Pierre Idjouadiene © DirectVélo
Pierre Idjouadiene © DirectVélo

Francia, Idjouadiene vince la corsa intitolata all’amico Fabre, morto a dicembre

Una tragedia che aveva scosso il ciclismo giovanile francese appena tre mesi fa, la scomparsa di Etienne Fabre, caduto in un crepaccio durante una camminata in montagna in dicembre: la morte del 20enne, ottima promessa del ciclismo transalpino, aveva ispirato al suo grande amico Pierre Idjouadiene, anch’egli corridore, una commovente lettera pubblicata all’indomani del decesso.

Oggi Idjouadiene può dire di aver onorato nel migliore dei modi il ricordo del povero Etienne: il ragazzo ha infatti vinto il Circuit des 4 Cantons, gara che da quest’anno ha anche un’altra denominazione, e cioè Souvenir Etienne Fabre. 12 mesi fa fu proprio Fabre a vincere questa corsa, e gli organizzatori hanno voluto così commemorarne la figura.

Per Idjouadiene vincere questa gara era un obiettivo coltivato da settimane. E oggi la sua condotta è stata perfetta, anche grazie all’aiuto della sua squadra, la CC Etupes, ha fatto corsa dura, e poi si è involato in compagnia dell’avversario Grégoire Tarride, puntualmente battuto nello sprint a due.

“Sono fiero di quello che ho fatto oggi, dal momento del mio attacco a quello in cui sono salito sul podio è stato un turbinio di tutte le emozioni possibili. Mi capita ancora di ripensare ai momenti con Etienne, ricordo la sua gioia proprio qui un anno fa e quella serata, quando finì lo champagne con cui era stato premiato per la sua vittoria”, ha dichiarato tra le altre cose Pierre a DirectVélo.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile