Il podio dei campionati lussemburghesi su strada, dominati come al solito da Christine Majerus © Grand-Ducal Cycling
Il podio dei campionati lussemburghesi su strada, dominati come al solito da Christine Majerus © Grand-Ducal Cycling

La decima di Majerus ai campionati nazionali. Oyarbide in Spagna, Reis in Portogallo

Si va pian piano a completare il quadro dei campionati nazionali femminili, e qui possiamo dare conto del piccolo record personale di Christine Majerus, che oggi è andata a centrare il decimo titolo lussemburghese su strada, completando così il decennio perfetto: per lei la trafila di successi procede ininterrotta dal 2010. A cronometro vanta addirittura un titolo in più, contando ben 11 affermazioni finora. A 32 anni l’esperta portacolori della Boels-Dolmans è ancora lungi dal ritirarsi, per cui potrà ulteriormente rimpinguare il bottino nelle prossime stagioni. Nella gara odierna Majerus ha preceduto Chantal Hoffman (Lotto Soudal).

In Spagna la nuova campionessa è Lourdes Oyarbide (Movistar), brava a battere Irene Méndez e Mireia Benito (Massi-Tactic). Dall’altra parte dell’oceano, vittorie per Milagro Mena in Costarica e Danilas Ferreira in Brasile. Tornando all’Europa, in Russia titolo per Alexandra Goncharova (Servetto-Piumate-Beltrami TSA), mentre in Lettonia esulta Lija Laizane (Eneicat).

Portogallo: non c’è stata storia nel campionato lusitano disputato sulla distanza di 89 km in quel di Melgaço: Daniela Reis ha monopolizzato la scena, giungendo al traguardo tutta sola con 2’10” di vantaggio sulla seconda, Raquel Queirós. Per vedere all’arrivo la terza, Sandra Santos (Eneicat), si è dovuto aspettare 6’19”. La 26enne della Doltcini-Van Eyck Sport era la campionessa uscente, e, per dirla tutta, con quello odierno quattro degli ultimi cinque titoli portoghesi sono finiti nella sua bacheca; a quelli su strada si aggiungono anche cinque titoli a cronometro, compreso quello conquistato giusto ieri.

Svezia: il paese scandinavo non ha più una ciclista di massimo riferimento com’era fino a pochi anni fa Emma Johansson, per cui l’albo d’oro dei campionati nazionali si fa più variegato rispetto alla prima metà del decennio. E oggi vi fa il suo ingresso Lisa Norden, che era già stata seconda 12 mesi fa e che soprattutto contro il tempo si era già fatta valere negli assoluti di Svezia (suoi i titoli 2017 e 2018). Di sicuro, a 34 anni, colleziona con questa maglia di campionessa nazionale l’affermazione più importante in carriera. A Båstad, località in cui la prova si è svolta sulla durata di 123 km, Norden ha vinto in solitaria rifilando 1’47” alla seconda, Hanna Nilsson (BTC City Ljubljana), e 4’07” alla terza, Nathalie Eklund, arrivata insieme a Sara Hedberg. In una gara molto selettiva, la quinta (Ebba Granqvist) ha accusato un ritardo di 10’27”.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini




Versione stampabile