La nuova maglia rosa Nairo Quintana © Bettiniphoto
La nuova maglia rosa Nairo Quintana © Bettiniphoto

Nibali: «Troppo generoso nella prima parte di salita»

Le dichiarazioni dopo la 9a tappa. Thomas: « Certe cose non dovrebbero accadere. Per me è game over»

NAIRO QUINTANA (Movistar Team)
«Sono contento. Oggi tutto è andato come avevamo pianificato. Ci siamo preparati molto bene per il Giro. Ho accumulato un discreto vantaggio sui miei avversari che mi tornerà utile nella crono di martedì visto che tra loro ci sono alcuni specialisti. Vorrei tenere la Maglia Rosa il più a lungo possibile. Abbiamo una squadra forte che può difenderla. Il Giro è ancora lungo. Non siamo ancora a metà. Tom Dumoulin mi ha sorpreso oggi, ma tutti i miei rivali sono forti. Anche Nibali non è andato così male, dovrò fare il più attenzione possibile, sopratutto nell’ultima settimana».

TOM DUMOULIN (Team Sunweb)
«Wilco si sentiva molto bene oggi ed è un peccato perderlo. Non posso essere davvero felice per il risultato perché sono molto dispiaciuto che sia fuori dalla corsa. Io sono riuscito appena ad evitare di cadere, ma Wilco era più vicino di me, un vero peccato. Caduta a parte, è stato bello portare un po’ di fuochi d’artificio e le gambe stanno bene».

BAUKE MOLLEMA (Trek-Segafredo)
«Una salita davvero davvero dura, una delle più dure di questo Giro. Io ho avuto una buona giornata. Sono finito abbastanza vicino al secondo e al terzo, Quintana è stato molto forte oggi. Sono riuscito a tenere un buon passo per tutta la salita. È stata una buona giornata per la classifica, ho guadagnato 2-3 minuti su molti altri e di questo sono felice oggi. In salita ho preso il mio passo, ero con Dumoulin e ha fatto un bel ritmo ma non riuscito ad aiutarlo molto, era molto forte oggi. So che è un ottimo cronoman e per questo è bravo a tenere un ritmo regolare e sono riuscito a stare con lui a lungo. Negli ultimi due chilometri mi sono staccato da Pinot e Dumoulin ma sono comunque andato a tutta fino all’arrivo. Ancora una volta, era una salita durissima».

THIBAUT PINOT (FDJ)
«Quintana è molto forte, ma, da qui a Milano molte cose possono accadere. Dumoulin è un avversario molto pericoloso. Ho cercato di rispondere agli attacchi di Nairo, ma è stato di un livello più alto oggi. Al momento della caduta, ero ben situato nel centro e ho visto che la caduta è stata causata dal moto. Non è piacevole che i rivali perdano in questo modo»

GERAINT THOMAS (Team Sky)
«Ovviamente stavamo correndo alla base della salita, occupando tutta la strada, e subito dopo i ragazzi davanti a me improvvisamente si sono trovati per terra prendendo la moto. E  io sono finito per terra. Sentivo che la spalla non era a posto, ma il dottore di gara me l’ha rimessa dentro, ed era OK, ma ovviamente dovevo recuperare un’altra bicicletta prima. Game Over. Sono tornato su e ho lottato fino al traguardo, ma sapevo che in fondo non c’è ritorno da questo. Sono stato a terra per molto tempo e ho atteso anche per la bici. E’ un peccato, perché queste cose non dovrebbero accadere. Dubito che gli altri contendenti mi faranno recuperare facilmente il tempo perduto.

VINCENZO NIBALI (Bahrain – Merida)
«Non era una salita per me. La squadra di Quintana ha fatto un gran ritmo e abbiamo preso gli ultimi 13 km molto veloce. Probabilmente sono stato troppo generoso e ho speso troppa energia, all’inizio della salita. Ma avremo altre opportunità nei prossimi giorni».

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile