Greg Henderson sbarca negli Stati Uniti © Photonews
Greg Henderson sbarca negli Stati Uniti © Photonews

Questa la UnitedHealthcare 2017: tra i volti nuovi anche Greg Henderson

Importante rinnovamento per la UnitedHealthcare: l’unica formazione Professional statunitense ha annunciato quali saranno i corridori che militeranno per loro nella stagione 2017. Rispetto all’anno che sta per terminare la formazione con sede in North Carolina ha deciso di diminuire l’impegno nel circuito nazionale per ripresentarsi con rinnovata forza nel panorama internazionale.

Tra chi abbandona la compagine vi è anche l’unico azzurro in rosa, ossia Marco Canola: il vicentino dovrebbe tornare a militare nel Vecchio Continente, probabilmente per la Nippo-Vini Fantini. Non proseguiranno l’avventura neppure Janez Brajkovic, Matthew Busche, Ty Magner (già annunciato alla Holowesko Citadel), Karl Menzies (che approderà alla Cylance-Incycle), John Murphy (che rinforzerà la Holowesko Citadel) e Bradley White, che a trentaquattro anni ha annunciato il ritiro dall’attività.

I corridori confermati sono Carlos Alzate, Jonathan Clarke, Daniel Eaton, Adrian Hegyvary, Daniel Jaramillo, Chris Jones, Luke Keough, Tanner Putt e Daniel Summerhill.

I neoacquisti sono: il trentenne scalatore colombiano Janier Acevedo, già visto nel World Tour con la Cannondale e reduce da una stagione al Team Jamis; il ventitreenne passista scalatore canadese Alexander Cataford, messosi in luce con il Silber Pro Cycling; il trentatreenne velocista argentino Lucas Sebastián Haedo, ex di Cannondale e Saxo Bank e da due anni al Team Jamis; il quarantenne velocista neozelandese Gregory Henderson, per anni apripista di André Greipel alla Lotto Soudal; il venticinquenne scalatore statunitense Gavin Mannion, che arriva dalla Drapac; il ventisettenne statunitense Travis McCabe, passista veloce grande protagonista del calendario statunitense e vincitore per tre volte nel 2016 con la maglia della Holowesko Citadel; il ventinovenne scalatore australiano Lachlan Norris, in uscita dalla Drapac.

Archivio

La vignetta di Pellegrini