Ralf Matzka al via della sua ultima corsa, il Fiandre 2016 © Ralph Scherzer
Ralf Matzka al via della sua ultima corsa, il Fiandre 2016 © Ralph Scherzer

Rivelata una positività del tedesco Ralf Matzka (ex Bora) risalente a marzo 2016

Dopo il Giro delle Fiandre 2016 non si erano più avute notizie sulla carriera agonistica di Ralf Matzka: il corridore tedesco classe 1989 che allora militava della Bora-Argon18 non si era più attaccato un numero sulla schiena ed a fine stagione la squadra non gli aveva rinnovato il contratto. Ieri si è finalmente si è saputo il motivo dell’addio alle corse di Matzka: il tedesco, infatti, era risultato positivo ad un controllo antidoping in data 3 marzo 2016 (esattamente un mese prima del Fiandre), ma la notizia non era stata resa pubblica “per proteggere l’atleta” ha spiegato la sua ex squadra.

La sostanza incriminata è il Tamoxifene, utilizzata soprattutto per il trattamento dei tumori al seno ma che può favorire la produzione di testosterone oppure sfruttata come agente coprente. L’ipotesi per la positività è quella di una contaminazione involontaria dell’acqua: al momento Ralf Matzka, pur avendo praticamente chiuso la sua carriera, non risulta essere sospeso dall’UCI e sia il corridore che la sua ex squadra si aspettano un verdetto di assoluzione.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile