Romain Hardy © Fortuneo-Oscaro
Romain Hardy © Fortuneo-Oscaro

Romain Hardy torna al successo al Tour du Doubs

Il francese Romain Hardy (Fortuneo-Oscaro) mette una ciliegina sulla torta a quella che potrebbe definirsi la stagione della sua rinascita, corrispondente al ritorno in casacca bretone dopo 4 anni alla Cofidis. Hardy era un corridore promettente nel 2012, quando ottenne il suo primo, e finora unico successo da professionista in una tappa del Tour du Haut Var; poi metà stagione ai box per una toxoplasmosi, e annate altalenanti alla Cofidis, l’ingaggio nella Fortuneo ed il ritorno a buoni livelli, con un ottimo Tour de France concluso al 26° posto. Ed oggi, il ritorno al successo al Tour du Doubs, corsa impegnativa ad alta quota nell’omonimo dipartimento della Franca Contea.

La corsa è decisa da un’azione di 30 atleti partita a 100 km dal traguardo, sul GPM di La Montagne de la Chaux, punto più alto di giornata, con presenti tra gli altri Thibaut Pinot e Lillan Calmejane, oltre che il capitano della Delko Marseille Mauro Finetto. Un ulteriore contropiede a 35 km dall’arrivo permette a metà di questi uomini di sbarazzarsi dell’ingombrante compagnia e andare a giocarsela sul traguardo di Pontarlier. Sulla discesa dell’ultima salita di giornata, Le Larmont, Hardy parte in contropiede e guadagna il margine necessario per vincere: a Flavien Dassonville (HP BTP-Auber 93) la volata dei battuti, su Quentin Jaurégui (AG2R La Mondiale), 14° posto per Mauro Finetto.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile