Terpstra intervistato dopo il traguardo © Twitter
Terpstra intervistato dopo il traguardo © Twitter

Pavé e sterrati: spettacolo alla Dwars Door Het Hageland, con Terpstra che batte Van Aert

Torna in piena estate lo spettacolo delle corse belghe, con questa novità, la Dwaars Door Het Hageland, corsa già esistente ma da quest’anno estesa con successo ai professionisti. 194 km da Aarschot a Diest, nell’Hageland, provincia del Brabante, con tanto pavé e anche tanti sterrati. Una corsa decisa da una fuga di 11 atleti, con Liam Bertazzo e Marco Marcato, partita a 60 km dal termine, sulla quale poi si sono riportati diversi uomini di peso partiti in contropiede, tra i quali Niki Terpstra e Wout Van Aert. In questo gruppo c’era anche Pippo Pozzato, ma una foratura nelle fasi calde ha rovinato la gara del vicentino.

Negli ultimi 10 km parte su uno dei tratti di sterrato Jelle Wallays (Lotto-Soudal); l’azione del belga è ottima, ma il finale, 1 km di pavé con tratti in salita, gli taglia le gambe. Decisivo affondo per Niki Terpstra (Etixx), al quale Wout Van Aert (Crélan – Vastgoedservice) riesce appena a stare a ruota, andando a cogliere il secondo posto davanti al francese Florien Sénéchal (Cofidis); quarto l’audace Wallays, davanti a Marco Marcato (Wanty) e a Liam Bertazzo (Wilier-Southeast).

Archivio

La vignetta di Pellegrini