E-bike: aumento del 90% della produzione

Il 2015 appena concluso ha visto un vero e proprio boom nella produzione e nella vendita delle e-bike, ovvero le biciclette con pedalata assistita. Nonostante ci sia stata una leggera flessione (circa il 2%) in quella delle bici tradizionali, l’e-bike ha avuto un rialzo del 90%. Si calcola che siano stati venduti più di 1.600.000 pezzi.

I canali di vendita per ciò che riguarda le biciclette tradizionali risultano così suddivisi: più di 1 milione sono state vendute tramite la grande distribuzione specializzata e la grande distribuzione organizzata, seguono poi i piccoli negozi specializzati, per concludere con una piccolissima percentuale per ciò che riguarda la vendita online.

Per ciò che riguarda invece le bici elettriche, gli articoli prodotti nel 2015 raggiungono quasi le 57.000 unità con un’esportazione salita del 166%. Prospettiva rosea per questi veicoli che rappresentano la perfetta modalità per spostarsi nel traffico cittadino. Permettono di arrivare ai 25 km/h, risultando più agevoli di un’automobile e più sicure e compatte di una moto. Il successo è testimoniato dal fatto che addirittura aziende produttrici di elettrodomestici hanno avviato la produzione di componenti per bici elettriche.

Chi quindi la considerava un mezzo superato, dovrà ricredersi perché la bicicletta continua ad avere sostenitori, non solo tra i ciclisti. A conferma di ciò, ci sono anche i 100 milioni di euro destinati alla costruzione di ciclovie turistiche, inseriti nella scorsa Legge di stabilità. Questa  cifra sarà destinata a progetti come la Verona-Firenze e la Venezia-Torino, che costeggerà il Po.

Notizie positive in vista del rientro del Giro d’Italia nella Penisola, dopo la tre giorni di prologo in Olanda, con i nostri 4 team in gara su cui puntare anche con Eurobet. Chissà che questa voglia di pedalare, porti più tifosi e qualche giovane professionista nelle nostre file.

Archivio

La vignetta di Pellegrini