Evan Huffman taglia la linea a Pasadena davanti ai restanti fuggitivi © Twitter
Evan Huffman taglia la linea a Pasadena davanti ai restanti fuggitivi © Twitter

Huffman azzecca ancora la fuga, George Bennett vince il Tour of California

Tutt’altro che una kermesse, l’ultima tappa del Tour of California da Mountain High a Pasadena: le tre salite collocate nei 125 km della frazione hanno spinto diversi uomini di alta classifica ad attaccare. L’azione decisiva è partita sulla prima salita di Mt.Emma Road, con mezza Rally Cycling impegnata nel tentativo: il vincitore della quarta tappa Evan Huffman, Rob Britton e Sep Kuss. Con loro, David Lopez Garcia (Sky), Nicolas Edet (Cofidis) e Lachlan Morton (Dimension Data), il più vicino in classifica e piuttosto sfortunato nella crono di Big Bear Lake, dove ha perso molto terreno a causa di un incidente meccanico.

Diversi gli attacchi anche in senso al gruppo, con Rafal Majka e Andrew Talansky che non hanno lesinato bordate al leader George Bennett, il quale però si è saputo difendere egregiamente.

Al termine della fase collinare, i 6 diventati 5 (sacrificato Kuss) riuscivano ad entrare in Pasadena con un margine rassicurante su un gruppo di 25 uomini. Arrivati sul rettilineo finale, Huffman si trova in una posizione scoperta e vantaggiosa, ma riesce lo stesso a piazzare un ottimo scatto sulla sinistra, beffando Lopez Garcia, Edet e Morton, e venendo festeggiato dal compagno Britton.

Il gruppo principale arriva a 22″, regolato da un Peter Sagan (Bora) per niente sofferente su salite e cambi di ritmo, settimo un bravo Matteo Trentin (Quick Step), poi Degenkolb (Trek), Benjamin King (Dimension Data) e Restrepo (Katusha).

La generale resta immutata e vede George Bennett imporsi con 35″ su Majka, 36″ su Talansky, 45″ su Bookwalter, 1′ su Boswell, 1’54” su Laengen, 1’55” su Morton, 2’12 su Geoghegan Hart (miglior giovane), 2’15” su Oomen e 3’14” su Zubeldia.  Per George Bennett si tratta anche della prima vittoria da professionista, ottenuta a 27 anni.

Ciclismo in Tv

Non ci sono eventi imminenti.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile