Tom Dumoulin impegnato nella Penne-Gualdo Tadino © Bettiniphoto - Luca Bettini
Tom Dumoulin impegnato nella Penne-Gualdo Tadino © Bettiniphoto - Luca Bettini

Dumoulin: «Sono caduto, domani capiremo se sarà tutto ok»

Le dichiarazioni dopo la tappa di Gualdo Tadino. Yates: «Sono molto deluso per Chaves, so quanto ha lavorato per essere in forma»

MATEJ MOHORIC (Bahrain Merida)
«È fantastico. Sono veramente felice per me ma soprattutto per la mia squadra, il team Bahrain Merida. Mi hanno lasciato provare a vincere la tappa, anche se stiamo correndo tutti per Domenico Pozzovivo. Non ero sicuro di battere Nico Denz. Ecco perché ho provato ad attaccare per primo. Ho dato tutto quando ho visto che non mi riusciva a superare e fortunatamente ce l’ho fatta»

SIMON YATES (Mitchelton Scott)
«Chaves ha avuto un brutto momento nella prima salita di giornata. Subito dopo il giorno di riposo, non sai mai come risponde il corpo. Sono molto deluso per lui perché ha lavorato duramente per questo Giro. Ho fatto lo sprint per il bonus perché ho bisogno di guadagnare tempo su Tom Dumoulin, quando ho visto Thibaut Pinot allungare sono riuscito a superarlo. Ho bisogno di tutti i secondi che posso ottenere, quindi forse proverò ancora a prenderne altri»

ESTEBAN CHAVES (Mitchelton Scott)
«Il Giro d’Italia è così, la vita stessa è così. Un giorno realizzi un sogno, come capitato a me vincendo la tappa dell’Etna, e poi ti trovi senza forze sulla prima salita di giornata, incapace di rimanere con gli avversari. Il mio rapporto di amore e difficoltà con l’Italia continua ancora: sono molto legato a questo paese e amo questa corsa, anche per la sua imprevedibilità. Una tappa come quella di oggi è molto difficile da digerire, ma l’importante che come squadra continuiamo a guidare la classifica generale. Non cambiano quindi i nostri piani»

TOM DUMOULIN (Team Sunweb)
«Sono felice per la compattezza che il team ha mostrato e ringrazio i ragazzi per quanto hanno fatto. Sono stati stupendi nel non permettere a Chaves di rientrare, così come Sam (Oomen, ndr) è stato perfetto nell’aiutarmi dopo la caduta. Chi tirava il gruppo in quel momento ha sbagliato l’impostazione della curva per cui siamo entrati ad alta velocità: tutti abbiamo frenato ma io l’ho fatto in ritardo e sono finito a terra. Dopo la doccia sono sicuro che con il passare delle ore farà male. Per il momento è tutto apposto, vediamo domani come andrà. Yates è incredibilmente forte, ha preso l’abbuono con facilità. Sono sorpreso per la disfatta di Chaves, una giornata no può capitare a chiunque»

SERGIO HENAO (Team Sky)
«È stata una giornata lunga e faticosa per tutti sin dall’inizio. E ripartire così, dopo un giorno di riposo, è uno shock per il fisico. Le pause in un grande giro sono sempre pericolose da questo punto di vista, soprattutto quando alla ripresa ci sono tappe estremamente lunghe e, come nel caso odierno, con tempo inclemente. Ho provato a cercare il successo di tappa ma non è arrivato, pazienza. Questo è il ciclismo, domani è un altro giorno difficile»

Visita lo store di Cicloweb!

Dal nostro Store

Ciclismo in Tv

Non ci sono eventi imminenti.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile