Talansky abbraccia tutti per il successo ottenuto © Tim De Waele
Talansky abbraccia tutti per il successo ottenuto © Tim De Waele

Talansky torna a vincere sul Mt. Baldy. Majka resta leader del California

Risultato importante per la Cannondale nella tappa regina del Tour of California, la Ontario – Mt. Baldy: la formazione di Vaughters torna infatti a vincere nel World Tour, grazie al suo capitano Andrew Talansky, dopo 2 anni di digiuno (ultimo successo: Formolo al Giro 2015).

Una tappa decisiva ma non risolutiva per la classifica generale, che ha visto muoversi nelle fasi iniziali una fuga molto nutrita, di ben 24 atleti: tra questi, Peter Sagan, in funzione di gregario del leader Majka, Thiago Machado (Katusha), il leader della classifica GPM Daniel Jaramillo (Unitedhealthcare), il nostro Matteo Trentin (Quick Step), Peter Kennaugh (Sky), e i primi 3 protagonisti della fuga di mercoledì, ossia Rob Britton, Evan Huffman (Rally Racing) e Lennard Hofstede (Sunweb).

Sulle prime rampe della salita, la fuga si è dissolta (Britton l’ultimo a cedere) e la Lotto-NL ha preso il controllo della situazione, come nella seconda tappa. Ma è stato Talansky a produrre la selezione decisiva, riducendo la sfida tra lui, il leader Majka, George Bennett, capitano della LottoNL, e Ian Boswell (Sky), più sofferente rispetto ai tre sopra citati ma bravo ad approfittare dei rallentamenti per rientrare.

Nello sprint finale, condizionato da un ampio tornante, Talansky ha affrontato al meglio l’ultima curva, superando Rafal Majka e andando a prendere il successo davanti al polacco. Bennett perde 2″, Boswell, 5″, un bravissimo Brent Bookwalter (BMC) arriva a 8″, Poi Oomen (Sunweb) a 20″ e Morton (Dimension Data) a 27″.

Come si può ben capire, l’ascesa non ha prodotto la selezione sperata, rinviando la definizione della classifica generale alla tappa odierna, una crono di 24 km attorno a Big Bear Lake. Majka dovrà difendere 6″ di vantaggio su Bennett, 25″ su Boswell, 44″ su Talansky, 49″ su Morton ed 1’02” su Bookwalter, magari impossibilitato a vincere il Tour of California ma vicino ad agganciare il podio.

La vignetta di Pellegrini

Archivio

Versione stampabile Versione stampabile