For a Piece of Cake, 18.000 chilometri in bicicletta per sconfiggere il diabete

MountaineXperience, noto Shop Online di prodotti per il cicloturismo e il biking, è sponsor di un innovativo progetto che vede la bici come un aiuto per domare il diabete e la chiave d’accesso per partire alla scoperta del mondo.

Chiara e Riccardo, ingegnere edile lei e fotografo lui, uniti dalla passione per il viaggio, sono partiti 88 giorni fa in bicicletta diretti a Singapore: 18.000 chilometri per sconfiggere a colpi di pedalate il diabete di Tipo I di Chiara e poterle permettere di mangiare in tutta tranquillità le fette di torta che tanto adora. Un piacere scontato per molti ma una conquista per chi soffre di questa patalogia, ma per fortuna l’attività fisica riduce sensibilmente il fabbisogno di insulina nelle persone diabetiche.

Questo originale progetto è nato sulla carta, studiato a tavolino per trovare il percorso più adatto, accarezzando sulla mappa montagne e pianure che li stanno portando verso est, trovando sulla strada le condizioni climatiche più adatte a chi pedala tutto il giorno. L’insulina deve essere mantenuta a una temperatura costante, evitando gli sbalzi e il caldo torrido. Ma loro hanno pensato anche a quello: un box termico speciale sul portapacchi, cerotti di microinfusione sulle braccia. Il clima che stanno incontrando gli permette di viaggiare leggeri, ignorando quasi del tutto l’attrezzatura invernale.

Partiti il 10 giugno, hanno già attraversato la Slovenia, la Croazia, la Bosnia, la Romania, la Bulgaria, L’Ukraina, la Georgia, l’Armenia per arrivare finalmente in Iran. Chiara e Riccardo non riescono mai a star fermi e hanno scelto la bicicletta come mezzo di trasporto ideale, perché permette un movimento lento, a misura d’uomo, che ti permette di sentire il territorio da esplorare, perché lo conquisti metro dopo metro. Ci vorranno ancora mesi per arrivare a Singapore, ma per loro “il viaggio non è una meta, è solo un punto di partenza”.

MountaineXperience, lo Shop Online per gli amanti degli sport outdoor, ha sponsorizzato il progetto fornendo le borse Ortlieb, indispensabili per viaggiare leggeri in bici, e poi tenda, sacchi a pelo, materassini, scarpe e sandali, lampade frontali, asciugamani e qualche capo d’abbigliamento.

Archivio

La vignetta di Pellegrini