Il podio della prova a cronometro ruandese © Twitter
Il podio della prova a cronometro ruandese © Twitter

Campionati a crono, ok Areruya in Ruanda, Goldstein in Israele e Rumac in Croazia

In Ruanda crono decisamente lunga, dato che si è pedalato per 41.8 km. Vittoria, la prima della carriera, per l’atleta più talentuoso del paese, vale a dire Joseph Areruya. Il portacolori della Delko Marseille Provence KTM si è espresso in 54’38”, riuscendo a precedere di 29″ Jean Bosco Nsengimana (Club de Bénédition) e di 3’33” Camera Hakusimana (Cycling Club for All).

In Croazia è tutto troppo facile per Josip Rumac che, complice l’assenza dei professionisti Durasek e Kiserlovski, non fatica affatto per prendere il primo titolo nazionale a cronometro. Il ventitreenne della Meridiana Kamen si esprime in 36’36”, battendo di 2’12” Bojan Gunjevic e di 3’12” Mijo Bebic.

Cronometro anche in Israele: ad Atlit, sulla distanza di 28 km, Omer Goldstein è riuscito a conquistare il primo titolo della specialità dopo due piazze d’onore di fila. Il ventunenne della Israel Cycling Academy ha però tremato, dato che il primo dei rivali, lo sconosciuto Aaron Hitman, ha pagato solo 8″. Completa il podio a 50″ un altro alfiere della formazione Professional, ovvero sia Guy Sagiv.

Visita lo store di Cicloweb!

Dal nostro Store

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile