Andreas Leknessund ribalta all'ultimo il GP Priessnitz © Cycling Photography
Andreas Leknessund ribalta all'ultimo il GP Priessnitz © Cycling Photography

GP Priessnitz, numero d’alta scuola per Leknessund che si prende tappa e generale

Che sia un corridore di talento, non c’è il minimo dubbio, tanto che il Team Sunweb ne ha già annunciato l’ingaggio a partire dal 2021. Oggi Andreas Leknessund si è superato: nell’ultima frazione del GP Priessnitz Course de la Paix, gara a tappe in Repubblica Ceca facente parte della Coppa delle Nazioni under 23, il norvegese ha attaccato a circa 30 km dal termine della Jesenik-Jesenik di 171.5 km, dopo che i suoi compagni di nazionale avevano impostato un ritmo sostenuto.

Ai piedi della salita finale di circa 5 km lo scandinavo si è presentato con poco meno di 50″ sui primi avversari e, nell’erta conclusiva, ha dato fondo a tutte le energie residue, andando a tagliare il traguardo a braccia alzate, conquistando la prima affermazione stagionale.

Ritardo di 1’23” per il francese Clément Champoussin, quindi a 1’31” è giunto un gruppetto con lo svizzero Stefan Bissegger, i belgi Ilan Van Wilder e Sylvain Moniquet, lo spagnolo Unai Cuadrado, il belga Mauri Vansevenant, l’italiano Francesco Romano e il danese Andreas Kron, con Alessandro Monaco decimo a 1’35”.

Grazie a questa super prestazione, Andreas Leknessund conquista anche la corsa a tappe, scrivendo il proprio nome dell’albo d’oro seguendo i più recenti vincitori, ossia Tadej Pogacar, Bjorg Lambrecht e David Gaudu, ossia corridori già protagonisti sin da subito nel World Tour. Sul podio assieme allo scandinavo salgono lo svizzero Stefan Bissegger, che in tutti i modi ha tentato di difendere la maglia gialla ma che si è inchinato per 26″, e il francese Clément Champoussin a 1’23”.

Completano la top ten i belgi Ilan Van Wilder a 1’34”, Mauri Vansevenant a 1’49” e Sylvain Moniquet a 2′, lo spagnolo Unai Cuadrado a 2’13”, l’italiano Alessandro Monaco a 2’14”, il francese Nicolas Prodhomme e il neerlandese Lars van den Berg a 2’19”.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile