Martina Fidanza, Elisa Balsamo, Martina Alzini e Letizia Paternoster concentrate prima di scendere in pista © FCI
Martina Fidanza, Elisa Balsamo, Martina Alzini e Letizia Paternoster concentrate prima di scendere in pista © FCI

Mondiali Pista, quartetti azzurri già in zona medaglie dopo le qualifiche

Sono partiti oggi a Roubaix i Campionati del Mondo su pista 2021, e nella prima sessione della manifestazione si sono appena svolte le qualifiche per gli Inseguimenti a squadre.

Nella prova maschile Simone Consonni, Filippo Ganna, Francesco Lamon e Jonathan Milan hanno fissato il miglior tempo con un crono di 3’49″008, quasi sette secondi oltre il primato del mondo registrato alle Olimpiadi, ma è normale: siamo a fine stagione e lo smalto non è certo quello di agosto. Al secondo posto si è accomodata la Francia (3’51″128) seguita dalla Danimarca (già dagli Europei – vinti – in fase di rinnovamento dopo i Giochi) con 3’52″873 e dalla Gran Bretagna, che stasera alle 20.25 affronterà al primo turno proprio gli azzurri: se i quasi 5″ di distacco registrati in qualifica tra i sudditi di Elisabetta e i nostri saranno più o meno confermati, per il quartetto di Marco Villa si profila un accesso non complicato alla finalissima, dove ce la si vedrà coi vincenti tra Francia e Danimarca.

Nella prova femminile Martina Fidanza, Letizia Paternoster (che ha sostituito all’ultimo momento Chiara Consonni), Elisa Balsamo e Martina Alzini, con un tempo “normale” – nel senso che anche qui siamo lontani dai fasti (o faster?…) di Tokyo – hanno staccato il secondo biglietto per il primo turno che si disputerà domani: 4’14″176 per le azzurre, superate solo dalle olimpioniche della Germania (4’13″082) ma davanti alle britanniche (terze con 4’16″200). La gara finisce qui, perché i tempi successivi appartengono a un paio di quadrienni fa, dal 4’23” basso dell’Irlanda in giù, a testimonianza di una prova dai contenuti rivedibili, nella quale si nota l’assenza di Stati Uniti, Nuova Zelanda, Australia e Francia, per restare a quelle che chiusero tra le prime otto dei Giochi, e con il Canada che schiera le seconde linee o le terze.

Domani le italiane affronteranno la Gran Bretagna al primo turno e l’obiettivo è vincere per puntare a qualcosa in più del bronzo che – salvo incidenti in gara – dovrebbe arrivare di default. Superare le britanniche permetterebbe poi di giocarsela per l’oro con la Germania, che non avrà problemi a raggiungere nel corso del proprio turno l’Irlanda (10″ la distanza tra i due quartetti oggi).

Nella sessione serale andrà in scena lo Scratch femminile, che assegna le prime medaglie della rassegna: Martina Fidanza lotterà per un posto al sole nella gara in cui si consacrò agli Europei 2020, certo dovrà tenere a bada gente che risponde al nome di Jennifer Valente (Stati Uniti), Yumi Kajihara (Giappone) o Maria Martins (Portogallo). La prova è in programma alle 19.35 e sarà preceduta e seguita dai tre turni di entrambi i tornei della Velocità a squadre (partenza alle 18.30), inframezzati dal già citato primo turno dell’Inseguimento a squadre maschile.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile