La gioia di Mads Pedersen, nuovo campione danese in linea © Lars Rønbøg - Getty Images
La gioia di Mads Pedersen, nuovo campione danese in linea © Lars Rønbøg - Getty Images

Altri risultati: ok Mezgec e Pedersen, sorpresa Tiller in Norvegia

In Danimarca tre corridori si sono giocati il successo in volata. A prevalere, coronando un’eccellente prima parte di stagione, è stato Mads Pedersen; il giovane della Trek-Segafredo ha sprintato sul detentore del titolo Alexander Kamp (Team Veloconcept) e su Nikolai Brøchner (Riwal Platform).

Grande, anzi, enorme sorpresa in Norvegia. Tre corridori si sono giocati il successo allo sprint; a risultare vincente è stato Rasmus Tiller. Costui è un ventenne della Joker-Icopal e solo una settimana fa aveva terminato terzo al campionato under 23; tale risultato era il migliore piazzamento stagionale insieme al bronzo ottenuto nella Gand-Wevelgem under 23. Con lui sul podio il più famoso Sven Erik Bystrøm (Team Katusha-Alpecin) e Bjørnar Vevatne Øverland (Team FixIt.no).

In Svezia, vittoria per una vecchia (si fa per dire) conoscenza del ciclismo italiano. Si è incoronato campione nazionale Kim Magnusson, visto nel 2014 con la Vini Fantini; ora il ventiquattrenne milita in patria per il Team Tre Berg-Postnord.

Spostandoci verso l’area balcanica, in Slovenia podio occupato da corridori del World Tour. Dopo due secondi posti, Luka Mezgec coglie finalmente il primo titolo nazionale; il corridore della Orica-Scott, pimpantissimo la scorsa settimana nella corsa a tappe di casa, ha preceduto Grega Bole (Bahrain Merida) e Matej Mohoric (UAE Team Emirates).

In Croazia ha coronato il suo sogno Josip Rumac; il corridore della Synergy Baku, dopo due secondi posti di fila, ha finalmente preso la prima piazza. Battuti nel finale Matija Kvasina (Team Felbermayr-Simplon Wels) e Bruno Radotic.

In Grecia vittoria, la prima nella gara nazionale, per Charalampos Kastrantas (Dare Viator Partizan), ventiseienne recente vincitore del Tour de Serbia.

Dopo la prova a cronometro, Nicolae Tanovitchii diventa anche campione in linea della Moldavia. Il corridore della italiana Team Fracor-Cervélo ha avuto la meglio su Maxim Rusnac e Cristian Raileanu, ossia gli ultimi due vincitori, ora militanti entrambi nel Team Differdange-Losch-

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile