Il podio della prima tappa della Course Cycliste de Solidarnosc © VERVA ActiveJet
Il podio della prima tappa della Course Cycliste de Solidarnosc © VERVA ActiveJet

La Course de Solidarnosc si apre nel segno di Franczak. Clavicola ko per Ponzi

La ventisettesima edizione della Course Cycliste de Solidarnosc et des Champions Olympiques si è aperta in Polonia con una frazione pianeggiante di 178 km tra Radom e Lodz: a vincere lo sprint di gruppo è stato il padrone di casa Pawel Franczak (VERVA ActiveJet), al primo successo stagionale.

Il ventiquattrenne ha superato il belga Enzo Wouters (Lotto Soudal Under 23), l’ucraino Andriy Kulyk (Kolss-BDC Team), il ceco Alois Kankovsky (Whirlpool Author), il bielorusso Uladzimir Harakhavk (Nazionale bielorussa), l’olandese Jasper Hamelink (Metec TKH Continental), il tedesco Leon Rohde (LKT Team Brandenburg), i cechi Vojtech Hacecky (Whrilpool Author) e Jan Stöhr (CK Pribram Fany Gastro) e il lituano Darijus Dzervus (Staki-Baltik).

L’unico italiano al via, il lombardo Simone Ponzi (CCC Sprandi Polkowice), non ha terminato la tappa a causa di una caduta: la diagnosi parla di frattura della clavicola, che l’ex atleta di Astana e Lampre si era già fratturato nei mesi scorsi. Domani doppio appuntamento: nella mattina la Koluzski-Kutno di 99 km, nel pomeriggio la Pabianice-Sieradz di 84 km.

Archivio

La vignetta di Pellegrini