Pieter Vanspeybrouck si gode il riposo del vincitore © Twitter
Pieter Vanspeybrouck si gode il riposo del vincitore © Twitter

Pieter Vanspeybrouck si impone nella Omloop Mandel-Leie-Schelde

In un’annata di transizione, con le partenze verso il World Tour dei capitani Campenaerts, Naesen, Theuns e Wallays, la Topsport Vlaanderen-Baloise trova il secondo successo alla Omloop Mandel-Leie-Schelde: nella prova di 170 km a Meulebeke si è imposto chi maggiormente ha tenuto alto la bandiera della formazione fiamminga nel 2016, ossia l’esperto Pieter Vanspeybrouck.

Il ventinovenne di Tielt, che non vinceva dal 2011 (suo lo Sparkassen Giro a Bochum), ha anticipato il gruppo di 4″: con lui sul podio salgono il britannico Christopher Latham (Team Wiggins) e il figlio d’arte Amaury Capiot (Topsport Vlaanderen-Baloise).

La top 10 si completa con il belga Baptiste Planckaert (Wallonie Bruxelles), con l’australiano Steele Von Hoff (ONE Pro Cycling), con il belga Nicolas Vereecken (An Post-ChainReaction), con il francese Justin Jules (Veranclassic-AGO), con i belgi Emiel Vermeulen (Team 3M) e Kenny Dehaes (Wanty-Groupe Gobert) e con l’olandese André Looij (Roompot-Oranje Peloton)

Archivio

La vignetta di Pellegrini