- Cicloweb - http://www.cicloweb.it -

Che Pöstlberger! Impresa dell’austriaco al Delfinato. Colbrelli secondo

Un Lukas Pöstlberger da leccarsi i baffi. L’austriaco della Bora-Hansgrohe ha vinto la seconda toppa del Critérium du Dauphiné con una magistrale azione partita da lontano, che gli ha consentito anche di strappare la maglia di leader al belga Brent Van Moer (Lotto Soudal). Ancora secondo, come ieri, Sonny Colbrelli (Bahrain-Victorious), che ha fatto sua la volata per il piazzamento con uno spunto partito, anche questo, prestissimo. Al bresciano va la maglia di leader della classifica a punti.

La seconda frazione della corsa francese, 172.8 km da Brioude a Saugues, è stata bella e combattuta. Che Pöstlberger volesse dire la sua lo si era capito dalla prima fuga di giornata, che il ventinovenne austriaco – al primo successo del 2021, il quinto in carriera (il più importante è una tappa al Giro d’Italia 2017) – aveva ricamato assieme al britannico Matthews Holmes (Lotto Soudal) e ad altri tre corridori. Una volta ripresi, lo scatenato austriaco non ci ha messo molto a imbastire un nuovo tentativo, nel quale si è portato dietro diversi compagni d’avventura: c’è ancora Holmes, con loro anche il francese Anthony Delaplace (Arkea-Samsic), il neozelandese Shane Archbold (Deceuninck-QuickStep) e l’australiano Robert Power (Qhubeka Assos).

Il gruppo, questa volta, lascia fare. Almeno fino a quando a condurre le operazioni non si mette la Ineos Grenadiers, che spinge forte e rosicchia minuti ai fuggitivi. Pöstlberger, però, non ne vuole sapere di abdicare: sulla Côte d’Auvers il margine è sceso a 2′, se ne va con Archbold e il Bora-Hansgrohe completa l’assolo nella salita successiva.

La Bahrain-Victorious alza il ritmo, Van Moer comprende che domani non indosserà più la maglia da leader perché l’austriaco è lontano e va a prendersi un successo tanto importante quanto meritato. A completare la top ten, tutti a 11″ come Colbrelli, Alejandro Valverde (Movistar), Kasper Asgreen (Deceuninck-Quick Step), Sven Erik Bystrøm (UAE Team Emirates), Patrick Konrad (Bora-Hansgrohe), Ilan Van Wilder (Team DSM), Greg Van Avermaet (AG2R Citroën), Alex Aranburu (Astana-Premier Tech) e (David Gaudu (Groupama-FDJ).

Nella generale, Pöstlberger comanda con 12″ su Colbrelli, 20″ su Valverde, 24″ su Asgreen, Aranburu, Konrad, Michael Valgren (EF Education Nippo), Guillaume Martin (Cofidis), Geraint Thomas (Ineos Grenadiers) e Ilan Van Wilder (Team DSM). Domani la terza tappa, 172.2, impegnativi km da Saint-Haon a Le-Vieux.