Tejay van Garderen in maglia gialla al Tour of California 2019 © Getty Images
Tejay van Garderen in maglia gialla al Tour of California 2019 © Getty Images

Domenica al Campionato Nazionale termina la carriera di Tejay Van Garderen

A poco meno di due mesi dal suo 33° compleanno, la carriera di Tejay Van Garderen è ormai prossima al termine: il corridore statunitense ha infatti annunciato che il Campionato Nazionale di domenica prossima sarà la sua ultima competizione ufficiale da professionista. Nell’arco della sua carriera Van Garderen ha vestito le maglie di HTC Columbia, BMC e dal 2019 ad oggi EF Education First: fin da giovanissimo ha mostrato un’ottima predisposizione per le corse a tappe, ed al Tour de France è stato due volte quinto (2012 con tanto di maglia bianca e 2014) con il grande rimpianto della Grande Boucle 2015 con il ritiro per problemi fisici dopo 16 tappe quando era terzo in classifica.

La maggior parte delle vittorie da professionista di Tejay Van Garderen sono giunte negli Stati Uniti tra California, Colorado e Utah, ma in Europa ha conquistato la tappa di Ortisei al Giro d’Italia 2017 ed il Mondiale di Cronosquadre del 2014.

«La cruda verità è che non mi sento più super efficiente come ciclista, non sono più in grado di restare tra i migliori 20 in salita e di dare ad un leader come Hugh Carthy il giusto supporto in montagna, così ho iniziato a guardarmi allo specchio in maniera molto onesta. Sento che è il momento giusto, sono pronto, so quanto ho lavorato duramente per ottenere quello che ho ottenuto, so di aver tirato fuori il meglio di me. Capisco che molte persone si aspettavano di più da me, hanno visto i risultati che ho ottenuto da giovane: sono rimasto per anni ad alti livelli, senza mai salire l’ultimo gradino, che era quello che voleva la gente. Ma io di certo sono felice di quello che ho fatto».

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile