La vittoria tricolore di Elisa Balsamo
La vittoria tricolore di Elisa Balsamo

Elisa Balsamo aggiunge tre colori all’iride

La Campionessa del Mondo è da oggi anche Campionessa Italiana: battute in volata Rachele Barbieri e Barbara Guarischi sul percorso disegnato tra i comuni modenesi colpiti dal terremoto del 2012

L’attuale capofila del ciclismo italiano femminile, ovvero la Campionessa del Mondo Elisa Balsamo, è anche la nuova Campionessa Italiana su strada. Vi si è laureata oggi a San Felice sul Panaro, su un percorso per il quale le valenze sociali (si transitava dai luoghi toccati dal terremoto del 2012) superavano quelle tecniche, piuttosto basse data l’estrema facilità altimetrica della prova. Balsamo ha centrato la sesta affermazione stagionale, e per lei si tratta del primo Tricolore Élite: succede nell’albo d’oro della prova alla compagna di club Elisa Longo Borghini, che però oggi era sua avversaria dato che era in gara con la divisa delle Fiamme Oro (a cui afferisce al di là della sua appartenenza alla Trek-Segafredo); e infatti ha lavorato molto, ELB, per l’affermazione di Rachele Barbieri, che oggi vestiva i suoi stessi colori e che è arrivata seconda. Al terzo posto si è invece inserita l’esperta Barbara Guarischi, precedendo Chiara Consonni ed Eleonora Camilla Gasparrini (prima delle Under 23 e quindi Tricolore pure lei), per una top five rappresentativa di un ampio arco generazionale a coronare una corsa in cui diverse delle protagoniste attese all’imminente Giro d’Italia si sono segnalate in buone condizioni.

Un lungo piattone di 147.6 km il percorso del Campionato Italiano Donne Élite svoltosi quest’oggi tra Medolla e San Felice sul Panaro (due paesini in realtà adiacenti, ma si è fatto un ampio giro per la provincia di Modena prima del circuito conclusivo tra le due località). Dal km 21 al km 33 un’azione di Eva Maria Gatscher (Mendelspeck) ha aperto di fatto le ostilità ma poi si è proceduto a lungo col gruppo compatto, e solo a 50 dalla fine un’azione a tre con Elena Pirrone (Fiamme Oro), Francesca Pisciali (Mendelspeck) e Iris Monticolo (Top Girls Fassa Bortolo) ha avuto un certo spazio.

Le attaccanti sono andate molto forte riuscendo a raggiungere un vantaggio massimo di 1’30” ai -32, ma alla lunga la reazione del gruppo ha avuto ragione. Un’Elisa Longo Borghini (Fiamme Oro) molto attiva si è avvantaggiata a questo punto per un tratto insieme a Tatiana Guderzo e Chiara Consonni (entrambe delle Fiamme Azzurre), ma l’azione è presto sfumata, e intanto le tre battistrada erano nel mirino: riprese ai -21.

Longo Borghini ha continuato a martellare, per un attimo il gruppo si è pure frazionato (circa una ventina davanti) ma il terreno non forniva davvero l’opportunità di grandi voli, per cui il plotone s’è presto riformato e ha resistito agevolmente agli ultimi tentativi di evasione: Sofia Bertizzolo (Fiamme Oro) con Elena Cecchini (Fiamme Azzurre) ai -17, Erica Magnaldi (UAE ADQ) ai -9. A 5 km dalla fine i treni Fiamme Oro e Fiamme Azzurre erano spettacolarmente affiancati a dare il senso della sfida odierna, ai 2.5 km un estremo allungo di Angelica Brogi (Isolmant-Premac-Vittoria) con Katia Ragusa (Liv Racing Xstra) è durato 500 metri, e dopo di quello c’era spazio solo per la volata.

Uno sprint senza storia, vinto con grande margine da un’incontenibile Elisa Balsamo (Trek-Segafredo) su Rachele Barbieri (Fiamme Oro), Barbara Guarischi (Movistar), Chiara Consonni (Fiamme Azzurre), Eleonora Camilla Gasparrini (Valcar-Travel & Service), Martina Alzini (Cofidis) e Giorgia Bariani (Top Girls). La cuneese ha indossato il suo Tricolore sul podio ma dovrà lasciarlo da parte almeno fino a settembre, dopodiché se non si confermerà iridata, e se nel frattempo non avrà conquistato l’Europeo (hai visto mai…), potrà sfoggiarla anche in gara. Tutto sommato, se anche quella maglia dovesse restare nel cassetto fino al prossimo Campionato Italiano, non ci sarebbe troppo da lamentarsi…

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile