

Sabato 26/5 - 20a tappa: Susa - Cervinia (214 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Susa ore 10.10
Arrivo: Cervinia ore 16.05-16.55

Sprint intermedi: Samone km 96.3, Verrès km 129.9
Gpm: Col Tsecore (1623 m-16 km-7.7%-1a cat.) km 146.5, Col Saint Pantaleon (1664 m-16.5 km-7.2%-1a cat.) km 185.8, Cervinia (2001 m-18.2 km-5.3%-1a cat.-Arrivo) km 214[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]L’ultima occasione per ribaltare la classifica finale: dato che la scalata di Cervinia (settimo arrivo in salita) è troppo pedalabile per scalare significativi distacchi c’è la necessità di muoversi nelle più complicate salite che la precedono. Disegno simile alla tappa del 2015 vinta da Fabio Aru ma indurito: fa il suo esordio alla Corsa Rosa il duro Col Tse Core e salta subito all’occhio la durissima sezione finale, 5 km al 10% di media con punte al 15% su strada ricca di tornanti. Forse è un po’ troppo lontana per attacchi in prima persona (lo scollinamento è a 68 km dal traguardo), ma anche il Col Saint Pantaléon offre tratti duri, specialmente gli ultimi 2 km al 9% di media. Da qui mancheranno 29 km, di cui i primi 10 in discesa. Salita interminabile quella di Cervinia (ed addirittura mancano i primi 10 km nel percorso) ma pedalabile, su strade molto larghe e talvolta esposte al vento che rendono la selezione più difficile che nelle precedenti salite. Come al solito le strade valdostane sono su carreggiate larghe e ben pavimentate sia in salita che in discesa.[/restab][/restabs]

Domenica 27/5 - 21a tappa: Roma - Roma (115 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]Circuito di 11.5 chilometri da ripetere 10 volte

Partenza: Roma ore 15.55
Arrivo: Roma ore 18.35-18.55

Sprint intermedi: Inizio 5° Giro km 46, Inizio 7° Giro km 69
Gpm: Nessuno[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Il Giro torna a concludersi a Roma dopo nove anni e lo fa con una passerella estremamente scenica, come è d’uopo per una città dal tale e tanto patrimonio artistico: nel circuito di 11.5 km da affrontarsi dieci volte si incontrano, tra le altre cose, Piazza Venezia, Giardini del Quirinale, Piazza di Spagna, Villa Borghese, Piazza del Popolo, Via del Corso, Teatro Marcello, Circo Massimo, Terme di Caracalla, Colosseo e Fori Imperiali, luogo d’arrivo della tappa e del Giro. Da non sottovalutare la pavimentazione, come spesso capita a Roma, occasionalmente in sampietrini: sono però evitati, ovviamente, i tratti più sconnessi o impervi di alcune stradine del centro.[/restab][/restabs]

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini




Versione stampabile