Il Portale del Ciclismo professionistico

L'intervista: Scarponi, nocche sulla Tirreno - «Io e Cunego tra i possibili vincitori»

Versione stampabile

Michele Scarponi firma autografi ai suoi giovani fans © Bettiniphoto«Scarponi, Scarponi, Scarponi». Siamo nella hall dell'albergo, sono quasi le otto di sera e i suoi compagni stanno sfilando accanto a lui per raggiungere la sala per la cena. Con tre colpi secchi delle nocche sulle altimetrie delle tre tappe di Chieti, Castelraimondo e Macerata, Michele Scarponi si è appena candidato - scherzosamente, ma non troppo - a grande protagonista dei giorni chiave di questa Tirreno-Adriatico.

L'umore è sempre quello dei migliori, come vanno le gambe?
«Molto bene, devo dire. Nella cronosquadre abbiamo pagato qualcosa dai team più attrezzati di noi, ma tutto sommato sono contento della prova e credo di poter essere, insieme a Damiano, ancora nella rosa dei possibili vincitori».

A proposito, come va il rapporto tra te e Cunego?
«Il primo approccio è stato senza dubbio positivo, gli ho dato una mano a vincere una tappa in Sardegna e ho visto che ha apprezzato molto e ciò non può che farmi piacere. Per il resto, io so bene perché Saronni mi ha voluto in squadra e penso che lo sappia anche lui, quindi sono sicuro che non ci saranno fraintendimenti tra noi».

Esplicitando il concetto...
«La squadra mi ha voluto per cercare di vincere o quantomeno salire sul podio del Giro d'Italia e sto lavorando principalmente per quello. I tecnici hanno deciso che Damiano non sarà nella squadra del Giro perché avrà altri importanti obiettivi da perseguire durante la stagione e quindi dubito che ci troveremo spesso a pestarci i piedi. Quando ci troveremo a correre insieme ci aiuteremo lealmente come tra l'altro è già capitato in Sardegna».

Che idea ti sei fatto della Lampre?
«Molto buona, devo ammettere che l'ambiente è più familiare di quello che si poteva osservare dall'esterno e questo non può che essere un bene per la nostra tranquillità e l'affiatamento tra compagni. E sicuramente non difettano di professionalità». 

Il Giro è il grande obiettivo di quest'anno e ci sono tutti gli ingredienti per far bene...
«È vero, sono arrivato in una squadra di alto livello, dopo un lungo percorso di maturazione, il percorso mi piace tanto e la stagione è cominciata per il verso giusto. Sento che potrò fare veramente bene durante le tre settimane. Certo, se ci sarà Contador il favorito numero uno sarà lui, ma magari una piccola influenza, non si sa mai... (ride). Albe', si fa per scherzare, eh!».

Sappiamo che hai un rapporto speciale con lui, che parte da lontano.
«Al primo ritiro con la Liberty Seguros, sono arrivato in albergo e ho controllato con chi fossi capitato in camera. E indovinate? Lessi proprio il suo nome, Alberto Contador, fino ad allora poco più che un giovane illustre sconosciuto. Da lì è nato un bel rapporto con lui, vedevo che il ragazzo aveva grandi numeri e poi tutti hanno imparato a conoscerlo di lì a qualche anno... Se, come pare, sarà al Giro, lui e tutta la Saxo Bank saranno i veri e propri fari della corsa e noi altri dovremo correre solo di rimessa».

Oltre a lui, chi potrà far bene?
«Nibali e Menchov sicuramente hanno tante possibilità di salire sul podio finale».

Quale sarà il tuo percorso di avvicinamento al grande appuntamento?
«Dopo la Tirreno verosimilmente sarò al via della Sanremo e poi Volta a Catalunya e Giro del Trentino». 

Dopo il Giro, hai già un programma di massima?
«Abbiamo deciso che farò un altro grande giro, sceglierò tra Tour e Vuelta dopo la fine del Giro. In genere in estate non rendo tantissimo, quindi al momento propenderei per la seconda, anche se mi piacerebbe anche tornare al Tour, dopo tanti anni».

Giuseppe Cristiano

CicloTrekking di Primavera nel Salento

CICLOTREKKING DI PRIMAVERA
NEL SALENTO - 22-25 APRILE 2016
PRENOTA SUBITO LA TUA VACANZA!

Follow us

RSS Facebook Twitter Youtube

12/Feb/2016 - 16:54
Muore a 55 anni il presidente della Federazione ciclistica olandese Huib Kloosterhuis

12/Feb/2016 - 15:18
Kevin De Weert è il nuovo commissario tecnico del Belgio

12/Feb/2016 - 15:01
Che fotofinish nell'ultima tappa del Tour of Qatar! Kristoff di un niente su Cavendish, che si consola con la classifica generale. Modolo quinto

12/Feb/2016 - 14:30
Il TNA del Coni condanna Francesco Reda a otto anni di squalifica

11/Feb/2016 - 19:29
Arriva Bike Italy Expo, nuovissima fiera di settore in programma il 15 e 16 ottobre prossimi a Carrara

11/Feb/2016 - 18:13
Ciclisti e borracce, una scelta irrinunciabile

11/Feb/2016 - 16:42
Daryl Impey sbaraglia i Dimension Data e si laurea campione sudafricano a cronometro. Janse Van Rensburg e Van Zyl a podio

11/Feb/2016 - 16:12
Se una cronosquadre finisce al fotofinish... A La Méditerranéenne prima tappa alla FDJ per mezzo secondo sull'Astana

11/Feb/2016 - 14:36
Katusha domina in Qatar: Alexander Kristoff vince la quarta tappa, 3° Jacopo Guarnieri. Edvald Boasson Hagen fora, Mark Cavendish torna leader

10/Feb/2016 - 15:21
Niccolò Bonifazio e Fabio Felline guidano una giovane nazionale azzurra al Trofeo Laigueglia

10/Feb/2016 - 15:06
Edvald Boasson Hagen va come un treno: il norvegese vince la crono e balza in vetta al Tour of Qatar. Un eccellente Manuel Quinziato è terzo

09/Feb/2016 - 20:45
Colpo della Unieuro: c'è spazio in squadra anche per Mauro Finetto, l'esordio già al Laigueglia

09/Feb/2016 - 15:46
L'UCI non sospende la Katusha dopo la positività di Vorganov, perché «la precedente positività di Paolini alla cocaina non aveva attinenza con le prestazioni sportive»

09/Feb/2016 - 13:16
Tour of Qatar, finale thrilling a Doha: caduta sul rettilineo d'arrivo, poi Kristoff piega Cavendish per pochi centimetri. Sesto Andrea Palini