Adam Phelan al Tour of Japan © Adam Phelan
Adam Phelan al Tour of Japan © Adam Phelan

Ridimensionamento Drapac, arrivano i ritiri per Graeme Brown e Adam Phelan

Con il team destinato ad una rifondazione dovuto al cambio di strategie, con il main sponsor andato ad affiancarsi alla Cannondale, i corridori della Drapac sono alla ricerca di un contratto per la prossima stagione. C’è chi è riuscito a trovare una nuova destinazione, c’è chi non sa ancora se correrà nel 2017 e c’è chi ha annunciato il ritiro.

Così è per Graeme Brown: il trentasettenne velocista, visto in Italia dal 2002 al 2005 con l’allora Panaria della famiglia Reverberi, aveva già ventilato tale ipotesi in primavera. L’australiano lascia dopo venticinque vittorie da professionista fra cui tre al Tour Down Under, due al Giro di Germania e ben nove al Tour de Langkawi. Le più grandi gioie sono però venute dalla pista con i due ori olimpici ad Atene 2004 nell’inseguimento a squadre e nella Madison (con Stuart O’Grady). Nel suo futuro una carriera di preparatore a Perth.

Con una lettera aperta su Cyclingtips annuncia il proprio ritiro anche Adam Phelan: per il venticinquenne non sono andate a buon fine le trattative con la Cannondale e con alcune formazioni Professional. Non interessato a correre per squadre nazionali di categoria Continental, il vincitore del GP Poggiana 2012 ha quindi deciso a malincuore di terminare la carriera agonistica. Ora si dedicherà alle sue passioni, ossia la scrittura e al film making, e al completamento degli studi universitari.

Archivio

La vignetta di Pellegrini