Silvan Dillier taglia il traguardo del campionato svizzero sollevando la bici © Twitter
Silvan Dillier taglia il traguardo del campionato svizzero sollevando la bici © Twitter

Super Dillier in Svizzera. Ottimo Guerreiro in Portogallo, si conferma Jungels

Podio monopolizzato dal BMC Racing Team in Svizzera. A imporsi, al termine di una gara condotta all’attacco, è stato Silvan Dillier; il vincitore di Terme Luigiane al Giro d’Italia ha a lungo pedalato da solo ed ha tagliato il traguardo alzando il suo mezzo. A coprirlo alle spalle Stefan Küng e Kilian Frankiny, giunti a 1’51” e 1’54”.

In Portogallo, in un arrivo al termine di uno strappetto, vince, lui che è al primo anno tra gli élite, Rubén Guerreiro. Il giovane portoghese della Trek-Segafredo batte due avversari ben più scafati come Rui Vinhas (W2-FC Porto) e Ricardo Vilela (Manzana-Postobón), lasciati a 3″ e 5″.

In Lussemburgo tutto facile per Bob Jungels. Il corridore della Quick Step Floors ha salutato la compagnia ed è giunto tutto solo sulla linea d’arrivo; per lui quarta vittoria, la terza di fila, in cinque anni. Nello sprint per il secondo posto Alex Kirsch (WB Veranclassic Aqua Protect) ha avuto la meglio su Ben Gastauer (AG2R La Mondiale).

Cambiando continente e viaggiando fino in Eritrea, arrivo in volata nel paese africano. Ad imporsi è stato Meron Abraham, corridore ancora dilettante e vincitore quest’anno di una tappa alla Tropicale Amissa Bongo. Sul podio con lui Elyas Afewerki (Start-Vaxes) e Merhawi Kudus (Team Dimension Data). Per tutti è la prima esperienza nella top 3 tra gli élite.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile