Strade Bianche 2019

[restabs alignment=”osc-tabs-center” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”Presentazione” active=”active”]”La Classica del Nord più a Sud d’Europa”, questo è l’azzeccato slogan ideato dagli organizzatori della Strade Bianche. Con solo dodici edizioni in archivio, la prova toscana è già entrata nell’immaginario di ciclisti, addetti ai lavori e semplici appassionati come un appuntamento irrinunciabile nel calendario internazionale. Perché la Strade Bianche ha tutto: percorso spettacolare e difficile nonostante non presenti un chilometraggio impossibile. Location geografica in una delle zone più belle e invidiate del mondo. Posizionamento in calendario strategico, come primo grande appuntamento (non ce ne vorrà la Omloop Het Nieuwsblad) del panorama su strada. Possibilità di vittoria per una vasta platea di atleti, dai specialisti del pavè a quelli delle prove vallonate, dagli uomini da grandi giri a puncheur duri e puri. Insomma, c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Il tracciato predisposto da RCS Sport è identico rispetto a quello di un anno fa, per una distanza di 184 km. Partenza e arrivo a Siena, con la cornice imparagonabile di Piazza del Campo ad accogliere vincitore e vinti. I soliti 11 tratti di sterrato per complessivi 63 km, con Lucignano d’Asso e il decisivo Monte Sante Marie unici sopra i 10 km. Al termine del già citato ottavo settore mancheranno poco più di 40 km di sali e scendi tra le terre d’Arbia e tre tratti: il breve ma duro Monteaperti, il più lungo e complicato Colle Pinzuto e il conclusivo Le Tolfe, dal quale rimarranno 13 km prima della linea d’arrivo. L’ingresso in città avverrà da Porta Fontebranda, con subito il terribile rettilineo di Via Santa Caterina con punte al 16%. Entrare all’ultima curva in prima posizione non assicura la vittoria, ma quasi.

Il campo partenti, come di tradizione, è veramente di prima qualità a cominciare dalla Lotto Soudal del detentore (ma acciaccato) Tiesj Benoot che divide i galloni del comando con un Tim Wellens in gran forma. Solita armata la Deceuninck-Quick Step con un Julian Alaphilippe alla scoperta degli sterrati affiancato da Yves Lampaert e Zdenek Stybar, due già vicini al top della condizione. Un anno fa fu sul podio dopo una gara strepitosa nonostante l’ultimo km per lui infernale; stavolta Wout Van Aert ci riprova con Antwan Tolhoek come spalla nel Team Jumbo-Visma.

È spesso stato protagonista ma non ha mai vinto Greg Van Avermaet, capitano unico del CCC Team; discorso simile per Roman Kreuziger, in un Team Dimension Data che porta anche Michael Valgren. Rosa composita per l’UAE Team Emirates: Alberto Rui Costa e Fernando Gaviria sono corridori assai diversi fra loro ma proveranno parimenti a far bene, senza dimenticare la presenza dei baby talenti Jasper Philipsen e Tadej Pogacar. Rafal Majka e Michael Schachmann sono le punte della Bora Hansgrohe mentre Richard Carapaz è la speranza del Movistar Team, priva di Valverde per un attacco influenzale.

In chiave Italia, molto interesse per capire cosa potrà fare Vincenzo Nibali, leader della Bahrain Merida. Gianni Moscon è l’altro big tricolore al via in un Team Sky che ha Diego Rosa, in passato protagonista nella prova, e il debuttante di lusso Geraint Thomas. Dopo l’ottimo esordio sulle pietre Davide Ballerini forma con Jakob Fuglsang e Alexey Lutsenko un terzetto Astana estremamente intrigante. Enrico Battaglin, assieme a Rubén Guerreiro, è la pedina principale del Team Katusha Alpecin, mentre Fabio Felline può essere un’alternativa a Bauke Mollema nella Trek-Segafredo.

Nella Groupama-FDJ Stefan Küng è, sulla carta, la miglior opzione; ruolo simile per il connazionale ed ex compagno di squadra Silvan Dillier, capofila della AG2R La Mondiale al pari di Quentin Jauregui. Luke Durbridge e Chris Juul Jensen vantano entrambi top 10 nella gara e con la maglia della Mitchelton-Scott potrebbero essere le sorprese. Falcidiata dai malanni di stagione, il Team Sunweb ha comunque Sam Oomen e l’iridato under 23 Marc Hirschi come pedine da giocare. Chiude la disamina la EF Education First del senese Alberto Bettiol e di Simon Clarke.

Tre le formazioni Professional invitate dagli organizzatori. La Nippo-Vini Fantini-Faizanè schiera l’unico italiano nell’albo d’oro, ossia Moreno Moser, affiancato da Marco CanolaJuan José Lobato. Partita bene in stagione, la Neri Sottoli-Selle Italia-KTM ha Simone Velasco e Giovanni Visconti come uomini da seguire. Completa il campo partenti la Vital Concept-B&B Hotels ma, senza nulla togliere a Bert De Backer e a Jimmy Turgis, non sono nomi di probabili protagonisti.[/restab] [restab title=”Gara Donne”]Dal 2015 la Strade Bianche propone anche una corsa femminile lo stesso giorno di quella maschile: in poco tempo la corsa si è conquistata grande apprezzamento da parte di atlete ed addetti ai lavori, ritagliandosi anche un posto di prestigio nel calendario visto che è la prova d’apertura del Women’s World Tour. Dopo un progressivo incremento negli anni scorsi, il chilometraggio della gara è identico a quello del 2018, vale a dire 136 chilometri. Il primo passaggio importante sarà la salita sterrato di Ville di Corsano dopo una trentina di chilometri di gara, poi a metà percorso ci sarà il lungo tratto di strada bianca (ben 9.5 chilometri) di San Martino in Grania.

Gli ultimi 41 chilometri saranno identici a quelli della gara maschile con tanti brevi ma ripidi strappi che faranno selezione e lanceranno all’attacco le atlete più forti. Con buona probabilità sarà decisivo il duro strappo finale di Via Santa Caterina con pendenze che arrivano fino al 16%: sarà l’ultima occasione per provare a staccare le rivali di forza perché poi nelle ultime tortuose centinaia di metri prima dell’ingresso in Piazza del Campo bisognerà saper giocare anche d’astuzia per portare a casa il trionfo.

Nelle quattro edizioni sin qui disputate hanno sempre trionfato grandi campionesse e difficilmente l’antifona varierà. La detentrice Anna van der Breggen è la principale favorita; nella Boels-Dolmans ci sono Chantal Blaak e la possibile sorpresa Annika Langvad, formidabile biker. Punta al successo Marianne Vos, al debutto stagionale su strada e affiancata in casa CCC Liv da Ashleigh Moolman. L’armata Canyon SRAM è da tenere d’occhio: Kasia Niewiadoma è la pedina principale, ma non bisogna dimenticare Alena Amialiusik e Elena Cecchini.

Ha dichiarato di non sentirsi in lizza per il risultato (anche se alla Omloop è giunta quarta…) Annemiek van Vleuten ma la Mitchelton-Scott ha comunque una Amanda Spratt da corsa. Sempre temibile il Team Sunweb di Lucinda Brand, Leah Kirchmann e Coryn Rivera mentre la Trek-Segafredo punta su Ellen van Dijk, stante l’assenza per malanno di stagione di Longo Borghini. Tra gli altri nomi meritano una segnalazione la talentuosa danese Cecilie Uttrup Ludwig (Bigla Pro Cycling), Sheyla Gutiérrez (Movistar Team) e Clara Koppenburg (WNT Rotor). In casa Italia, sono in grandissima forma la campionessa europea Marta Bastianelli (Team Virtu), in un team che ha anche Sofia Bertizzolo e Barbara Guarischi, e Soraya Paladin (Alé Cipollini). Presente, infine, anche l’eterna Tatiana Guderzo (BePink).[/restab] [restab title=”La corsa”]Prova maschile

Siena – Siena (184 km)
Partenza: Siena ore 10.45
Arrivo: Siena ore 15.35 circa

Settori sterrati

Settore N.LocalitàLunghezzaKm-Km
1Rosia2.1 km17.6166.4
2Ville di Corsano5.8 km25159
3Radi4.4 km36.9147.1
4Buonconvento5.5 km47.6136.4
5Lucignano d'Asso11.9 km75.8108.2
6Pieve a Salti8 km88,795.3
7San Martino in Grania9.5 km111.772.3
8Monte Sante Marie - Settore Fabian Cancellara11.5 km13054
9Monteaperti0.8 km16024
10Colle Pinzuto2.4 km164.619.4
11Le Tolfe1.1 km17113

Prova femminile

Siena – Siena (136 km)
Partenza: Siena ore 9.15
Arrivo: Siena ore 13.15 circa[/restab] [restab title=”Startlist”]

Lotto Soudal
1 BENOOT Tiesj
2 HAGEN Carl Fredrik
3 KEUKELEIRE Jens
4 MARCZYŃSKI Tomasz
5 NAESEN Lawrence
6 VAN DER SANDE Tosh
7 WELLENS Tim
AG2R La Mondiale
11 GASTAUER Ben
12 BIDARD François
13 DENZ Nico
14 DILLIER Silvan
15 GENIEZ Alexandre
16 JAUREGUI Quentin
17 PETERS Nans
Astana Pro Team
21 FUGLSANG Jakob
22 BALLERINI Davide
23 BIZHIGITOV Zhandos
24 BOARO Manuele
25 CATALDO Dario
26 GRUZDEV Dmitriy
27 LUTSENKO Alexey
Bahrain Merida
31 NIBALI Vincenzo
32 BOLE Grega
33 GAROSIO Andrea
34 NIBALI Antonio
35 PERNSTEINER Hermann
36 PIBERNIK Luka
37 TRATNIK Jan
Bora Hansgrohe
41 MAJKA Rafał
42 BENEDETTI Cesare
43 BODNAR Maciej
44 GATTO Oscar
45 MÜHLBERGER Gregor
46 OSS Daniel
47 SCHACHMANN Maximilian
CCC Team
51 VAN AVERMAET Greg
52 ČERNÝ Josef
53 SCHÄR Michael
54 VAN HOOYDONCK Nathan
55 VAN HOECKE Gijs
56 VAN KEIRSBULCK Guillaume
57 WIŚNIOWSKI Łukasz
Deceuninck-Quick Step
61 ŠTYBAR Zdeněk
62 ALAPHILIPPE Julian
63 CAPECCHI Eros
64 DEVENYNS Dries
65 LAMPAERT Yves
66 SERRY Pieter
67 VAKOČ Petr
EF Education First
71 BETTIOL Alberto
72 CAICEDO Jonathan
73 CLARKE Simon
74 OWEN Logan
75 KANGERT Tanel
76 BENNETT Sean
77 MORTON Lachlan
Groupama-FDJ
81 KÜNG Stefan
82 ARMIRAIL Bruno
83 DUCHESNE Antoine
84 LUDVIGSSON Tobias
85 LADAGNOUS Matthieu
86 SEIGLE Romain
87 VINCENT Léo
Mitchelton-Scott
91 AFFINI Edoardo
92 BOOKWALTER Brent
93 DURBRIDGE Luke
94 JUUL-JENSEN Christopher
95 SCHULTZ Nick
96 SCOTSON Callum
97 STANNARD Robert
Movistar Team
101 BARBERO Carlos
102 OLIVEIRA Nelson
103 BETANCUR Carlos
104 SEPÚLVEDA Eduardo
105 PRADES Eduard
106 ROJAS José Joaquín
107 CARAPAZ Richard
Neri Sottoli-Selle Italia-KTM
111 VISCONTI Giovanni
112 BERTAZZO Liam
113 RAGGIO Luca
114 PACIONI Luca
115 SCHÖNBERGER Sebastian
116 VELASCO Simone
117 FONZI Giuseppe
Nippo-Vini Fantini-Faizanè
121 MOSER Moreno
122 BAGIOLI Nicola
123 CANOLA Marco
124 CIMA Damiano
125 HATSUYAMA Sho
126 LOBATO Juan José
127 LONARDI Giovanni
Team Dimension Data
131 KREUZIGER Roman
132 JANSE VAN RENSBURG Reinardt
133 KING Ben
134 MÄDER Gino
135 TILLER Rasmus
136 VALGREN Michael
137 VENTER Jaco
Team Jumbo-Visma
141 VAN AERT Wout
142 DE TIER Floris
143 POWLESS Neilson
144 HOFSTEDE Lennard
145 TOLHOEK Antwan
146 VAN DER HOORN Taco
147 VAN POPPEL Danny
Team Katusha Alpecin
151 BATTAGLIN Enrico
152 CRAS Steff
153 BOSWELL Ian
154 GUERREIRO Ruben
155 HAAS Nathan
156 KUZNETSOV Vyacheslav
157 STRAKHOV Dmitry
Team Sky
161 THOMAS Geraint
162 BASSO Leonardo
163 DOULL Owain
164 GOŁAŚ Michał
165 MOSCON Gianni
166 PUCCIO Salvatore
167 ROSA Diego
Team Sunweb
171 ROCHE Nicolas
172 HAMILTON Chris
173 HIRSCHI Marc
174 KRAGH ANDERSEN Asbjørn
175 HINDLEY Jai
176 OOMEN Sam
177 POWER Robert
Trek-Segafredo
181 MOLLEMA Bauke
182 CONCI Nicola
183 FELLINE Fabio
184 MOSCHETTI Matteo
185 IRIZAR Markel
186 BEPPU Fumiyuki
187 SKUJIŅŠ Toms
UAE Team Emirates
191 GAVIRIA Fernando
192 COSTA Rui
193 FERRARI Roberto
194 LAENGEN Vegard Stake
195 PETILLI Simone
196 PHILIPSEN Jasper
197 POGAČAR Tadej
Vital Concept-B&B Hotels
201 BAGOT Yoann
202 CAM Maxime
203 DE BACKER Bert
204 ERMENAULT Corentin
205 LAMMERTINK Steven
206 MOTTIER Justin
207 TURGIS Jimmy
[/restab] [restab title=”Albo d’oro”]
2018Tiesj Benoot (BEL)Romain Bardet (FRA)Wout Van Aert (BEL)
2017Michal Kwiatkowski (POL)Greg Van Avermaet (BEL)Tim Wellens (BEL)
2016Fabian Cancellara (SVI)Zdenek Štybar (CEC)Gianluca Brambilla (ITA)
2015Zdenek Štybar (CEC)Greg Van Avermaet (BEL)Alejandro Valverde (SPA)
2014Michal Kwiatkowski (POL)Peter Sagan (SVC)Alejandro Valverde (SPA)
2013Moreno Moser (ITA)Peter Sagan (SVC)Rinaldo Nocentini (ITA)
2012Fabian Cancellara (SVI)Maksim Iglinskij (KAZ)Oscar Gatto (ITA)
2011Philippe Gilbert (BEL)Alessandro Ballan (ITA)Damiano Cunego (ITA)
2010Maksim Iglinskij (KAZ)Thomas Lövkvist (SVE)Michael Rogers (AUS)
2009Thomas Lövkvist (SVE)Fabian Wegmann (GER)Martin Elmiger (SVI)
2008Fabian Cancellara (SVI)Alessandro Ballan (ITA)Linus Gerdemann (GER)
2007Aleksandr Kolobnev (RUS)Marcus Ljungqvist (SVE)Mychajlo Chalilov (UCR)
[/restab] [restab title=”La corsa in tv”]La corsa maschile verrà trasmessa in diretta da Rai2Eurosport, la corsa femminile in diretta su RaiSportWeb e Eurosport. Gli orari di trasmissione sono rintracciabili nella guida tv di Cicloweb[/restab][/restabs]

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

Versione stampabile